it_IT Home Blogosfere.it - Ultime notizie della sezione Home Thu, 24 May 2018 06:13:16 +0000 Thu, 24 May 2018 06:13:16 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogosfere.it/home 2004-2014 Blogo.it Caluso, scontro tra Treno e Tir: due morti e 20 feriti Thu, 24 May 2018 05:45:56 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595617/caluso-scontro-tra-treno-e-tir http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595617/caluso-scontro-tra-treno-e-tir Redazione Blogo.it Redazione Blogo.it

Incidente ferroviario Caluso

Grave incidente ferroviario ieri sera, mercoledì 23 maggio 2018, poco prima delle 23:30, quando è avvenuto uno scontro tra un maxi Tir e un convoglio che viaggiava sulla linea Torino-Ivrea-Aosta. È sucesso a Caluso, all'altezza della frazione Are. Ci sono due morti: il macchinista del convoglio Roberto Madau, di 61 anni, e un addetto alla scorta tecnica del Tir. I feriti sono una ventina e almeno tre sono gravi: il capotreno e due passeggeri.
Due dei tre vagoni che componevano il treno e la motrice sono deragliati, abbattendo anche un palo della luce. Il treno è andato a finire nel cortile di un'abitazione che si trova lì vicino.

Secondo le prime ricostruzioni il Tir era partito dalla Repubblica Ceca ed era adibito a trasporti eccezionali, in particolare trasportava container. Avrebbe attraversato il passaggio a livello contromano, nonostante il semaforo fosse già lampeggiante per annunciare l'arrivo del treno 10027 che era partito dalla stazione Torino Porta Nuova alle 22:27 ed era diretto a Ivrea.

Con il Tir c'era anche un altro mezzo che trasportava container-silos di grandi dimensioni ed erano diretti a un'azienda di Foglio. A bordo del treno, che era alla sua ultima corsa della giornata, c'era una quarantina di persone. Il macchinista ha azionato il freno d'emergenza per ridurre l'impatto, ma non c'è stato scampo, lo scontro era ormai inevitabile.

Il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, sta coordinando le indagini, assistito dal comandante provinciale dei carabinieri Emanuele De Santis, che ha raccolto le testimonianze dei testimoni oculari.

L'autista del Tir è rimasto illeso ed è stato sottoposto ad alcoltest. Per ora sono stati esclusi malfunzionamenti del meccanismo che regola le sbarre del passaggio a livello, che è andato in tilt dopo lo scontro, tanto che la campana ha continuato a suonare per ore e anche i fari rossi hanno continuato a lampeggiare.

Uno degli uomini della scorta tecnica del Tir ha detto:

"Stavo facendo segno all'autista di passare e la luce è diventata rossa all'improvviso. Allora mi sono messo ad urlare alla radio. Gli ho detto di tornare indietro perché non ce l'avrebbe fatta a far passare tutto il cassone. Lui ha messo la retro ma in quel momento la sbarra è venuta giù ed è rimasto incastrato in mezzo al passaggio a livello"

PROSEGUI LA LETTURA

Caluso, scontro tra Treno e Tir: due morti e 20 feriti é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 07:45 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
FDI, Crosetto si è dimesso da Parlamentare: "Motivi personali" Wed, 23 May 2018 21:29:24 +0000 http://www.polisblog.it/post/393441/fdi-crosetto-si-e-dimesso-da-parlamentare-motivi-personali http://www.polisblog.it/post/393441/fdi-crosetto-si-e-dimesso-da-parlamentare-motivi-personali redazione Blogo.it redazione Blogo.it

guido-crosetto.jpg

Guido Crosetto si è dimesso da parlamentare. Lo ha annunciato lo stesso esponente di Fratelli d'Italia, precisando di averlo fatto esclusivamente per motivi personali: "Mi sono dimesso da parlamentare. Me ne vado con grande dispiacere, come ho scritto nella lettera che dieci giorni fa ho inviato al presidente della Camera. La mia decisione è dovuta a motivi personali e non di dissenso sulla linea politica. Mi dispiace perché avrei voluto partecipare e impegnarmi in prima persona in questa fase politica che ritengo sarà molto interessante e importante per il Paese".

La notizia ovviamente non è passata inosservata. In molti hanno iniziato ad avanzare ipotesi circa le ragioni delle dimissioni di uno dei fondatore di Fratelli d'Italia anche perché, ultimamente, Crosetto aveva espresso qualche apertura circa la possibilità di votare - insieme al suo partito - la fiducia al prossimo Governo M5S-Lega. Per questo motivo Crosetto ha nuovamente ribadito attraverso Facebook che la sua decisione non è in alcun modo legata alla linea politica di Fratelli d'Italia, del quale infatti resta coordinatore: "Leggo gente che non conosco spiegare le ragioni delle mie dimissioni da Parlamentare, usandole magari per attaccare FDI o Giorgia Meloni. Vorrei solo precisare che mi sono dimesso dalla Camera e non da FDI!!! Della cui segreteria nazionale continuo ad essere coordinatore!!"

PROSEGUI LA LETTURA

FDI, Crosetto si è dimesso da Parlamentare: "Motivi personali" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 23:29 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Ufficiale: Carlo Ancelotti nuovo allenatore del Napoli Wed, 23 May 2018 21:06:28 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731727/ufficiale-carlo-ancelotti-nuovo-allenatore-del-napoli http://www.calcioblog.it/post/731727/ufficiale-carlo-ancelotti-nuovo-allenatore-del-napoli Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

schermata-2018-05-23-alle-22-50-01.jpg

Adesso è ufficiale: Carlo Ancelotti è il nuovo allenatore del Napoli. In un solo pomeriggio De Laurentiis ha prima salutato Maurizio Sarri attraverso twitter e poi, sempre utilizzando il social network, ha dato il benvenuto a Carlo Ancelotti con tanto di foto. Il Napoli ha sfruttato anche le qualità da poliglotta dell'ex tecnico del Bayern Monaco, facendogli realizzare un video di presentazione in italiano, inglese, francese e spagnolo con questo messaggio: "Sono veramente felice e onorato di allenare la squadra di una città unica sostenuta da un tifo impareggiabile".


Carlo Ancelotti ha firmato un contratto di 3 anni da 5 milioni netti con gli azzurri, come confermato dal sito ufficiale: "Il Calcio Napoli è lieto di annunciare di aver definito un accordo con l’allenatore Carlo Ancelotti avente ad oggetto la guida tecnica della Prima squadra per le prossime tre stagioni e quindi a partire dal 2018-2019". La conferenza stampa di presentazione è stata programmata per il 9 luglio prossimo. Ancelotti, intanto, ha già commentato l'inizio di questa nuova avventura con un messaggio pubblicato sul proprio sito ufficiale: "Sono felice di tornare nel mio paese per mano di uno dei massimi club italiani. Siamo venuti per competere e portare al Napoli tutta la nostra esperienza e le nostre conoscenze. Siamo molto lieti di raccogliere questa sfida e iniziare una nuova avventura calcistica. Desidero ringraziare il presidente per avermi affidato un progetto che mi appassiona, ma soprattutto per avermi dato la possibilità di conoscere dall’interno una delle migliori tifoserie d’Italia. A tutti loro dico che lavoreremo duro e con la massima professionalità per raggiungere gli obiettivi che tutti sogniamo. Mi auguro di vivere tanti bei momenti insieme".


PROSEGUI LA LETTURA

Ufficiale: Carlo Ancelotti nuovo allenatore del Napoli é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 23:06 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Governo, Mattarella ha conferito l'incarico a Giuseppe Conte, che ha accettato con riserva Wed, 23 May 2018 20:36:21 +0000 http://www.polisblog.it/post/393347/governo-mattarella-giuseppe-conte http://www.polisblog.it/post/393347/governo-mattarella-giuseppe-conte redazione Blogo.it redazione Blogo.it

22:38 - Conte è appena uscito da Palazzo Madama dopo l'incontro con la Presidente Casellati. Domani il Premier designato incontrerà le forze politiche per esporre il programma di Governo.


20:15 - Conte sta incontrando Roberto Fico a Montecitorio. Alle 20:30 è previsto l'incontro con la Presidente Casellati.


Aggiornamento ore 19:42 - Giuseppe Conte ha confermato di aver accettato l'incarico con riserva. Questo il suo breve discorso davanti alla platea dei giornalisti: "Buonasera a tutti. Il Presidente della Repubblica mi ha conferito l'incarico di formare il Governo, incarico che ho accettato con riserva. Se riuscirò a portare a termine l'incarico, esporrò alla Camera un programma basato sulle intese intercorse tra la forze politiche di maggioranza. Con il Presidente della Repubblica abbiamo parlato della fase impegnativa e delicata che stiamo vivendo e delle sfide che ci attendono, di cui sono consapevole. Così come sono consapevole della necessità di confermare la collocazione europea ed internazionale dell'Italia. Il Governo dovrà cimentarsi da subito con i negoziati in corso sui temi del bilancio europeo, della riforma del diritto d'asilo e del completamento dell'Unione bancaria. È mio intendimento impegnare a fondo l'esecutivo su questo terreno, costruendo le alleanze opportune e operando affinché la direzione di marcia tutela e rifletta gli interessi nazionali. Fuori da qui c'è un Paese che, giustamente, attende la nascita di un esecutivo e attende delle risposte. Quello che si appresta a nascere sarà il Governo del cambiamento. Il contratto su cui si fonda questa esperienza di Governo, a cui anche io ho dato il mio contributo, rappresenta in pieno le aspettative di cambiamento dei cittadini italiani. Lo porrò a fondamento dell'azione di Governo, nel pieno rispetto che le prerogative che la Costituzione attribuisce al Presidente del Consiglio dei Ministri e nel rispetto delle altre regole costituzionali. Il mio intento è di dar vita ad un Governo che sia dalla parte dei cittadini, che tuteli i loro interessi. Sono Professore e Avvocato. Nel corso della mia vita ho perorate la cause di molte persone. Mi accingo ora a difendere gli interessi di tutti gli italiani. In tutte le sedi: europee ed internazionali. Dialogando con le istituzione europee e con i rappresentanti di altri Paesi. Mi propongo di essere l'avvocato difensore del popolo italiano. Sono disponibile a farlo senza risparmiarmi, con il massimo impegno e la massima responsabilità. Nei prossimi giorni tornerò dal Presidente della Repubblica per sciogliere la riserva e, in caso di esito positivo, per sottoporgli le proposte relative alla nomina dei ministri. Non vedo l'ora di iniziare a lavorare sul serio. Grazie a tutti.

Aggiornamento ore 19:22 - Il primo ad uscire è stato Ugo Zampetti, segretario generale del Quirinale. Zampetti ha parlato per pochi secondi, annunciando che Mattarella ha conferito a Giuseppe Conte il mandato di formare il Governo. Zampetti ha anche annunciato che tra pochi minuti parlerà il Presidente incaricato.

Aggiornamento ore 19:15 - È terminato l'incontro tra Mattarella e Giuseppe Conte. Per il momento, però, nessuno ha ancora fatto capolino nella sala dedicata alla stampa.

Aggiornamento ore 18:51 - I Corazzieri continuano a piantonare la stanza nella quale sta avvenendo il colloquio tra Giuseppe Conte ed il Presidente Mattarella. Il colloquio è sempre in corso.

schermata-2018-05-23-alle-18-49-43.jpg

Aggiornamento ore 18:22 - Ancora in corso il colloquio tra Mattarella e Conte.

Aggiornamento ore 17:30 - Il colloquio tra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Professor Giuseppe Conte è cominciato puntualmente.

Sergio Mattarella convoca Giuseppe Conte

Quirinale - Mattarella convoca Giuseppe Conte

"Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha convocato per le ore 17.30 di oggi, al Palazzo del Quirinale, il Prof. Giuseppe Conte", un messaggio scarno del Colle annuncia che oggi pomeriggio, finalmente, ci sarà l'incontro tra il Capo dello Stato e il Premier in pectore di MoVimento 5 Stelle e Lega. Difficile pensare che non venga assegnato l'incarico dopo questa convocazione ufficiale.

Sarà probabilmente anche la volta buona per sentire parlare finalmente il Professor Conte che in questi ultimi due giorni è stato attaccato a più riprese sul suo curriculum, sarà interessante dunque sentirlo, se si fermerà in sala stampa, dopo l'incontro con Mattarella. Vi terremo aggiornati su questa pagina di Blogo con tutti gli sviluppi della giornata.

Dopo la notizia della convocazione da parte di Mattarella, Luigi Di Maio, capo politico del MoVimento 5 Stelle, ha commentato:

"Oggi comincia la terza Repubblica, ve l'avevo detto, l'avevo promesso. Ovviamente il Presidente decide ma se è stato convocato..."

Anche la Lega è molto felice per questa notizia, in una nota ufficiale il Carroccio ha scritto:

"Soddisfazione in casa Lega per la convocazione di Conte dal presidente della Repubblica. Pronti a partire"

Questa mattina Luigi Di Maio e Matteo Salvini si sono incontrati e probabilmente hanno anche ricevuto una telefonata da parte del Presidente Mattarella che avrebbe chiesto loro la conferma del nome di Conte come Premier.

PROSEGUI LA LETTURA

Governo, Mattarella ha conferito l'incarico a Giuseppe Conte, che ha accettato con riserva é stato pubblicato su Polisblog.it alle 22:36 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Incarico a Conte: le reazioni della politica Wed, 23 May 2018 20:34:29 +0000 http://www.polisblog.it/post/393435/incarico-a-conte-le-reazioni-della-politica http://www.polisblog.it/post/393435/incarico-a-conte-le-reazioni-della-politica redazione Blogo.it redazione Blogo.it

blogo_Montecitorio

A dispetto degli spifferi della vigilia, il Presidente Mattarella ha conferito al Professor Giuseppe Conte l'incarico di formare il Governo. Come da prassi Conte ha accettato l'incarico "con riserva", anche se in questo caso si conosce già il programma del prossimo Governo, sintetizzato nel contratto tra Lega-M5S, e si conosce appunto la consistenza della maggioranza che - a meno di clamorosi colpi di scena - voterà la fiducia al nuovo Esecutivo.

Domani Conte farà il suo giro di Consultazioni alla ricerca di una maggioranza più ampia possibile, ma molto difficilmente riuscirà ad allargare il consenso andando al di là dei gruppi parlamentari di Movimento 5 Stelle e Lega.

Forza Italia, attraverso la capogruppo al Senato Anna Maria Bernini, ha già ribadito che non voterà la fiducia: "Forza Italia farà opposizione e non voterà la fiducia a un governo che nasce con un programma che ci preoccupa perchè non risolve i veri problemi dei cittadini e le tante emergenze che assillano l'economia, le famiglie, le imprese. Saremo vigili su un esecutivo che nasce sbilanciato sul M5S". Anche l'ex Ministro Gelmini la pensa allo stesso modo: "Sta per nascere un esecutivo a forte trazione grillina. Conte avvocato Italia? Contratto è una condanna".

Renzi ha annunciato di volersi "costituire parte civile" se Conte sarà "l'avvocato dell'Italia". Più duro Matteo Orfini, Presidente del Pd, che ha così commentato attraverso i social: "Sta per nascere un governo di estrema destra, composto da forze politiche di estrema destra e con un programma di estrema destra. Faremo opposizione. In Parlamento e nel Paese. Questo è il nostro ruolo".

Anche Arturo Scotto (Leu) ha ribadito la distanza tra il suo schieramento e il prossimo Governo: "In bocca al lupo al Presidente #Conte. Non sappiamo con quale autonomia, mette la faccia su un contratto di governo che inaugura la stagione di una nuova destra. Liberista, populista e xenofoba. La nostra opposizione sarà netta e senza sconti".

Salvini, ovviamente, ha salutato con ben altro entusiasmo la notizia: "Finalmente si parte!!! Sperando che non ci siano altri tentativi (dall’Italia o dall’estero) di fermare il cambiamento: prima il lavoro, prima la sicurezza, PRIMA GLI ITALIANI.Mai più servi di nessuno".

Luigi Di Maio ha invece parlato di una "giornata storica per il Paese", promettendo una nuova stagione per l'Italia: "Mattarella è stato pienamente rispettoso della nostra Costituzione, lo ringraziamo per quello che ha fatto. Oggi è stata una vera e propria liberazione. Abbiamo tante cose da fare. Non dico che sarà tutto facile, c'è stato un livello di attacchi inimmaginabile. Ma abbiamo resistito. Io sono uno che non si gode mai niente ma questo momento ce lo dobbiamo godere. Conte avrà la possibilità di far volare questo paese, renderlo più leggero, più snello e con più diritti. E Conte deve sapere che tutto il Movimento è con lui".

PROSEGUI LA LETTURA

Incarico a Conte: le reazioni della politica é stato pubblicato su Polisblog.it alle 22:34 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Renzi: "Conte sarà l'avvocato difensore del popolo italiano? Noi ci costituiamo parte civile" Wed, 23 May 2018 19:45:00 +0000 http://www.polisblog.it/post/393428/renzi-conte-sara-lavvocato-difensore-del-popolo-italiano-noi-ci-costituiamo-parte-civile http://www.polisblog.it/post/393428/renzi-conte-sara-lavvocato-difensore-del-popolo-italiano-noi-ci-costituiamo-parte-civile redazione Blogo.it redazione Blogo.it

<> on March 5, 2018 in Rome, Italy. Provisional results in the Italian General Election see the share of the vote spread across the main parties thus: Five Star 31.6% , Matteo Renzi's Democratic Party (DP) 19.1%,  Lega 18.2% and Silvio Berlusconi's Forza Italia 13.8%.

Nelle battute finali del suo discorso al Quirinale, Giuseppe Conte si è proposto come "avvocato difensore del popolo italiano". Una battuta legata alla sua doppia professione di professore di diritto e avvocato, che è servita da assist per Matteo Renzi che annunciato di volersi costituire parte civile: "Buon lavoro al Presidente incaricato #Conte. Egli si è proposto come l'avvocato difensore del popolo italiano: noi ci costituiamo parte civile. Parte civile per verificare se realizzeranno le promesse della campagna elettorale. E parte #civile nel modo di fare opposizione, perché noi rispettiamo le Istituzioni".

Questa battuta, oggettivamente simpatica, fa trasparire tutta l'insoddisfazione di Renzi per il risultato elettorale. Una sorta di lapsus freudiano. Se Conte farà l'avvocato difensore dell'Italia in questo ipotetico processo nel quale il Paese veste i panni dell'imputato, il ruolo di parte civile per Renzi e per il Partito Democratico è piuttosto singolare. Nel processo penale la "parte civile" rappresenta un soggetto che è stato danneggiato dal reato commesso dall'imputato (in questo caso, appunto, l'Italia) e per questo si costituisce per richiedere il risarcimento per il danno subito o la restituzione.

Ancora una volta Renzi ha ribadito, con una battuta, di non aver compreso i motivi della batosta elettorale. D'altra parte non è mai riuscito ad individuare nell'operato del suo Governo (o in quello del Governo Gentiloni) una delle ragioni che abbia portato al severo ridimensionamento dal Partito Democratico, dando sempre e solo la colpa alle sole "derive populiste".

PROSEGUI LA LETTURA

Renzi: "Conte sarà l'avvocato difensore del popolo italiano? Noi ci costituiamo parte civile" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 21:45 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Incarico a Conte, Di Maio: "È un giorno storico" Wed, 23 May 2018 19:14:17 +0000 http://www.polisblog.it/post/393420/incarico-a-conte-di-maio-e-un-giorno-storico http://www.polisblog.it/post/393420/incarico-a-conte-di-maio-e-un-giorno-storico Stefano Capasso Stefano Capasso

Il Presidente Mattarella ha conferito al Prof. Giuseppe Conte l'incarico di formare il Governo. Luigi Di Maio ha subito commentato la notizia con una lunga diretta su Facebook, nella quale ha esordito ribadendo che Conte sarà il Premier del "Governo del cambiamento". Secondo Di Maio l'incarico a Conte è da considerarsi un momento storico per "rimettere al centro le persone" e "per tutti quelli che ci hanno creduto e che hanno portato avanti per anni i temi ignorati dalla politica".

Di Maio ha poi ribadito che "Giuseppe è un amico del popolo italiano", ma soprattutto che faceva parte della squadra di Governo proposta dal Movimento 5 Stelle alla vigilia delle elezioni. Poi Di Maio ha sottolineato la dura campagna di stampa riservata a Conte: "Non dico che sarà tutto facile, abbiamo assistito a un livello di attacco inimmaginabile, si voleva trasformare in un sol giorno Conte nel male di questo Paese, ma abbiamo resistito e Mattarella è stato pienamente rispettoso della nostra Costituzione e per questo lo ringraziamo per ciò che ha fatto".

Di Maio ha invitato tutti a "godersi questo momento" perché "Conte avrà la possibilità di far volare questo Paese, renderlo più leggero, più snello e con più diritti. E Conte deve sapere che tutto il Movimento è con lui".

Anche Matteo Salvini ha espresso soddisfazione per le notizie che sono arrivate dal Quirinale: "Soddisfazione e voglia di cominciare a lavorare con la speranza che nessuno metta altri ostacoli alla nascita di un governo che gli italiani stanno aspettando".

PROSEGUI LA LETTURA

Incarico a Conte, Di Maio: "È un giorno storico" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 21:14 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Video: il discorso di Giuseppe Conte al Quirinale Wed, 23 May 2018 18:35:27 +0000 http://www.polisblog.it/post/393412/video-il-discorso-di-giuseppe-conte-al-quirinale http://www.polisblog.it/post/393412/video-il-discorso-di-giuseppe-conte-al-quirinale redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Al termine di un lungo colloquio, durato circa 1 ora e mezza, il Presidente Mattarella ha conferito l'incarico di formare il Governo a Giuseppe Conte. Il professore e avvocato ha parlato per qualche minuto davanti ai giornalisti, senza fermarsi per rispondere a delle domande. Conte ha spiegato di aver accettato l'incarico con riserva - come da prassi - anche se in questo caso non ci sono grossi dubbi sull'esistenza di una maggioranza a sostegno del suo Governo: "Il Presidente della Repubblica mi ha conferito l'incarico di formare il Governo, incarico che ho accettato con riserva. Se riuscirò a portare a compimento l'incarico esporrò alle Camere un programma basato sulle intese intercorse tra le forze politiche di maggioranza".

Conte ha riferito di essersi confrontato con il Presidente della Repubblica sul lavoro più urgente da affrontare, confermando la collocazioni internazionale dell'Italia: "Con il Presidente della Repubblica abbiamo parlato della fase impegnativa e delicata che stiamo vivendo e delle sfide che ci attendono e di cui sono consapevole, così come sono consapevole della necessità di confermare la collocazione europea e internazionale dell'Italia. Il governo dovrà cimentarsi da subito con i negoziati in corso sui temi del bilancio europeo, della riforma del diritto d'asilo e del completamento dell'unione bancaria. E' mio intendimento impegnare a fondo l'esecutivo su questo terreno, costruendo le alleanze opportune e operando affinché la direzione di marcia rifletta gli interessi nazionali".

Conte ha poi ribadito che il suo Governo partirà dal contratto di Movimento 5 Stelle e Lega, che lui stesso ha contribuito a stilare: "Fuori da qui c'è un Paese che giustamente attende la nascita di un esecutivo e attende delle risposte. Quello che si appresta a nascere sarà il Governo del Cambiamento. Il contratto su cui si fonda questa esperienza di governo, a cui anche io ho dato il mio contributo, rappresenta in pieno le aspettative di cambiamento dei cittadini italiani. Lo porrò a fondamento dell’azione di governo, nel pieno rispetto delle prerogative che la Costituzione attribuisce al Presidente del Consiglio dei Ministri e nel rispetto delle altre previsioni e regole costituzionali".

Il Premier incaricato punta a diventare l'avvocato difensore degli italiani: "Il mio intento è di dar vita ad un governo sarà dalla parte dei cittadini che tuteli i loro interessi. Sono professore e avvocato. Nel corso della mia vita ho perorato le cause di tante persone. Mi accingo ora a difendere gli interessi di tutti gli italiani, in tutte le sedi europee ed internazionali, dialogando con le Istituzioni Europee e con i Rappresentanti di altri Paesi. Mi propongo di essere l'avvocato difensore del popolo italiano. Sono disponibile a farlo senza risparmiarmi, con il massimo impegno e la massima responsabilità".

E infine ha concluso: "Nei prossimi giorni tornerò dal Presidente della Repubblica per sciogliere la riserva e in caso di esito positivo per sottoporgli le proposte relative alla nomina dei ministri. Non vedo l’ora di iniziare a lavorare sul serio".

PROSEGUI LA LETTURA

Video: il discorso di Giuseppe Conte al Quirinale é stato pubblicato su Polisblog.it alle 20:35 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Napoli, De Laurentiis ha salutato Sarri con un tweet Wed, 23 May 2018 17:09:19 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731721/napoli-de-laurentiis-ha-salutato-sarri-con-un-tweet http://www.calcioblog.it/post/731721/napoli-de-laurentiis-ha-salutato-sarri-con-un-tweet Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

REGGIO NELL'EMILIA, ITALY - AUGUST 23:  SSC Napoli president Aurelio De Laurentiis and SSC Napoli coach Maurizio Sarri before the Serie A match between US Sassuolo Calcio and SSC Napoli at Mapei Stadium - Città del Tricolore on August 23, 2015 in Reggio nell'Emilia, Italy.  (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

È diventato ufficiale il divorzio tra il Napoli ed il tecnico Maurizio Sarri. Al momento non è chiaro se si tratti di una separazione consensuale, ma almeno ufficialmente le parti non si sono mai incontrate per confrontarsi su una programmazione della prossima stagione. A dare l'addio a Sarri è stato il Presidente De Laurentiis con un tweet: "Ringrazio Maurizio Sarri per la sua preziosa dedizione al Calcio Napoli che ha permesso di regalare alla città e ai tifosi azzurri in tutto il mondo prestigio ed emozioni, creando un modello di gioco ammirato ovunque e da chiunque. Bravo Maurizio".

Il Napoli ha già scelto il suo sostituto: quel Carlo Ancelotti alla ricerca di nuovi stimoli per rilanciare la sua carriera dopo l'affrettato esonero del Bayern Monaco. L'arrivo di Ancelotti non è ancora ufficiale, ma c'è chi giura che abbia già firmato il contratto e che per l'annuncio sia solo una questione di ore.

Difficile capire cosa sia accaduto tra Sarri e il Napoli. Magari il tecnico ha apertamente chiesto di andare via dopo 3 stagioni ricche di emozioni o magari è stata la società a voler cambiare, per puntare su un allenatore che ha già dimostrato ampiamente di saper portare a casa trofei prestigiosi. Nell'ultimo rinnovo di Sarri era stata prevista una clausola rescissoria da 8 milioni di euro da pagare al Napoli per rompere anticipatamente il contratto. Al contrario se fosse stato il Napoli a voler chiudere anticipatamente il rapporto avrebbe dovuto versare 500mila euro al tecnico a titolo di risarcimento, oltre allo stipendio fino al 2020.

Al momento nessuno ha parlato di cifre, ma non è da escludere l'ipotesi di un divorzio consensuale.


PROSEGUI LA LETTURA

Napoli, De Laurentiis ha salutato Sarri con un tweet é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 19:09 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Libero: "Conte, il premier che non paga le tasse" Wed, 23 May 2018 15:56:19 +0000 http://www.polisblog.it/post/393386/libero-conte-il-premier-che-non-paga-le-tasse http://www.polisblog.it/post/393386/libero-conte-il-premier-che-non-paga-le-tasse redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Giuseppe Conte

Proprio pochi minuti prima che iniziasse l'incontro tra il Professor Giuseppe Conte e il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per il conferimento dell'incarico di Presidente del Consiglio dei Ministri, il quotidiano Libero ha sganciato un'altra bomba sul Premier scelto da Lega e MoVimento 5 Stelle: dopo gli attacchi per il curriculum che sarebbe stato un po' "ritoccato", ora arrivano anche le cartelle esattoriali.

Libero, infatti, sostiene di aver visto dei documenti dai quali emergono due ipoteche da parte di Equitalia sull'appartamento che il Prof. Conte possiede a Roma, in via Giulia, di 130 metri quadri. Sono relative a tasse non versate, in particolare: 26mila euro nel 2009 e 24mila euro nel 2011. Il commercialista di Conte, Gerardo Cimmino ha sostenuto che si sia trattato di un paio di cartoline smarrite, ma Libero spiega che si parla di importi evasi che coprono un periodo di 11 anni: dal 1997 al 2008.

Sempre secondo Libero, risultano mancati versamenti dei contributi previdenziali e di maternità per 8.600 euro, poi oltre mille euro di contravvenzioni non pagate, versamenti Irpef, Irap, Iva, addizionali regionali e locali per un totale di 18mila euro tra il 2001 e il 2003, 17mila euro di omesse ritenute e Iva nel 2006, mancato versamento Inail nel 2006 e 2007. Libero spiega però che Conte ha estinto tutti gli addebiti nel novembre del 2011, quando è arrivata la seconda ipoteca.

Foto © Quirinale

PROSEGUI LA LETTURA

Libero: "Conte, il premier che non paga le tasse" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 17:56 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Giro d'Italia 2018, tappa 17: Viviani fa poker anche sull'acqua Wed, 23 May 2018 15:29:13 +0000 http://www.outdoorblog.it/post/495080/giro-ditalia-2018-tappa-17-viviani-fa-poker-anche-sullacqua http://www.outdoorblog.it/post/495080/giro-ditalia-2018-tappa-17-viviani-fa-poker-anche-sullacqua Lucia Resta Lucia Resta

Viviani

Non c'è aquaplaning che lo fermi: Elia Viviani è sempre più il re delle volate del Giro d'Italia 2018. Il veronese oggi ha fatto sua la tappa 17, la Franciacorta Stage, da Riva del Garda a Iseo che ha avuto un finale molto particolare. Fino a 3 km dal termine, incluso il primo passaggio sul traguardo, c'era il sole, ma una bomba d'acqua nel finale ha bagnato la strada proprio in vista dello sprint finale.

Viviani, pilotato alla perfezione dai suoi compagni della Quick-Step Floors (che l'anno scorso vinsero quattro volate con Fernando Gaviria) e in particolare da Fabio Sabatini, non ha lasciato scampo e ha battuto ancora una volta Sam Bennett (Bora-Hansrohe), alla cui ruota era rimasto attaccato nel finale. In top-ten troviamo anche altri quattro italiani: Niccolò Bonifazio della Bahrain-Merida, terzo, Kristian Sbaragli dell'Israel Cycling Academy, sesto, Sacha Modolo del Team EF Education First-Drapac, ottavo, e Andrea Vendrame dell'Androni-Sidermec, nono. Ad accogliere sul traguardo Viviani oggi c'era Elena Cecchini, la sua fidanzata, tre volte consecutive campionessa d'Italia.

La tappa di oggi è stata animata da una fuga composta da Ben Hermans (Israel Cycling Academy), Luis Leon Sanchez (Astana), Kenny Elissonde e Wout Poels (Sky), Maximilian Schachmann (QuickStep Floors), Alexandre Geniez (AG2R La Mondiale), Giovanni Visconti (Bahrain Merida) e Alessandro De Marchi (BMC). Nel finale ci sono stati alcuni tentativi solitari, ma il finale in volata è sempre sembrato scontato, nonostante la sorpresa della pioggia proprio negli ultimissimi chilometri. Elia Viviani consolida la Maglia Ciclamino, Simon Yates resta ovviamente in Maglia Rosa così come Miguel Angel Lopez (Astana) in Maglia Bianca, mentre l'Azzurra è sempre di Yates, ma indossata da Giulio Ciccone (Bardiani) che è secondo.

Questi i primi dieci al traguardo della diciassettesima tappa, tutti con lo stesso tempo:
1) Elia Viviani (Quick-Step Floors) 3h 19' 57"
2) Sam Bennett (Bora-Hansgrohe)
3) Niccolò Bonifazio (Bahrain-Merida)
4) Danny Van Poppel (Team LottoNL-Jumbo)
5) Jens Debusschere (BMC)
6) Kristian Sbaragli (Israel Cycling Academy)
7) Jean-Pierre Drucker (BMC)
8) Sacha Modolo (Team EF-Education First-Drapac)
9) Andrea Vendrame (Androni-Sidermec)
10) José Gonçalves (Team Katusha-Alpecin)

E queste le prime posizioni della classifica generale:
1) Simon Yates (Mtichelton-Scott) 69h 59' 11"
2) Tom Dumoulin (Team Sunweb) +56"
3) Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida) +3' 11"
4) Christopher Froome (Team Sky) +3' 50"
5) Thibaut Pinot (FDJ) +4' 19"
6) Rohan Dennis (BMC) +5' 04"
7) Miguel Angel Lopez (Astana) +5' 37"
8) Pello Bilbao (Astana) +6' 02"
9) Richard Carapaz (Movistar) +6' 07"
10) George Bennett (Team LottoNL-Jumbo) +7' 01"

PROSEGUI LA LETTURA

Giro d'Italia 2018, tappa 17: Viviani fa poker anche sull'acqua é stato pubblicato su Outdoorblog.it alle 17:29 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Incitava a colpire il principino George: 32enne alla sbarra in GB Wed, 23 May 2018 15:16:14 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595606/incitava-a-colpire-principino-george-jihadista-processo http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595606/incitava-a-colpire-principino-george-jihadista-processo Redazione Blogo.it Redazione Blogo.it

colpire principino george

Avrebbe incitato a colpire il principino George, figlio William e Kate, all'uscita dall'asilo. Ora è alla sbarra per per istigazione al terrorismo.

È iniziato in Gran Bretagna il processo a carico del 32enne Husnain Rashid, cittadino britannico che la polizia considera un attivista dell'Isis per il suo tentativo, sul web, di incoraggiare potenziali "lupi solitari" a colpire il principino George, terzo in linea di successione al trono.

Il presunto simpatizzante Isis nega ogni responsabilità, ma dovrà rispondere di sei capi d'imputazione. Ex insegnante in una scuola islamica, Rashid secondo le accuse, incitava ad attaccare il principino George usando il canale "Lone Mujahid" cercando di reclutare aspiranti e solitari jihadisti cui avrebbe suggerito anche di avvelenare il principino mettendo del veleno con una siringa nei gelati confezionati.

Il principino George oggi ha quasi 6 anni. Ne aveva 4 quando i media inglesi parlarono per la prima volta dei tentativi da parte di Rashid di reclutare lupi solitari per colpirlo all'uscita della scuola dell'infanzia frequentata nel quartiere londinese di Battersea.

PROSEGUI LA LETTURA

Incitava a colpire il principino George: 32enne alla sbarra in GB é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 17:16 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Politici francesi fanno appello a Macron: "Garantire la Tav di fronte ai dubbi dell'Italia" Wed, 23 May 2018 15:08:24 +0000 http://www.polisblog.it/post/393382/politici-francesi-fanno-appello-a-macron-garantire-la-tav-di-fronte-ai-dubbi-dellitalia http://www.polisblog.it/post/393382/politici-francesi-fanno-appello-a-macron-garantire-la-tav-di-fronte-ai-dubbi-dellitalia redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Emmanuel Macron Tav

Il Presidente francese Emmanuel Macron ha ricevuto una missiva da parte di oltre sessanta personalità politiche francesi, tra cui deputati, senatori e governatori delle regioni, contenente un appello affinché l'inquilino dell'Eliseo garantisca la dinamica della Tav Torino-Lione davanti alle incertezze politiche in Italia. La Tav è, secondo loro, "un grande cantiere di avvenire" e per questo va tutelato. L'appello è stato coordinato dal Comité pour la Transalpine Lyon-Turin che è presieduto dall'imprenditore Jacques Gounon.

Ricordiamo che nei giorni scorsi anche il coordinatore europeo del corridoio Mediterraneo Jan Brinkhorst ha sottolineato l'importanza strategica della Tav per l'Unione Europea, che la finanzia per il 40%. Brinkhorst ha sottolineato in particolare che se non sarà realizzata ci sarà un alto costo da pagare.

Il capo della delegazione francese Louis Besson ha invece sottolineato come il Presidente Macron voglia il collegamento, ma sia anche disponibile a un confronto non sul tunnel di base, ma per capire che cosa possa essere migliorato in relazione a questa grande opera che, invece il MoVimento 5 Stelle ha bocciato.

Brinkhorst, rispondendo a Di Maio che ha detto che la Tav poteva sembrare utile 30 anni fa, ma non oggi, ha detto che, invece, è il contrario, perché nel 1992 i traffici erano ancora marginali, mentre ora, con la liberalizzazione, sono cresciuti e per questo bisogna garantire la sostenibilità ecologica di questi traffici.

Secondo Brinkhorst la restituzione dei fondi da parte dell'Italia all'Europa sarebbe in secondo piano rispetto all'importanza strategica della Tav per far parte delle reti europee.

PROSEGUI LA LETTURA

Politici francesi fanno appello a Macron: "Garantire la Tav di fronte ai dubbi dell'Italia" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 17:08 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Mobilità sostenibile: Roma è ultima in Europa. Strade inquinate e poco sicure Wed, 23 May 2018 14:02:35 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595601/mobilita-sostenibile-roma-e-ultima-in-europa-strade-inquinate-e-poco-sicure http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595601/mobilita-sostenibile-roma-e-ultima-in-europa-strade-inquinate-e-poco-sicure Redazione Blogo.it Redazione Blogo.it

A Roma strade inquinate e poco sicure

Il Wuppertal Institute, sulla base di dati relativi al 2016, ha redatto il "Living. Moving. Breathing. Ranking of European cities in sustainable transport" per conto di Greenpeace. SI tratta di un dossier sulla mobilità sostenibile in 13 capitali europee e Roma è, purtroppo, la Maglia Nera, mentre, restando in tema di Giro d'Italia (che quest'anno arriverà proprio nella Capitale domenica prossima), la Maglia Rosa va a Copenaghen, che invece è la città con le strade più sicure e meno inquinate, con un punteggio di 57 su 100, davanti ad Amsterdam con 55 e Oslo con 50. Roma è ultima con un punteggio di 27, mentre se la cavano un po' meglio Londra e Berlino, entrambe con 34,50 punti, e Mosca con 30,75.

Propio in questi giorni "Salvaiciclisti-Roma" e "Cittadini per l’aria" hanno presentato la prima mappatura del biossido di azoto nella Capitale, dalla quale emerge che la concentrazione è ben superiore ai limiti di legge.

Tornando al dossier di Greenpeace, Roma ha ottenuto un punteggio così basso a causa di fattori come: la sicurezza stradale, la gestione della mobilità, il basso livello di uso della bicicletta, i pochi spostamenti a piedi. In particolare, nel 2016 ci sono stati 25 incidenti mortali che hanno riguardato ciclisti e 45 che hanno coinvolto pedoni, poi 110 incidenti ogni diecimila spostamenti in bici e 133 incidenti ogni diecimila spostamenti a piedi.

Tra le "colpe" di Roma ci sono le scarse misure di mobility management perché non disincentiva l'uso del mezzo privato, i costi del parcheggio sono il 12% del costo di un giorno di alimentazione e quindi parcheggiare l'auto per un'ora costa meno che pagare il biglietto dell'autobus, inoltre la ZTL ha fasce orarie di libero ingresso e non permanente.

Nella Capitale si ha una mobilità fortemente congestionata con un aumento del 40% dei tempi di spostamento a causa dell'eccessivo numero di automobili. E poi c'è il problema dei sistemi di bike e car sharing che, pur essendoci, sono ancora troppo limitati per una città così grande. Per non parlare del trasporto pubblico che è sempre in crisi.

PROSEGUI LA LETTURA

Mobilità sostenibile: Roma è ultima in Europa. Strade inquinate e poco sicure é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 16:02 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Strage di Capaci: Roberto Fico con le mani in tasca durante l’inno di Mameli - Video Wed, 23 May 2018 13:45:57 +0000 http://www.polisblog.it/post/393370/fico-mani-in-tasca-inno-di-mameli-video http://www.polisblog.it/post/393370/fico-mani-in-tasca-inno-di-mameli-video redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Questa mattina il Presidente della Camera Roberto Fico, terza carica dello Stato, ha accolto la Nave della Legalità partita da Civitavecchia e giunta a Palermo per ricordare e commemorare la strage di Capaci, perché nulla venga dimenticato e perché nulla del genere accada mai più.

La strage di Capaci, con la morte del giudice Giovanni Falcone, di sua moglie e di tre agenti della scorta aprirà la tristissima stagione delle stragi e delle bombe di mafia in Sicilia e nel "continente". Tra i periodi più bui della recente storia italiana quegli anni hanno segnato anche l’allora quasi 18enne Roberto Fico, oggi presidente di Montecitorio, quale esponente dei 5 Stelle.

"Questa mattina la sensazione è incredibile. Mi ricordo quel pomeriggio di tanti anni fa, avevo quasi 18 anni. Ero a casa e mi arrivò la notizia dell'uccisione di Falcone di tutta la scorta. Fu un momento che scosse l'Italia e mi ricordo che rimasi molto colpito. Il fatto che io sia in politica come terza carica dello Stato deriva anche da quella sensazione. Ogni Governo e ogni Parlamento devono avere come priorità la lotta alla mafia"

ha detto il presidente della Camera. Non è sfuggito però che durante l'inno di Mameli, in mezzo alle altre autorità tra cui il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, Fico tenesse le mani in tasca mentre gli altri cantavano portando la mano al petto: un atteggiamento un tantino disinvolto, visto il momento, e che fa poco terza carica dello Stato. Prima che l’inno finisse comunque il presidente della Camera ha tolto le mani dalle tasche del pantalone per metterle dietro la schiena come si vede nel video in alto.

fico mani in tasca inno di mameli video

PROSEGUI LA LETTURA

Strage di Capaci: Roberto Fico con le mani in tasca durante l’inno di Mameli - Video é stato pubblicato su Polisblog.it alle 15:45 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Moscovici: "Rispettare i tempi della democrazia italiana" Wed, 23 May 2018 12:38:26 +0000 http://www.polisblog.it/post/393355/moscovici-rispettare-i-tempi-della-democrazia-italiana http://www.polisblog.it/post/393355/moscovici-rispettare-i-tempi-della-democrazia-italiana redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Moscovici

Nella giornata in cui, molto probabilmente, verrà finalmente affidato il mandato per la formazione del nuovo governo, l'Europa ha deciso di essere più buona con l'Italia e per un giorno non sono arrivati messaggi di "preoccupazione", ma parole molto più distensive del solito.

Prima di tutto ci sono le raccomandazioni della Commissione Ue all'Italia, che dicono sostanzialmente che il nostro Paese "è stato bravo", perché la regola del debito è stata rispettata e l'Italia è "ampiamente in linea con il braccio preventivo del Patto di Stabilità nel 2017", poi ci sono le dichiarazioni del vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis, che, dopo le battute dei giorni scorsi, oggi ha specificato che l'apertura di una procedura per il debito nei confronti dell'Italia attualmente non è necessaria, ma la Commissione ci tornerà su nel 2019. Dombrovskis ha spiegato:

"Il messaggio politico per l'Italia è chiaro: deve continuare a ridurre il debito pubblico che è il secondo più alto dopo la Grecia, ma dalla nostra valutazione vediamo un ampio rispetto del Patto nel 2017 e della regola del debito"

Ci sono però anche le parole di Pierre Moscovici, commissario Ue agli Affari Economici, che ha detto:

"L'esperienza che abbiamo, trattandosi dell'Italia come degli altri paesi, è che dobbiamo rispettare la legittimità e i tempi democratici"

Spiegando che occorre aspettare la fine del processo di formazione del nuovo governo e che la Commissione "non può e non deve pronunciarsi su annunci", ma deve basarsi solo sulla effettiva attività legislativa di quello che sarà il governo italiano, qualunque esso sia. Moscovici ha anche aggiunto:

"Mi auguro una cooperazione basata sul dialogo, la comprensione e la reciprocità perché l'Italia è uno dei Paesi fondatori dell'Ue e al cuore dell'eurozona, ed è in questo quadro che deve iscriversi la sua traiettoria futura"

PROSEGUI LA LETTURA

Moscovici: "Rispettare i tempi della democrazia italiana" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 14:38 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0