it_IT Politica Blogosfere.it - Ultime notizie della sezione Politica Wed, 19 Sep 2018 18:19:47 +0000 Wed, 19 Sep 2018 18:19:47 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogosfere.it/politica 2004-2014 Blogo.it Usa: uomo irrompe in edificio e apre il fuoco, quattro feriti Wed, 19 Sep 2018 17:51:04 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/600674/usa-sparatoria-middleton-19-09-2018 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/600674/usa-sparatoria-middleton-19-09-2018 MirkoNicolino MirkoNicolino

sparatoria usa wisconsin

19:50 - Fonti giornalistiche locali, ancora non confermate, sostengono che il bilancio dei feriti sarebbe salito a cinque. Intanto, la polizia comunica che l'assalitore è ferito e in condizioni critiche.

19:15 - Secondo quanto riferisce il "Madison" online, ci sarebbero quattro feriti, ma per fortuna nessun morto al momento. Si attendono conferme dalle autorità locali.

USA | Sparatoria in una software house

USA - Sparatoria a Middleton, nel Wisconsin: un uomo armato ha fatto irruzione all’interno di un edificio presso il quale opera una società di software. La polizia si è subito catapultata sul posto, ma le notizie giungono al momento ancora frammentarie. Pare che l’uomo abbia aperto ripetutamente il fuoco, tanto da determinare l’arrivo sul posto di diverse ambulanze. Secondo quanto riferiscono le tv locali, tre scuole del posto sono state poste in “lockdown”, ossia nessuno vi può entrare o uscire. Non si sa ancora se vi siano morti o feriti, con il governatore Walker che ha affidato ad un tweet le uniche informazioni ufficiali relative all’accaduto: "Stiamo seguendo la situazione da vicino, i nostri ringraziamenti vanno ai primi soccorritori giunti sul posto". Le autorità locali, secondo l'agenzia stampa "La Presse", avrebbero chiesto ai residenti nell'area di non uscire o di stare comunque lontani dalla scena.


PROSEGUI LA LETTURA

Usa: uomo irrompe in edificio e apre il fuoco, quattro feriti é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 19:51 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Ecco perché dimenticate le vostre password Wed, 19 Sep 2018 16:30:56 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/578054/ecco-perche-dimenticate-le-vostre-password http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/578054/ecco-perche-dimenticate-le-vostre-password Maria Vasta Maria Vasta

Dimenticare la password

Dimenticate spesso le vostre password? Un nuovo studio rivela che ciò accade perché non le usate abbastanza spesso. Lo studio è stato condotto dai membri della Rutgers University-New Brunswick, i quali spiegano che i siti web si concentrano quasi sempre sul dire agli utenti se le loro password sono deboli o forti, ma non fanno nulla per aiutare le persone a ricordarle.

Gli autori dello studio hanno dunque sviluppato un modello che potrebbe essere utilizzato per prevedere quanto le password siano facili da memorizzare, per stabilire se l'utente sarà in grado di ricordarle e richiedere ai progettisti di sistemi di password di fornire incentivi alle persone, in modo che le persone accedano regolarmente.

L'accesso più frequente aiuta le persone a ricordare le password

spiegano infatti gli autori dello studio, i quali concludono dunque che la memoria umana si adatta naturalmente, in base a una stima della frequenza con cui sarà necessario digitare una password.

via | ScienceDaily
Foto da iStock

PROSEGUI LA LETTURA

Ecco perché dimenticate le vostre password é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 18:30 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Toyota: 2 milioni di auto ibride consegnate in Europa Wed, 19 Sep 2018 16:18:02 +0000 http://www.ecoblog.it/post/176279/toyota-2-milioni-di-auto-ibride-consegnate-in-europa http://www.ecoblog.it/post/176279/toyota-2-milioni-di-auto-ibride-consegnate-in-europa Rosario Scelsi Rosario Scelsi

I numeri contano e il fatto che Toyota abbia consegnato la 2 milionesima vettura Full Hybrid Electric in Europa dal 2000 è il segno di una grande sensibilità della clientela verso questo tipo di vetture, che interpretano il bisogno di una mobilità green ma pratica.

Ad effettuare l'acquisto è stata una signora che ha ritirato il suo nuovo C-HR Hybrid presso la concessionaria Toyota Radosc di Varsavia, in Polonia. Per lei una giornata tutta da ricordare, che le ha regalato visibilità ad ampio raggio.

Gli incrementi nella domanda sono evidenti. Nel 2011 fra i clienti Toyota del Vecchio Continente solo 10 su 100 preferivano la motorizzazione ibrida; nel 2018 l'interesse è cresciuto in modo esponenziale, toccando quota 47%: in pratica quasi un'automobile su due piazzata in Europa dalla casa nipponica, che ora punta a superare la soglia del 50%.

Al risultato ha concorso il lungo impegno su questo fronte e la presenza in listino di un'ampia scelta di modelli dotati di questa propulsione. Il catalogo attuale del colosso giapponese registra la presenza di 8 modelli Toyota e 9 modelli Lexus ad alimentazione ibrida, per soddisfare una gamma trasversale di bisogni, che spaziano dalla piccola Toyota Yaris Hybrid alla grossa Lexus LC Hybrid.

Sul piano globale, dall'arrivo della Prius in Giappone nel 1997, Toyota ha piazzato sul mercato oltre 12 milioni di auto Full Hybrid Electric in tutto il mondo: un grande contributo alla mobilità sostenibile.

PROSEGUI LA LETTURA

Toyota: 2 milioni di auto ibride consegnate in Europa é stato pubblicato su Ecoblog.it alle 18:18 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Legittima difesa della discordia, Bonafede contro Salvini: “non è di sua competenza” Wed, 19 Sep 2018 15:49:33 +0000 http://www.polisblog.it/post/402181/legittima-difesa-riforma-governo-conte http://www.polisblog.it/post/402181/legittima-difesa-riforma-governo-conte redazione Blogo.it redazione Blogo.it

riforma della legittima difesa

Di riforma della legittima difesa tutti parlano nel governo Conte tranne il diretto interessato, il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. O meglio, il Guardasigilli ne ha parlato ma solo dopo che sull’argomento aveva discettato nelle ultime ore anche la ministra della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno (Lega) mentre è di qualche giorno fa lo scontro tra il numero uno del Viminale Matteo Salvini e il presidente dell’Associazione nazionale magistrati Francesco Minisci.


Bonafede oggi, a L’Aria che Tira su la7, si è rivolto proprio a Salvini rivendicando la titolarità della materia legittima difesa e cercando forse di frenare la sovraesposizione mediatica del ministro dell’Interno (partita persa in partenza…). Il governo vuole "cambiare la legge sulla legittima difesa" ma su questo "il ministero dell'Interno non ha competenze" ha detto l'esponente del M5s. "C'è la volontà di migliorare la legge. Al Senato sono depositati 8 ddl e M5S e Lega stanno lavorando per un testo equilibrato".

Bonafede ha chiarito che "il Ministro dell'interno si occupa della sicurezza dei cittadini e di prevenire il fatto che un losco individuo entri nella casa di una persona onesta. Al ministero della Giustizia spetta invece, quando lo Stato ha fallito e una persona è entrata nella casa di qualcuno, fare tutto per garantire al cittadino di non doversi difendere per tre gradi di giudizio dall'accusa di essersi difeso".

Alle obiezioni dell’Associazione nazionale magistrati al ddl di riforma della legittima difesa che rischia di "legittimare l’omicidio" Bonafede taglia corto: "Il presidente dell'Associazione nazionale magistrati ha tutto il diritto di esprimere perplessità, ci mancherebbe ma la frase è generica e non dice nulla del testo".

La Ministra Bongiorno in una intervista ad Agorà su Rai 3 stamattina aveva dichiarato che secondo lei è giusto sparare se qualcuno entra in casa: le vittime non possono sapere se i ladri sono entrati per rubare o per uccidere. Nei giorni scorsi era stato Salvini a polemizzare con l’Anm sul tema della legittima difesa: "Non serve nuova legge, la riforma rischia di autorizzare l’omicidio" avevano detto i magistrati. Posizione tacciata da Salvini come una "invasione di campo".

PROSEGUI LA LETTURA

Legittima difesa della discordia, Bonafede contro Salvini: “non è di sua competenza” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 17:49 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Batterie auto elettriche: la Germania vuole una fabbrica in UE Wed, 19 Sep 2018 15:00:22 +0000 http://www.ecoblog.it/post/176275/batterie-auto-elettriche-germania-merkel-fabbrica-europa http://www.ecoblog.it/post/176275/batterie-auto-elettriche-germania-merkel-fabbrica-europa Peppe Croce Peppe Croce

Batterie auto elettriche

La Germania vuole una fabbrica di batterie per auto elettriche in Europa. Almeno una. Lo hanno detto oggi la cancelliera tedesca Angela Merkel e il suo ministro per l'Economia Peter Altmaier, nel corso di una conferenza stampa.

"E' chiaro che dovrà essere una impresa privata, ma saremo felici di supportarla politicamente. Crediamo che avremo maggiori risultati concreti entro la fine dell'anno" ha dichiarato Altmaier facendo capire che se ne sta già parlando in Europa, seppur sotto traccia.

La sua portavoce ha anche ammesso ciò che tutti già immaginano: "Il ministro Altmaier immagina che la fabbrica di batterie per auto elettriche nascerà in Germania. Questa è la sua speranza, ma possibilmente anche in altri paesi membri della UE".

Anche la Merkel ha ribadito alla stampa che la Germania dovrebbe lavorare con gli altri paesi UE per creare una industria europea delle batterie per macchine elettriche.

Oggi l'industria europea dell'auto in gran parte compra batterie per auto elettriche da una manciata di produttori asiatici, come le cinesi CATL e BYD o le coreane LG Chem e Samsung. Tutti questi produttori hanno un robusto programma di espansione della produzione e prevedono la costruzione di nuove fabbriche nei prossimi anni.

Tuttavia, gran parte della produzione dei giganti cinesi è destinata al mercato interno, dove la stessa BYD insieme a BAIC e altre compagnie statali o appoggiate dallo Stato stanno producendo e vendendo auto elettriche con numeri che iniziano a diventare importanti.

Ma i produttori europei di auto, in particolare i tedeschi, cominciano a far sul serio: Volkswagen ha presentato la nuova piattaforma MEB per le future auto elettriche della gamma ID., Audi ha presentato il suo primo SUV elettrico di lusso e-tron, stessa cosa ha fatto Mercedes con la EQC (che però non arriverà prima dell'anno prossimo).

La domanda di batterie per auto elettriche, quindi, sta per esplodere anche in Europa. Avere una industria europea degli accumulatori per EV non sarebbe una scelta sbagliata, ma non è affatto detto che questa industria possa competere con quella cinese e coreana in quanto a prezzi.

Il fatto che questa industria debba ruotare intorno alla Germania, piaccia o no, è quasi fisiologico visto che intorno alla Germania, oggi, ruota l'intera industria europea dell'auto.

PROSEGUI LA LETTURA

Batterie auto elettriche: la Germania vuole una fabbrica in UE é stato pubblicato su Ecoblog.it alle 17:00 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Pensioni d'oro: depositata alla Camera la proposta di legge Wed, 19 Sep 2018 14:46:16 +0000 http://www.polisblog.it/post/399596/pensioni-doro-depositata-proposta-di-legge http://www.polisblog.it/post/399596/pensioni-doro-depositata-proposta-di-legge redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Luigi Di Maio su pensioni d'oro

È stata depositata oggi la proposta di legge per il taglio delle pensioni d'oro. Maria Pallini, capogruppo M5s in Commissione Lavoro alla Camera, ha spiegato che l'esame del provvedimento depositato oggi inizierà la settimana prossima: "andremo a ricalcolare secondo il metodo contributivo tutti gli assegni superiori ai 4.500 euro al mese. Non verrà dato nemmeno un euro in più di quello che è dovuto".

Di Maio, pensioni d'oro: "Repubblica scrive bufale"

13 agosto 2018

Luigi Di Maio oggi, nel primo pomeriggio, ha scritto un lungo post sul suo account Facebook per spiegare come funzioneranno i tagli alle pensioni d'oro, ossia quelle sopra i 4mila euro, e "smontando" quanto scritto da Repubblica che, secondo il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, diffonde "bufale". Di Maio scrive:

"C'è qualche giornalista di Repubblica che ha paura di perdere la sua pensione d'oro? A leggere l'articolo pieno di falsità che è stato pubblicato oggi viene proprio da pensare di sì. Le notizie false però non fermeranno il nostro progetto di eliminare le sperequazioni e le ingiustizie e lo ribadisco: tra poco le pensioni d'oro senza i contributi versati saranno solo un ricordo. Ma intanto diffondete questo post per aiutarmi a smontare tutte le bufale dell'articolo e ristabilire la verità"

Poi passa alla spiegazione di come funzioneranno i tagli, che riguarderanno solo coloro che non hanno versato contributi sufficienti per poter effettivamente avere una pensione sopra i 4mila euro:

"L'Inps sta ricostruendo la storia contributiva di tutti coloro che hanno una pensione superiore a 4.000 euro: quelli che prendono più di quanto hanno versato, una volta individuati, avranno un taglio pari a quello che prendono in più. Prenderanno quello che hanno versato. Come tutti. E non abbiamo alcuna paura dei ricorsi. Perché, al contrario del contributo di solidarietà che è fissato dalla legge in modo secco e uguale per tutti nelle percentuali, e già giudicato incostituzionale, il nostro ricalcolo si basa su un calcolo oggettivo ed un principio: quanto i pensionati dovrebbero prendere di pensione in base ai loro contributi versati. Semplicemente equità"

Per farsi capire da tutti, Di Maio passa agli esempi:

"Mettete il caso del signor Bianchi e del signor Rossi, entrambi prendono 5.000 euro di pensione. Il signor Rossi ha versato effettivamente contributi per 5.000, il signor Bianchi ne ha versato solo per 4.000. Con la nostra legge il signor Rossi continuerà a prenderne 5.000, mentre il signor Bianchi inizierà a percepirne 4.000, ossia quello che ha versato. Contrariamente a quanto afferma Repubblica, le donne saranno una minoranza. Sono solo 30.000 circa, quindi più o meno 1 su 5. Non si capisce come abbiano fatto a inventarsi i dati riportati. Esiste inoltre una clausola di salvaguardia per cui nessuna pensione ricalcolata può andare sotto i 4.000 euro. L'unica cosa vera dell'articolo è che 'potrebbero essere di più di 158 mila' infatti l'Inps stima tra 158.000 e 188.000. Circa 200.000 privilegi eliminati. Sarà un gran risultato per ristabilire l'equità sociale"

La replica di Repubblica: "Di Maio non conoce il testo di cui parla"

Tramite il proprio sito, Repubblica ha risposto al ministro Di Maio, spiegando:

"Come spesso accade, il vicepresidente del Consiglio mostra di non avere la minima conoscenza dei temi di cui sta parlando. Il progetto di legge d'iniziativa dei deputati D'Uva e Molinari depositato alla Camera con tanto di simbolo del Movimento 5 Stelle, disponibile sul sito di Repubblica e di cui abbiamo dato ampio conto nei giorni passati, non calcola la differenza tra contributi versati e contributi ricevuti, ma si limita a ricalcolare l'età della pensione di vecchiaia secondo una tabella calcolata oggi sulle speranze di vita attuali, compiendo così una penalizzazione sul metodo retributivo, come scritto nella seconda riga del progetto di legge che forse Di Maio ha letto"

Poi la replica del giornale continua:

"Repubblica, inoltre, non ha mai affermato che la maggioranza delle persone colpite dal provvedimento saranno donne, ma semplicemente che le donne saranno in proporzione più colpite degli uomini. È ovvio che sia così, perché in passato l'età di pensionamento di vecchiaia delle donne era sensibilmente più bassa di quella degli uomini"

Il testo a cui Repubblica si riferisce è disponibile nell'articolo linkato.

PROSEGUI LA LETTURA

Pensioni d'oro: depositata alla Camera la proposta di legge é stato pubblicato su Polisblog.it alle 16:46 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
San Raffaele-Maugeri: per Roberto Formigoni condanna aumentata in appello Wed, 19 Sep 2018 13:59:27 +0000 http://www.polisblog.it/post/396176/roberto-formigoni-condanna-appello-san-raffaele-maugeri http://www.polisblog.it/post/396176/roberto-formigoni-condanna-appello-san-raffaele-maugeri redazione Blogo.it redazione Blogo.it

sequestro beni formigoni-ajpg

16.38 - La condanna in appello di Roberto Formigoni a 7 anni e mezzo conferma l’impianto accusatorio della procura secondo cui "Il Celeste" avrebbe favorito i due enti, San Raffaele e Maugeri, con delibere di giunta per milioni e milioni di rimborsi pubblici.

Secondo gli inquirenti, dalle casse della Maugeri sarebbero usciti tra il 1997 e il 2001 la bellezza di 61 milioni di euro trasmigrati sui conti dell'uomo d'affari Piarangelo Daccò e dell'ex assessore regionale Antonio Simone i quali avrebbero garantito poi a Formigoni circa 6,6 milioni di utilità: dai viaggi alle gite su yacht fino alle cene in ristoranti di lusso.



Formigoni è stato condannato al massimo della pena prevista per il reato di corruzione. I giudici della Quarta Corte d'Appello di Milano non hanno concesso le attenuanti generiche all’ex governatore e lo hanno condannato anche all'interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Con Formigoni sono stati condannati in appello anche l'ex direttore amministrativo della clinica Maugeri di Pavia Costantino Passerino, a 7 anni e sette mesi, dai 7 anni del primo grado, e l'imprenditore Carlo Farina, a 3 anni e 4 mesi, come nel primo grado di giudizio. Daccò e Antonio Simone hanno patteggiato la pena durante l'appello.

16.00 - La Corte d'Appello Milano ha aumentato la pena a carico di Roberto Formigoni condannando l'ex governatore della Lombardia a 7 anni e 6 mesi, dai sei anni presi in primo grado. Formigoni era imputato di corruzione nel processo sul caso San Raffaele-Maugeri. Secondo l'accusa avrebbe favorito i due enti con delibere di giunta in cambio di tutta una serie di utilità.

Caso Maugeri: sequestrati 5 milioni e vitalizi a Roberto Formigoni

21 giugno 2018

Sequestro di beni per 5 milioni e dei vitalizi a carico di Roberto Formigoni, ex presidente della Regione Lombardia dal 1995 al 2013, ex sottosegretario di Stato al ministero dell’Ambiente, ex europarlamentare, ex deputato ed ex senatore.

La Corte dei Conti della Lombardia ha ordinato oggi un sequestro conservativo per un valore di 5 milioni di euro a carico del politico, per la vicenda Maugeri, per la quale Formigoni è stato condannato in primo grado a 6 anni per corruzione e a versare alla Regione una provvisionale risarcitoria di 3 milioni di euro. "Allo stato degli atti, le provvisionali non risultano corrisposte" evidenziano i giudici contabili che hanno emesso il provvedimento di sequestro.

Secondo la Corte dei Conti sono state "distratte risorse economiche dalle finalità pubbliche". Formigoni: "si è avvalso dei mediatori-agevolatori Daccò e Simone" per un danno all’erario regionale di quasi 60 milioni. In primo grado il mediatore Pierangelo Daccò è stato condannato a 9 anni e 2 mesi, mentre l’ex assessore lombardo alla sanità Antonio Simone a 8 anni e 8 mesi. Entrambi in vista dell'appello, con sentenza che è attesa tra 5 giorni, hanno deciso di patteggiare.

La condanna in primo grado per Formigoni

Secondo la sentenza di primo grado in cambio di "utilità" (si parlò molto di regalie, viaggi e vacanze di lusso) Formigoni tramite atti di giunta avrebbe favorito la fondazione Maugeri e l'ospedale San Raffaele (altra tranche del procedimento penale) facendo ottenere rimborsi per prestazioni sanitarie che altrimenti non sarebbero stati possibili.


Il tribunale meneghino a dicembre 2016 ritenne che "le utilità corrisposte a Formigoni in esecuzione dell’accordo corruttivo, tra il 2006 ed il 2011, siano stimabili nell’ordine di almeno sei milioni di euro”.

Il sequestro dei vitalizi

A Formigoni sono stati "congelati" anche i vitalizi da ex deputato e senatore, il trattamento pensionistico per l'incarico di parlamentare europeo, il vitalizio e l'indennità di fine mandato da ex governatore della Lombardia.

PROSEGUI LA LETTURA

San Raffaele-Maugeri: per Roberto Formigoni condanna aumentata in appello é stato pubblicato su Polisblog.it alle 15:59 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Olimpiadi 2026, Salvini: "Se Torino si ritira, Governo sostenga chi resta". Appendino: "candidatura a tre sbagliata" Wed, 19 Sep 2018 13:43:35 +0000 http://www.polisblog.it/post/402117/olimpiadi-2026-news-19-settembre-2018 http://www.polisblog.it/post/402117/olimpiadi-2026-news-19-settembre-2018 redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Matteo Salvini su Olimpiadi Italia 2026

15.42 - Il sindaco di Torino Chiara Appendono risponde a Matteo Salvini sulla candidatura per le olimpiadi 2026: "Torino non si è tirata indietro, ha chiesto di avere chiarezza su certi elementi. La bozza di protocollo mandata dal sottosegretario Giorgetti non dava queste risposte. Se si decide di fare un percorso deve essere chiaro". Secono il primo cittadino: "L'errore di fondo è stato provare a costruire una candidatura a 3.Sono candidature complesse, mai fatte, si poteva scegliere Torino o una altra città. Riteniamo il nostro modello fosse il migliore, molto più semplice nella gestione-costruzione dell'evento".

Aggiornamento ore 12:05 - Durante la conferenza stampa di presentazione dei risultati dell'operazione "Spiagge sicure" il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha commentato anche il caso della candidatura italiana alle Olimpiadi Invernali 2026 e ha detto che se Torino si ritira il Governo dovrebbe sostenere chi resta candidato, quindi Milano e Cortina, che, tra l'altro, si trovano in regioni governate dalla Lega (con Attilio Fontana e Luca Zaia).

Appello di Zaia e Malagò ad Appendino


Appello di Malagò e Zaia ad Appendino su Olimpiadi 2026

Anche se ieri sera il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti, della Lega, ha detto che la candidatura dell'Italia a ospitare le Olimpiadi Invernali 2026 "è morta" a causa del mancato accordo tra le tre città coinvolte, Milano, Torino e Cortina, oggi ci sono appelli da parte dei governatori leghisti per fare in modo che la città che ha fatto saltare il banco, ossia Torino, ci ripensi. La questione è infatti che se Torino resta fuori, la candidatura che Milano e Cortina intendono comunque portare avanti non avrebbe il sostegno del Governo e dunque avrebbe meno chance di vincere e costi più elevati a carico delle rispettive regioni, Lombardia e Veneto, entrambe a guida leghista con Attilio Fontana e Luca Zaia.

L'APPELLO DI GIOVANNI MALAGÒ - Il Presidente del Coni Giovanni Malagò questa mattina è intervenuto nel corso della trasmissione di Radio Uno Radio Anch'io e ha fatto un ultimo appello a Chiara Appendino:

"Questa non è una sfida o una prova muscolare, approfitto per fare un ultimo appello alla sindaca Chiara Appendino, avevo battezzato io il tridente. Con una candidatura a due è sicuro che l'Italia ha meno possibilità di vincere, non avendo le garanzie del Governo. Siamo ancora in tempo, non credo che Losanna non ci prenda in considerazione, oggettivamente è assolutamente aperta. Io sono un inguaribile ottimista, ci sono non solo i 980 milioni per le Olimpiadi. Noi rinunciamo anche al tema del posizionamento del nome, è un peccato sciupare questa opportunità"

Malagò cerca di non fare polemica con il Governo Conte:

"Non voglio fare polemica perché credo non serva a nulla. Riguardo al Coni le cose non stanno così, è fin troppo evidente. Da quando si è cominciato a parlare della candidatura abbiamo cominciato a parlare di ticket Milano-Torino, poi si è aggiunta Cortina e poi avendo tre candidature ci siamo rivolti al Governo. E il governo ha detto che dovevamo procedere, ma ci doveva essere coesione totale e massima attenzione ai costi. L'idea a tre era stata recepita dal Governo e poi sostenuta dal Cio, noi abbiamo fatto quello che ci ha chiesto il Governo. A me non piace dire chi ha la colpa, il Governo ha fatto degli incontri e ognuno ha esposto le sue istanze, poi il governo ha preso atto e ha mandato una lettere nella giornata di giovedì chiedendo un giudizio sul tridente. Sala aveva posto due condizioni, la governance e che nel nome Milano doveva essere per prima, una richiesta che non mi sembra una richiesta inaccettabile. Infine è arrivata la terza lettera della Appendino che rimaneva alla delibera del consiglio comunale che non faceva riferimento al tridente volendo far partecipare Torino da sola. È stato evidente che a fare saltare tutto è stata Torino. Poi Giorgetti è andato in audizione Parlamento dicendo che non c'era condivisione. Peccato, eravamo a un centimetro da una cosa vincente e potevamo dimostrare di essere un Paese che supera gli steccati e che si vuole bene"

LE DICHIARAZIONI DI LUCA ZAIA - Anche il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, è intervenuto sul caso stamattina e ha detto:

"Senza le garanzie del Governo è difficile, ma io spero che questo non accada perché è chiaro che per sole due città trovare 400 milioni non è una cosa da poco. Ma spero sempre nel sostegno del Coni e l'appello al Governo resta aperto. Noi con Cortina abbiamo presentato un dossier chiaro, dettagliato, assolutamente low cost, da noi è mai stato registrato uno spreco"

LE DICHIARAZIONI DI ATTILIO FONTANA - Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, sempre a Radio Anch'io, ha detto:

"È curioso che se eravamo in tre lo Stato metteva le garanzie e in due non le mette più. Credo che come regioni si possano garantire le coperture e poi trovare privati come sponsor"

LE DICHIARAZIONI DI SERGIO CHIAMPARINO - Anche il governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino (Pd) sostiene l'appello di Luca Zaia e, facendo riferimento alle lettere della scorsa settimana del sindaco di Milano Giuseppe Sala e della sindaca di Torino Chiara Appendino, ha detto:

"Penso ci sia ancora tempo. Faccio mio l’appello di Luca Zaia. Il problema è che la candidatura sia delle tre città e non di una sola, se è così io sono pronto a venire a Roma e sedermi a un tavolo. Così invece si rischia di essere meno forti. La Sindaca Appendino ha mandato quella lettera a fronte della richiesta di Milano di essere capofila. Se problema è il posizionamento nel logo non c’è problema"

PROSEGUI LA LETTURA

Olimpiadi 2026, Salvini: "Se Torino si ritira, Governo sostenga chi resta". Appendino: "candidatura a tre sbagliata" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 15:43 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Gelmini: "Forza Italia apre su Marcello Foa presidente Rai" Wed, 19 Sep 2018 13:30:37 +0000 http://www.polisblog.it/post/399046/rai-salvini-insiste-foa-e-la-persona-giusta-ma-il-consigliere-lagana-avverte-i-suoi-atti-sono-inefficaci http://www.polisblog.it/post/399046/rai-salvini-insiste-foa-e-la-persona-giusta-ma-il-consigliere-lagana-avverte-i-suoi-atti-sono-inefficaci redazione Blogo.it redazione Blogo.it

gemini forza italia foa presidente rai

Forza Italia apre su Marcello Foa presidente della Rai: "Sulla nomina del presidente della Rai c'è stato un errore di metodo. Siccome a noi nessuno avevo chiesto di appoggiare Marcello Foa, non lo abbiamo appoggiato" ha detto Mariastella Gelmini, capogruppo azzurra alla Camera.

"Adesso questo errore è stato sanato e da parte nostra c'è un'apertura, ma il tema principale del prossimo incontro tra FI, Lega e FdI non è solo Foa, ma i contenuti della manovra, che ci preoccupa". Domenica Matteo Salvini, primo sponsor di Foa alla presidenza Rai, era stato ad Arcore da Silvio Berlusconi. Difficile che non si sia parlato anche di Rai.

Rai, Salvini insiste: "Foa è la persona giusta"

4 agosto 2018

La Commissione di Vigilanza sulla Rai non ha approvato la nomina di Marcello Foa a presidente della tv pubblica, ma la Lega di Matteo Salvini non ha alcuna intenzione di fare un passo indietro e dunque lo stallo continua, ma oggi, in questa lunga diatriba, è stata scritta un'altra pagina significativa.

Riccardo Laganà, che è il consigliere eletto dai dipendenti della Rai, ha scritto una lettera indirizzata alle prime tre cariche dello Stato, ossia il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la Presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati e il Presidente della Camera Roberto Fico, più il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Procuratore generale della Corte dei Conti. In questa lettera Laganà, riportando un parere legale, sottolinea che per il Presidente della Rai l'indicazione della Commissione di Vigilanza è fondamentale, è un requisito di efficacia, perciò, se manca, la nomina non completa il proprio iter e resta priva di effetti. Questo significa che tutti gli atti sottoposti alla firma di Marcello Foa, in qualità di Consigliere più anziano con funzioni di Presidente, rischiano di essere privi di qualsiasi efficacia.

Secondo Laganà questo comporta dei danni per la Rai, sia come società, sia come concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo. Il consigliere invita dunque i destinatari della sua missiva ad attivare gli strumenti politici, istituzionali, giuridici affinché l'organo di amministrazione della Rai "dia seguito, in senso sostanziale e non formale, al parere della Commissione bicamerale Rai".

Sulla questione è intervenuto anche il sindacato Usigrai, che accusa Matteo Salvini di avere un "progetto di ridimensionamento dell'azienda" basato sulla riduzione della pubblicità e del canone per poi privatizzare la Rai.

Intanto Matteo Salvini resta saldo sulla sua posizione:

"Foa è la persona giusta al momento giusto. Laganà dice che gli atti del Cda saranno illegittimi se continuerà a essere presieduto da Foa? Con tutto il rispetto per Laganà, valuto con più attenzione il parere di altri legali. Su Foa presidente non ho ancora sentito una obiezione sul merito, al massimo sul metodo. Il Pd che ci accusa di lottizzare fa ridere tutta la spiaggia"

Il Pd, lo ricordiamo, ieri ha scritto una lettera, firmata dai capigruppo Graziano Delrio e Andrea Marcucci, indirizzata alle prime tre cariche dello Stato per chiedere che sia tutelata la libera decisione della Commissione di Vigilanza.

Intanto Forza Italia, per bocca del vicepresidente dei deputati azzurri Roberto Occhiuto, insinua il sospetto che ci sia un ricatto ai danni di Silvio Berlusconi:

"In diversi retroscena c'è la notizia secondo cui il governo sarebbe pronto a una rappresaglia nei confronti di Forza Italia e del suo leader Silvio Berlusconi per il mancato appoggio al candidato presidente della Rai Marcello Foa. Questa ritorsione consisterebbe in un intervento legislativo-punitivo nei confronti di Mediaset con l'introduzione di una tassa sugli spot. Se l'indiscrezione fosse vera, sarebbe oltre la soglia della minaccia: si tratterebbe di un volgarissimo tentativo di estorsione nei confronti dei parlamentari di Forza Italia. Tentativo che respingiamo fin d'ora carichi di sdegno. Ma siamo certi che tutto sarà chiarito in pochissimo tempo"

Foto © Facebook Matteo Salvini

PROSEGUI LA LETTURA

Gelmini: "Forza Italia apre su Marcello Foa presidente Rai" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 15:30 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Massa: 33 morti sospette in ospedale, indagato primario Wed, 19 Sep 2018 13:11:28 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/600667/massa-primario-noa-indagato http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/600667/massa-primario-noa-indagato Redazione Blogo.it Redazione Blogo.it

morti sospette massa indagati primario

È indagato per una serie di morti sospette il primario di medicina generale del Nuovo Ospedale delle Apuane (NOA) di Massa. L’iscrizione del medico nel registro degli indagati è avvenuta a seguito delle indagini partite dopo l’esposto del presidente del consiglio comunale di Massa Stefano Benedetti a cui l’Asl aveva risposto con una denuncia parlando di morti "in linea con quelle degli anni precedenti".

I decessi finiti sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti della procura di Massa sono 33, avvenute in meno di un mese tra dicembre 2017 e gennaio del 2018. Secondo chi indaga le morti sospette potrebbero essere state causate da un batterio. L’inchiesta ha preso le mosse dopo la morte Fernanda Ballerini, il 31 dicembre dell’anno scorso, con l’iscrizione nel registro degli indagati del primario del NOA.

L’iscrizione del nome del primario nel registro degli indagati è "un atto formale, non potendo procedere contro ignoti, visto che il reparto in questione ha di fatto un responsabile. Non c'è ancora nulla di concreto" ha detto il procuratore di Massa Carrara Aldo Giubilaro.

"I decessi hanno riguardato pazienti molto anziani, sette di questi avevano più di 90 anni, la maggior parte tra i 70 e gli 80 e poi ci sono due cinquantenni. Era doveroso aprire un fascicolo per fare chiarezza soprattutto per i famigliari di queste persone, a cui è stato notificato l'atto di apertura delle indagini" ha proseguito il magistrato.

L’iscrizione del primario è insomma "di rito" e "a tutela dello stesso indagato" nell’ottica degli esami irripetibili che saranno svolti dopo la nomina della procura di un proprio consulente, ai primi di ottobre. L’ipotesi di reato per ora formulata è di omicidio colposo.

PROSEGUI LA LETTURA

Massa: 33 morti sospette in ospedale, indagato primario é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 15:11 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Di Maio dalla Cina: "Per la manovra attingeremo un po' al deficit" Wed, 19 Sep 2018 13:00:37 +0000 http://www.polisblog.it/post/402147/di-maio-missione-cina http://www.polisblog.it/post/402147/di-maio-missione-cina redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Luigi Di Maio

15.00 - Da Chengdu, in Cina, il vicepremier Luigi Di Maio ha voluto preoccuparsi anche di tenere sotto controllo i lavori per la legge di bilancio che proseguono senza sosta in Italia. Di Maio ha voluto confermare pubblicamente la propria fiducia nel ministro dell'Economia Giovanni Tria e nell'intero esecutivo, assicurando gli elettori sul fatto che le tre priorità di questo governo - reddito di cittadinanza, flat tax e superamento della legge Fornero - saranno inserite nella manovra.

Come fare coi conti? "Si attinge ad un po' di deficit per poi far rientrare il debito l'anno dopo o tra due anni, tenendo i conti in ordine e senza alcuna manovra distruttiva dell'economia".

Di Maio, ben consapevole di essersi allontanato dall'Italia in un momento cruciale, ha sottolineato che un governo serio come quello Lega-M5S, deve agire il prima possibile per mantenere le promesse fatte agli elettori:

Un governo serio, che ha fatto delle promesse, non può aspettare due o tre anni per mantenerle. Sono dei mesi particolari, io ho lasciato una settimana molto particolare in Italia: nulla è semplice, ma sicuramente alla legge di Bilancio ci saranno dei collegati molto importanti che riguardano la sburocratizzazione, la semplificazione del codice degli appalti, il fondo del venture capital per le start up innovative misto pubblico-privato.

In diretta da Chengdu. Collegatevi

Posted by Luigi Di Maio on Wednesday, September 19, 2018

Di Maio in Cina: "Nuovo opportunità per le aziende italiane"

Luigi Di Maio è ufficialmente in Cina per la sua prima missione all'estero in qualità di Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, una missione che servirà "sviluppare nuove occasioni economiche e culturali" per le imprese italiane:

Abbiamo aziende che sono le migliori del Mondo in tanti ambiti e vogliamo dare un'attenzione particolare anche al sud Italia, potenziando quelle che sono le opportunità di export dei prodotti agro-alimentari.

A questo proposito, ha spiegato Di Maio, si vogliono avviare nuovi negoziati che dovranno abbattere le nuove barriere non tariffarie, legate ad una serie di norme sanitarie che allo stato attuale non permettono all'Italia di portare "le prelibatezze della nostra terra qui in Cina".

Sarà un calendario fitto di impegni quello dei prossimi giorni. Già stamattina Di Maio ha firmato gli accordi istituzionali bilaterali Italia-Sichuan ed ha incontrato gli enti italiani coinvolti nell’organizzazione della partecipazione italiana alla Western China International Fair (WCIF), mentre nel pomeriggio è in programma l'incontro col vice premier della Repubblica Popolare Cinese, HU Chunhua.

Domani, invece, è prevista la partecipazione di Di Maio all'inaugurazione del Padiglione Italia alla WCIF, dove il Ministro dello Sviluppo Economico terrà un breve discorso. Mercoledì la visita si sposterà a Pechino, dove è in programma l'incontro col Ministro del Commercio Zhong Shan, anche questo finalizzato a trovare nuove opportunità per le aziende italiane che vogliono fare affari con la Cina e viceversa.

PROSEGUI LA LETTURA

Di Maio dalla Cina: "Per la manovra attingeremo un po' al deficit" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 15:00 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Milleproroghe al Senato senza relatore: il PD occupa l'aula per protesta Wed, 19 Sep 2018 12:25:00 +0000 http://www.polisblog.it/post/402155/milleproroghe-senato-protesta-pd http://www.polisblog.it/post/402155/milleproroghe-senato-protesta-pd redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Senato - Italia

Proprio come accaduto alla Camera, senza successo, il Partito Democratico sta ripetendo al Senato il vano tentativo di bloccare il percorso del Milleproroghe. Anche stavolta si è optato per il metodo studentesco di occupare l’aula della Commissione Affari Costituzionali del Senato in cui era in corso la discussione.

Il motivo? Governo e maggioranza hanno deciso di troncare la discussione mandando il provvedimento in aula senza relatore. Ci vogliono impedire di fare opposizione, è inaccettabile.

A parlare è il senatore Andrea Marcucci, capogruppo del Partito Democratico al Senato, che aveva già manifestato l'intenzione di fare ostruzionismo e rallentare la terza lettura al Senato del testo che alla Camera era stato approvato dopo la questione di fiducia posta all'esecutivo Lega-M5S. Il governo aveva di fatto interrotto ogni discussione, deciso a far passare quel testo nel minor tempo possibile, vista la scadenza del decreto prevista per il 23 settembre prossimo.

Dicevamo che non avremmo fatto opposizione con i metodi usati dal M5s con i governi Renzi e Gentiloni? Loro urlavano senza costrutto, noi prendiamo atto dei loro atteggiamenti violenti. Siamo obbligati a denunciarlo con molta forza. Abbiamo occupato quando ci hanno impedito di continuare a confrontarci in Commissione.

Un confronto che, molto probabilmente, non avverrà. Una protesta più che giustificata, ma simile a qualcosa che lo stesso PD aveva fatto non più di tre anni fa.

Era il 2015 quando il Partito Democratico, spingendo per l'approvazione della legge sulle Unioni Civili, portò il testo al Senato senza relatore, scatenando le ire dell'opposizione, a cominciare dal senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, che aveva tuonato: "Se il testo poi dovesse approdare in Aula senza relatore si sappia che si preparerebbe un vero e proprio Vietnam parlamentare. Ora basta".

Quella mossa fu ritenuta "illegittima" e "in aperta violazione della Costituzione", ma il Partito Democratico si fece pochi problemi e riuscì comunque ad incardinare il testo al Senato tra le proteste dell'opposizione. È vero, in quel caso si trattava di incardinare il testo, qui invece di dare l'approvazione definitiva, ma il sistema è del tutto simile, a parti invertite però.

Posted by Senatori PD on Wednesday, September 19, 2018

PROSEGUI LA LETTURA

Milleproroghe al Senato senza relatore: il PD occupa l'aula per protesta é stato pubblicato su Polisblog.it alle 14:25 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Sardegna, auto sabotata a coordinatore Lega: “volevamo ammazzarmi” Wed, 19 Sep 2018 12:18:30 +0000 http://www.polisblog.it/post/402150/sardegna-auto-sabotata-a-coordinatore-lega-volevamo-ammazzarmi http://www.polisblog.it/post/402150/sardegna-auto-sabotata-a-coordinatore-lega-volevamo-ammazzarmi redazione Blogo.it redazione Blogo.it

sabotaggio auto giovanni nurra

Sarebbe scampato a un tentativo di omicidio dopo che la sua auto era stata sabotata. "Mi volevano ammazzare" spiega Giovanni Nurra, coordinatore della Lega per il Nord della Sardegna.

Dieci giorni fa durante la notte qualcuno avrebbe allentato i bulloni delle ruote posteriori della sua auto. "Potevano uccidere me e la mia famiglia" ha spiegato Nurra a La Nuova Sardegna.

"Ho preso l'auto con la mia compagna e mio figlio di quattro anni, abbiamo sentito dei rumori strani e ci siamo resi conto che le ruote avevano qualche problema". Quindi - ha proseguito il politico - "sono andato dal meccanico e abbiamo scoperto cosa era successo. Il meccanico mi ha detto che se non ci fossimo accorti di nulla saremmo potuti morire, perdendo le ruote posteriori difficilmente avremmo avuto scampo".

Il coordinatore della Lega per il Nord della Sardegna (Sassari, Gallura, Nuoro e Ogliastra) ha precisato di non avere mai ricevuto minacce di qualsivoglia natura ma crede che dietro il denunciato sabotaggio dell'auto potrebbe esserci la sua attività come coordinatore della Lega.

"Non ho mai ricevuto minacce ma il mio impegno politico deve avere dato fastidio a qualcuno. Non credo all'azione di gruppi estremisti di sinistra o di altri movimenti di destra perché a Sassari non ci sono organizzazioni violente. Quindi non escludo nulla, nemmeno qualche gelosia interna nel mio stesso ambiente politico".

Giovanni Nurra ha annunciato che presenterà un esposto alla Digos di Sassari per risalire ai responsabili del presunto sabotaggio dell’auto.

Foto | Facebook

PROSEGUI LA LETTURA

Sardegna, auto sabotata a coordinatore Lega: “volevamo ammazzarmi” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 14:18 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Rebibbia, detenuta getta i 2 figli dalle scale: avviato l'iter per la morte cerebrale per il secondo bimbo Wed, 19 Sep 2018 11:30:59 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/600650/rebibbia-detenuta-getta-i-2-figli-dalle-scale-uno-e-morto-e-laltro-e-grave http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/600650/rebibbia-detenuta-getta-i-2-figli-dalle-scale-uno-e-morto-e-laltro-e-grave Redazione Blogo.it Redazione Blogo.it

19 settembre 2018 - Non ci sono più speranze di ripresa per il bimbo di due anni lanciato ieri dalle scale nel carcere di Rebibbia e ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale Bambino Gesù di Roma. Oggi i medici della struttura daranno il via all'accertamento della morte cerebrale.

Le condizioni del bimbo sono purtroppo gravissime. Le ultime indagini necessarie per la valutazione del quadro clinico hanno confermato la condizione di coma areflessico con elettroencefalogramma isoelettrico. Prosegue supporto rianimatorio avanzato.

Rebibbia, detenuta getta i 2 figli dalle scale: uno è morto e l'altro è grave

ROMA - Dramma nella sezione femminile del carcere di Rebibbia. Intorno a mezzogiorno una detenuta di nazionalità tedesca ha lanciato i suoi figli di 4 mesi e 2 anni dalle scale. Il più piccolo dei due è morto, mentre il secondo è stato soccorso dal 118 e poi trasportato all'Ospedale Pediatrico Bambin Gesù. Secondo il bollettino medico le sue condizioni sono gravi: "Alle 13 di oggi è arrivato al pronto soccorso dell'ospedale Pediatrico Bambino Gesù un bimbo con grave trauma da precipitazione. Le condizioni sono particolarmente critiche con danno cerebrale severo. Il bambino è sottoposto attualmente a supporto rianimatorio avanzato e in ventilazione meccanica. In programma un intervento neurochirurgico".

Il fatto è avvenuto nella sezione "nido" del carcere, dove vengono ospitate le detenute con figli al di sotto dei 3 anni di età. Non sono ancora chiare le ragioni del gesto. Secondo quanto riportato dal dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, nella mattinata di oggi la donna avrebbe avuto un colloquio con alcuni parenti. La procura ha già avviato un'indagine per omicidio e tentato omicidio; gli inquirenti hanno già ascoltato alcuni testimoni e, appena sarà possibile, sentiranno anche la donna.

PROSEGUI LA LETTURA

Rebibbia, detenuta getta i 2 figli dalle scale: avviato l'iter per la morte cerebrale per il secondo bimbo é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 13:30 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Legittima difesa, Giulia Bongiorno: "Giusto sparare se qualcuno entra in casa" Wed, 19 Sep 2018 10:30:04 +0000 http://www.polisblog.it/post/402137/legittima-difesa-giulia-bongiorno-giusto-sparare-se-qualcuno-entra-in-casa http://www.polisblog.it/post/402137/legittima-difesa-giulia-bongiorno-giusto-sparare-se-qualcuno-entra-in-casa redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Giulia Bongiorno su legittima difesa

La ministra della Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno, che quasi certamente in un governo del centro-destra sarebbe stata ministro della Giustizia, oggi è stata intervistata dalla trasmissione Agorà su Raitre e ha parlato di legittima difesa, uno dei punti cardine da sempre della Lega, partito con cui è stata eletta senatrice in questa legislatura.

Bongiorno ha detto:

"Chi sta dentro casa, se sente dei rumori e qualcuno che si muove dentro casa, non può fare indagini, può difendersi. Nell’incertezza si può difendere. Quello che dico è che chiunque entri in casa altrui per rubare o per uccidere ne accetta le conseguenze"

Poi ha aggiunto:

"Quando parliamo di legittima difesa dobbiamo entrare in un’ottica. Lei si immagini uno che vive da solo e sente dei passi ha la freddezza per fare un’indagine notturna e capire se chi cammina lo fa per rubare un oggettino o per uccidere?"

E quando la conduttrice Serena Bortone le ha chiesto se fosse giusto sparare, Bongiorno ha risposto senza esitare: "Secondo me, sì".

Al momento ci sono cinque disegni di legge incardinati a Palazzo Madama sul tema della legittima difesa, che è caro alla Lega, ma di competenza del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

PROSEGUI LA LETTURA

Legittima difesa, Giulia Bongiorno: "Giusto sparare se qualcuno entra in casa" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 12:30 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Infanticidio a Rebibbia: il Ministro Bonafede sospende la direttrice Wed, 19 Sep 2018 10:29:42 +0000 http://www.polisblog.it/post/402142/infanticidio-rebibbia-sospesa-direttrice http://www.polisblog.it/post/402142/infanticidio-rebibbia-sospesa-direttrice redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Carcere di Rebibbia - Roma

A poco più di 24 ore dall'infanticidio avvenuto ieri mattina nel nido nella sezione femminile del carcere romano di Rebibbia, dove una detenuta 30enne ha lanciato i suoi figli di 4 mesi e 2 anni dalle scale, il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha deciso di intervenire col pugno di ferro.

In attesa di ulteriori accertamenti, Bonafede ha disposto la sospensione della direttrice della sezione femminile della struttura, Ida Del Grosso, e della vicedirettrice Gabriella Pedote, ma anche quella del vice comandante del reparto di Polizia penitenziaria della casa circondariale, Antonella Proietti.

Il Ministro si è recato in visita nella struttura insieme al capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, Francesco Basentini, e ha annunciato l'apertura di un'inchiesta interna sull'accaduto al fine di identificare le eventuali responsabilità:

È una tragedia. Personalmente prego perché il bambino in ospedale possa essere salvato dai medici che stanno facendo di tutto. La magistratura sta già facendo gli accertamenti, posso soltanto dire, e non posso aggiungere nient'altro, che chiaramente il Ministero ha già aperto un'inchiesta interna per verificare le responsabilità.

La neonata è morta sul colpo, mentre il bimbo di 2 anni è ricoverato in gravi condizioni all'Ospedale Bambino Gesù di Roma, dove gli avrebbero riscontrato un danno cerebrale severo.

PROSEGUI LA LETTURA

Infanticidio a Rebibbia: il Ministro Bonafede sospende la direttrice é stato pubblicato su Polisblog.it alle 12:29 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Assassinio della golfista spagnola Celia Barquin Arozamena: fermato un senzatetto Wed, 19 Sep 2018 09:16:05 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/600662/assassinio-della-golfista-spagnola-celia-barquin-arozamena-fermato-un-senzatetto http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/600662/assassinio-della-golfista-spagnola-celia-barquin-arozamena-fermato-un-senzatetto Redazione Blogo.it Redazione Blogo.it

Celia Barquin

Ha commosso il mondo la storia di Celia Barquín Arozamena, 22enne spagnola appassionata di golf che si era trasferita in Iowa, negli Stati Uniti, per portare avanti sia gli studi di Ingegneria, sia la sua carriera sportiva, ottenendo ottimi risultati. Pochi mesi fa, infatti, aveva vinto l'European Ladies Amateur Championship in Slovacchia e sembrava ormai destinata a un futuro da professionista in questo sport, ma è stata uccisa lunedì scorso.

Il suo corpo è stato trovato sul campo da golf di Coldwater Links. Un gruppo di studenti aveva trovato una borsa abbandonata in "strane circostanze" e si era rivolto alla polizia che ha poi fatto delle ricerche e ha trovato Celia senza vita poco distante dal luogo di ritrovamento della borsa.

La ragazza aveva ferite da arma da taglio sulla parte superiore del busto, la testa e il collo, segni evidenti di lotta. Ora è stato fermato un uomo, un suo coetaneo, Collin Daniel Richards, che ha diversi graffi sul viso e una profonda lacerazione alla mano sinistra, inoltre è stato recuperato un coltello in suo possesso.

Il ragazzo è un senzatetto che vive in una tenda proprio vicino al luogo in cui è stata ritrovata Celia. Ha precedenti per furti e molestie e ci sono delle testimonianze di suoi conoscenti che lo inchioderebbero.

Infatti secondo un suo amico, Daniel Richards lunedì sera era coperto di sangue e secondo un altro suo conoscente aveva detto che sentiva il bisogno di stuprare e uccidere una donna. Ora è stato portato in carcere con l'accusa di omicidio di primo grado e una cauzione fissa a cinque milioni di euro. Intanto in tutta la Spagna, ma anche negli Stati Uniti, in molti piangono la morte di Celia.

Foto © Facebook Celia Barquín Arozamena

PROSEGUI LA LETTURA

Assassinio della golfista spagnola Celia Barquin Arozamena: fermato un senzatetto é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 11:16 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Migranti, oggi il vertice a Salisburgo con Conte: si inizierà a smuovere qualcosa? Wed, 19 Sep 2018 08:52:09 +0000 http://www.polisblog.it/post/402133/migranti-vertice-salisburgo-conte http://www.polisblog.it/post/402133/migranti-vertice-salisburgo-conte redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Giuseppe Conte al Consiglio Europeo

Inizierà questa sera a Salisburgo la riunione informale dei Capi di Stato e di Governo dell’Unione Europea che avrà come obiettivo la risoluzione, o meglio il tentativo di risoluzione, della questione dei flussi migratori. Ogni tentativo di raggiungere un accordo si è rivelato vano in questi ultimi mesi e anche per oggi le speranze di fare degli importanti passi in avanti sono piuttosto scarse.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte tenterà di ribadire qual è la posizione dell'Italia e quali sono le soluzioni che il nostro Paese propone, che poi sono le stesse già presentate in Europa, dalla modifica delle regole della missione navale Sophia, o EUNAVFOR Med che dir si voglia, e la famosa redistribuzione dei migranti che molti Paesi UE hanno già rifiutato.

Il Presidente del Consiglio europeo Donald Tusk era stato molto chiaro, lasciando intendere che di fronte alle posizioni inamovibili di molti Paesi, difficile si arriverà a una soluzione: "Se alcuni vogliono risolvere i problemi mentre altri vogliono usarli, la crisi rimarrà irrisolvibile".

La riunione informale inizierà alle 19.30 con la cena al Felsenteitshule Theater e proseguirà anche nella giornata di domani, dalle 9.30 alle 15.00, con la sessione di lavoro alla Kammermusiksaal/Solitar della Mozarteum University.

PROSEGUI LA LETTURA

Migranti, oggi il vertice a Salisburgo con Conte: si inizierà a smuovere qualcosa? é stato pubblicato su Polisblog.it alle 10:52 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Farmaci equivalenti, brevetti in scadenza per il 25% Wed, 19 Sep 2018 08:40:24 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/578051/farmaci-equivalenti-brevetti-in-scadenza-per-il-25 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/578051/farmaci-equivalenti-brevetti-in-scadenza-per-il-25 ValentinaRorato ValentinaRorato

Più di 100 farmaci aumentano il rischio di infarto

Sono sempre più numerosi i consumi di farmaci equivalenti ( 22% nei primi sei mesi del 2018), seguiti dai biosimilari (27,7%), utilizzati per la cura di malattie autoimmuni e tumori in modo sempre più mirato ed efficace. A mettere a fuoco le tendenze nei primi sei mesi del 2018 è il report diffuso in occasione dell'Assemblea pubblica di Assogenerici.

Che cosa sono gli equivalenti? Il nome è già abbastanza esplicito. Equivalgono a quelli di marca, ma costano meno e sono in grado di far risparmiare i cittadini e il Servizio Sanitario Nazionale. I generici hanno potuto contare su numerose immissioni in commercio a seguito delle scadenze brevettuali decorse nel 2017. Sono praticamente farmaci senza marca (non è scientificamente corretto, ma rende bene l’idea).

A consumare i generici sono soprattutto le regioni del Nord: qui ci sono il 36,5% delle confezioni vendute rispetto al 26,8% del Centro e 21,5% del Sud. In testa alla classifica la Provincia Autonoma di Trento, con il 42,5% sul totale delle unità dispensate SSN, fanalino di coda Calabria (19,5%) e Basilicata (19,8%). Ammonta infine a 561 milioni di euro la differenza di prezzo pagato dai cittadini per ottenere il branded a brevetto scaduto invece del generico: l'incidenza più alta è in Sicilia (58 milioni di euro).

PROSEGUI LA LETTURA

Farmaci equivalenti, brevetti in scadenza per il 25% é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 10:40 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0
Papa Francesco parla di sess0 ai giovani: "È un dono di Dio" (ma solo tra uomo e donna...) Wed, 19 Sep 2018 08:19:08 +0000 http://www.polisblog.it/post/402128/papa-francesco-sessualita-amore-giovani http://www.polisblog.it/post/402128/papa-francesco-sessualita-amore-giovani Lucia Resta Lucia Resta

Papa Francesco parla di sessualità

Nei giorni scorsi Papa Francesco ha ricevuto in udienza i giovani della diocesi francese di Grenoble-Vienne e ha risposto alle loro domande che hanno toccato anche un tema su cui la Chiesa cattolica difficilmente cambia idea, ossia quello della sessualità.

Il Pontefice si è dimostrato disponibile a rispondere alle domande, ma la sua apertura mentale non è di certo quella che in alcuni momenti ai più ottimisti era sembrato di vedere. Del resto di recente ha già avuto delle uscite per niente gay friendly e anche in questo caso il concetto espresso dal Papa, che pure elogia il sesso, è sempre lo stesso: solo tra uomo e donna e ai fini della procreazione. Anche se per dirlo ha usato tante "belle parole", parlando di "passione", "amore appassionato", "vero amore" e così via.

In particolare Papa Francesco ha detto che il sesso è "un dono che il Signore ci dà" e che "ha due scopi: amarsi e generare vita" e ha aggiunto:

"È una passione, è l'amore appassionato. Il vero amore è appassionato. L'amore fra un uomo e una donna, quando è appassionato, ti porta a dare la vita per sempre. Sempre. E a darla con il corpo e l'anima"

Poi ha anche detto che grazie alla sessualità si diviene "una sola carne" e ha invitato a parlarne così:

"Si deve vivere la sessualità così, in questa dimensione: dell'amore tra uomo e donna per tutta la vita"

E ha insistito:

"È vero che le nostre debolezze, le nostre cadute spirituali, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell'amore tra l'uomo e la donna. Ma sono cadute, come tutti i peccati. La bugia, l'ira, la gola... Sono peccati: peccati capitali. Ma questa non è la sessualità dell'amore: è la sessualità 'cosificata', staccata dall'amore e usata per divertimento"

Ed è tornato a sottolineare che la sessualità è "il punto più bello della creazione, nel senso che l'uomo e la donna sono stati creati a immagine e somiglianza di Dio e la sessualità è la più attaccata dalla mondanità, dallo spirito del male"

Ha parlato anche dell'industria della p0rnografia definendola una "degenerazione rispetto al livello dove Dio l'ha posta". Poi ha invitato i ragazzi a "custodire" la loro dimensione sessuale e la loro identità sessuale e a prepararla per l'amore, per quello che li accompagnerà per tutta la vita. Ha anche detto che la sessualità non va mai separata dall'amore e ha ricordato il caso di due anziani, al loro sessantesimo anno di matrimonio, che gli hanno detto "Noi non possiamo fare l'amore alla nostra età, ma ci abbracciamo, ci baciamo..." e il Papa ha commentato: "Questa è la sessualità vera. Mai staccarla dal posto tanto bello dell'amore. Bisogna parlare così della sessualità".

PROSEGUI LA LETTURA

Papa Francesco parla di sess0 ai giovani: "È un dono di Dio" (ma solo tra uomo e donna...) é stato pubblicato su Polisblog.it alle 10:19 di Wednesday 19 September 2018

]]>
0