it_IT Motori Blogosfere.it - Ultime notizie della sezione Motori Sun, 25 Jun 2017 20:45:11 +0000 Sun, 25 Jun 2017 20:45:11 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogosfere.it/motori 2004-2014 Blogo.it GP Azerbaijan F1 2017: foto della gara e classifiche mondiali Sun, 25 Jun 2017 16:14:42 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/153768/gp-azerbaijan-f1-2017-foto-della-gara-e-classifiche-mondiali http://www.motorsportblog.it/post/153768/gp-azerbaijan-f1-2017-foto-della-gara-e-classifiche-mondiali Rosario Scelsi Rosario Scelsi

GP Azerbaijan F1 2017 - Poca gente, alla vigilia, avrebbe scommesso sulla gloria della Red Bull nella gara del Caucaso. Invece, un ricca trama di imprevisti, ha consegnato una vittoria a sorpresa alla monoposto di Milton Keynes gestita in pista da Daniel Ricciardo. L'australiano è stato bravo a sfruttare al massimo i problemi accusati dai favoriti, per mettere all'incasso il miglior risultato.

Dietro di lui, in piazza d'onore, ha chiuso Valtteri Bottas, che si è liberato in volata della Williams di Lance Stroll, costretto ad "accontentarsi" del terzo posto finale.

Quarta e quinta posizione per Sebastian Vettel su Ferrari e Lewis Hamilton su Mercedes. Per la cronaca della corsa si rimanda al precedente post. Qui lo spazio è tutto per le foto e per le classifiche iridate. Buona visione!

Classifica Mondiale Piloti

01. Sebastian Vettel Ferrari 153 punti
02. Lewis Hamilton Mercedes 139
03. Valtteri Bottas Mercedes 111
04. Daniel Ricciardo Red Bull Racing TAG Heuer 92
05. Kimi Räikkönen Ferrari 73
06. Max Verstappen Red Bull Racing TAG Heuer 45
07. Sergio Perez Force India Mercedes 44
08. Esteban Ocon Force India Mercedes 35
09. Carlos Sainz Toro Rosso 29
10. Felipe Massa Williams Mercedes 20
11. Nico Hulkenberg Renault 18
12. Lance Stroll Williams Mercedes 17
13. Kevin Magnussen Haas Ferrari 11
14. Romain Grosjean Haas Ferrari 10
15. Pascal Wehrlein Sauber Ferrari 5
16. Daniil Kvyat Toro Rosso 4
17. Fernando Alonso McLaren Honda 2
18. Jolyon Palmer Renault 0
19. Marcus Ericsson Sauber Ferrari 0
20. Stoffel Vandoorne McLaren Honda 0
21. Antonio Giovinazzi Sauber Ferrari 0

Classifica Mondiale Costruttori

01. Mercedes 250 punti
02. Ferrari 226
03. Red Bull Racing TAG Heuer 137
04. Force India Mercedes 79
05. Williams Mercedes 37
06. Toro Rosso 33
07. Haas Ferrari 21
08. Renault 18
09. Sauber Ferrari 5
10. McLaren Honda 2

PROSEGUI LA LETTURA

GP Azerbaijan F1 2017: foto della gara e classifiche mondiali é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 18:14 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
Yamaha al Wheels and Waves 2017 con otto Yard Built Sun, 25 Jun 2017 16:00:28 +0000 http://www.motoblog.it/post/871836/yamaha-al-wheels-waves-2017-con-otto-yard-built http://www.motoblog.it/post/871836/yamaha-al-wheels-waves-2017-con-otto-yard-built Flavio Atzori Flavio Atzori


Dici Wheels & Waves e non puoi fare a meno di pensare al più famoso evento legato al mondo delle Special. Divenuto un fenomeno quasi di costume, ha attratto negli anni praticamente tutte le case del mondo, prima tra tutte la Yamaha che a Biarritz ha portato ben 8 spettacolari esercizi di stile, figli della collaborazione tra le filiali europee di Iwata ed alcuni creativi. In Italia, tanto per intenderci, da OMT Garage, è nata una XSR900 Stardust, scrambler superdotata di linee essenziali e classiche. Ma andiamo con ordine...

Il brand nipponico è stato protagonista a tutti i più grandi appuntamenti dell'evento di Biarritz, come El Rollo (gara di flat track all'ippodromo di San Sebastian), ArtRide IV (mostra artistica a Pasaia San Pedro) ed il Punk's Peak (sprint race sul Jaizkibel Mountain),
presentando al contempo ben otto nuove Yard Built sulla base delle Faster Sons XSR700 e XSR900, e realizzate dalle filiali Yamaha Motor di Italia, Germania, Spagna, Portogallo, Grecia, Svizzera, Regno Unito e Francia.

Come detto, per l'occasione la filiale italiana ha scelto di realizzare una special sulla base della XSR900: 'L'idea era quella di esplorare le straordinarie caratteristiche e performance di XSR900 all'interno di un nuovo territorio ossia quello del "muscle" off road' racconta Fabrizio Corsi, Product Manager della filiale italiana di Yamaha Motor.

'XSR900 costituisce un'ottima base per la personalizzazione' aggiunge Marco Troiano, titolare del workshop OMT Garage. 'Si tratta infatti di una moto classica ma dotata di un'anima aggressiva che le conferisce una personalità unica. È stato molto divertente lavorare a questo progetto di trasformazione di una XSR900 in una Power Scrambler. Abbiamo scelto di chiamarla "Stardust" per via delle stelle impresse sul serbatoio."

PROSEGUI LA LETTURA

Yamaha al Wheels and Waves 2017 con otto Yard Built é stato pubblicato su Motoblog.it alle 18:00 di Sunday 25 June 2017

]]> 0 Gp Azerbaijan F1 2017: trionfa Ricciardo, che tensione Vettel-Hamilton! Sun, 25 Jun 2017 15:37:17 +0000 http://www.autoblog.it/post/877547/gp-azerbaijan-baku-f1-2017-diretta-live-orari-tv-rai-e-sky http://www.autoblog.it/post/877547/gp-azerbaijan-baku-f1-2017-diretta-live-orari-tv-rai-e-sky Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

Ricciardo trionfa a Baku

Tra i due litiganti, il terzo gode. Il pazzo Gp Azerbaijan F1 2017 va clamorosamente a Daniel Ricciardo, partito in decima posizione e capace di approfittare dei vari problemi degli altri piloti, guidando alla perfezione e conquistando un successo assolutamente inatteso. Come dicevamo, è stata una gara incredibile, durata oltre due ore, tra safety car e bandiera rossa, che ha visto sul podio anche Valtteri Bottas (ad un certo punto doppiato) ed un incredulo Lance Stroll.

Ma, pur fuori entrambi dal podio, sono ancora una volta Sebastian Vettel (4°) e Lewis Hamilton (5°) i due protagonisti di giornata. Il ‘fattaccio’ avviene al giro 19, mentre siamo in regime di safety car: l’inglese rallenta violentemente ed il ferrarista lo colpisce. Dopo i gestacci, il tedesco affianca il rivale iridato e lo colpisce con una ruotata. Un ‘fallo di reazione’ che gli costa una penalità di 10 secondi e quasi certamente la vittoria, anche se riesce ad allungare a +14 nella classifica iridata.

Il pilota della Mercedes, in testa dall’inizio della gara, è costretto a fare un pit stop in più, per sistemare la protezione della testa, non fissata molto bene, perdendo la vittoria e finendo anche dietro al ferrarista. Così festeggia l’australiano, ma anche gli altri due piloti sul podio, mentre Vettel si arrabbia ai microfoni (“Lewis, non si fa così. Non ho capito perché ho avuto una penalità e lui no”). Risponde Hamilton: "Il suo non è un comportamento da quattro volte campione del mondo...". Il duello è sempre più rovente ed il Mondiale 2017 è sempre più divertente.

Gp Azerbaijan F1 2017: ordine d'arrivo

Ordine arrivo Azerbaijan 2017

Gp Azerbaijan F1 2017: classifica piloti

1 Sebastian Vettel GER FERRARI 153 punti
2 Lewis Hamilton GBR MERCEDES 139
3 Valtteri Bottas FIN MERCEDES 111
4 Daniel Ricciardo AUS RED BULL RACING TAG HEUER 92
5 Kimi Räikkönen FIN FERRARI 73
6 Max Verstappen NED RED BULL RACING TAG HEUER 45
7 Sergio Perez MEX FORCE INDIA MERCEDES 44
8 Esteban Ocon FRA FORCE INDIA MERCEDES 35
9 Carlos Sainz ESP TORO ROSSO 29
10 Felipe Massa BRA WILLIAMS MERCEDES 20
11 Nico Hulkenberg GER RENAULT 18
12 Lance Stroll CAN WILLIAMS MERCEDES 17
13 Kevin Magnussen DEN HAAS FERRARI 11
14 Romain Grosjean FRA HAAS FERRARI 10
15 Pascal Wehrlein GER SAUBER FERRARI 5
16 Daniil Kvyat RUS TORO ROSSO 4
17 Fernando Alonso ESP MCLAREN HONDA 2

Gp Azerbaijan F1 2017: classifica costruttori

1 MERCEDES 250 punti
2 FERRARI 226
3 RED BULL RACING TAG HEUER 137
4 FORCE INDIA MERCEDES 79
5 WILLIAMS MERCEDES 37
6 TORO ROSSO 33
7 HAAS FERRARI 21
8 RENAULT 18
9 SAUBER FERRARI 5
10 MCLAREN HONDA 2

Gp Azerbaijan F1 2017: la diretta della gara

[live_placement]

Gp Azerbaijan F1 2017: griglia di partenza

Prima fila: Hamilton-Bottas
Seconda fila: Raikkonen-Vettel
Terza fila: Verstappen-Perez
Quarta fila: Ocon-Stroll
Quinta fila: Massa-Ricciardo
Sesta fila: Kvyat-Magnussen
Settima fila: Hulkenberg-Wehrlein
Ottava fila: Sainz-Grosjean
Nona fila: Ericsson-Vandoorne
Decima fila: Alonso-Palmer

Gp Azerbaijan Baku F1 2017: Hamilton in pole

gp-f1-azerbaijan-2017-hamilton.jpg

Un grande Lewis Hamilton ha conquistato in Azerbaijan la sua pole position numero 66 davanti ad un Valtteri Bottas che gli ha dato filo da torcere fino all'ultimo tentativo in Q3. Terzo posto per Raikkonen staccato di 9 decimi da Hamilton, mentre Vettel ha agguantato la quarta posizione strappando la seconda fila a Verstappen, apparso decisamente a suo agio nel circuito di Baku. Giornata difficile per Vettel a causa di problemi al motore emersi nell'ultima sessione di prove libere, che ha costretto i meccanici della Ferrari ad una corsa contro il tempo per sostituire la power unit in meno di due ore. Operazione che non è riuscita ai meccanici Renault che non sono riusciti a rimettere in pista per le qualifiche ufficiali la monoposto di Palmer che domani partirà davanti solo alle pluri-penalizzate McLaren di Alonso e Vandoorne. Q3 sospese per una decina di minuti per rimuovere la Red Bull di Ricciardo finita contro le barriere. Il pilota australiano domani partirà dalla decima posizione subito dietro a Massa, nono, e Stroll, che si conferma in crescita mostrando buone doti di guida dopo i primi punti conquistati in Canada. Dopo la doppietta nel GP di Montreal la Mercedes si prende tutta la prima fila in Azerbaijan, non resta quindi che aspettare la gara di domani per vedere se la Ferrari, che nelle prove libere era la più veloce nel passo gara, riuscirà a competere per la vittoria.

Gp Azerbaijan Baku F1 2017: i tempi del Q3


gp-f1-azerbaijan-2017-q3.jpg

Ore 16:10 - Pole Position per Lewis Hamilton! Secondo un ottimo Bottas, mentre le Ferrari hanno dovuto lottare fino all'ultimo istante per guadagnare la seconda fila ai danni di Verstappen. Sesto Perez che precede Ocon, Stroll, Massa e Ricciardo.

Ore 16:08 - Gran duello tra i piloti Mercedes con Hamilton che fa segnare il miglior tempo con 1'40"593, seguito da Bottas, Raikkonen e Vettel che scansano Verstappen dalla seconda fila.

Ore 16:06 - Ultimo a scendere in pista tra i big è Vettel, che avrà probabilmente un solo tentativo a disposizione.

Ore 16:05 - E' ricominciata la caccia alla pole. Primo a scendere in pista è Verstappen, seguito dalle Mercedes di Bottas ed Hamilton.

Ore 16:03 - Proseguono a rilento le operazioni di rimozione della Red Bull di Ricciardo.

Ore 16:02 - Monoposto ancora ferme ai box in attesa di giocarsi la pole nei 3 minuti finali.

Ore 15:56 - Al comando c'è sempre Bottas seguito da Hamilton. Terzo posto momentaneamente occupato da Verstappen, seguito da Raikkonen, Ocon e Vettel. Prove concluse per Ricciardo, attualmente settimo davanti a Perez, Massa e Stroll.

Ore 15:55 - Problemi per Ricciardo che tocca le barriere. Bandiera Rossa a 3 minuti e mezzo dal termine per rimuovere la Red Bull ferma in un punto pericoloso.

Ore 15:52 - Bottas si migliora pur sfiorando le barriere, seguito da Hamilton, Verstappen e Raikkonen. Quinto Vettel che ha dovuto abortire il suo tentativo per essere arrivato lungo in curva.

Ore 15:51 - Bottas fa segnare il miglior tempo con 1'42"201, seguito da Raikkonen staccato di un decimo.

Ore 15:50 - Tutte in pista le monoposto, quasi tutti i piloti fanno due giri di lancio per scaldare bene le gomme.

Ore 15:48 - E' iniziata la Q3: entra nel vivo la lotta per la pole. Primi a scendere in pista i piloti Mercedes seguiti da Ricciardo.

Gp Azerbaijan Baku F1 2017: i tempi del Q2


gp-f1-azerbaijan-2017-q2.jpg

Ore 15:40 - Esclusi dal Q3 sono Kvyat, Sainz, Magnussen, Hulkenberg e Wehrlein. Ottimo settimo tempo per Stroll che davanti a Perez e Massa.

Ore 15:38 - Si migliora Sebastian Vettel che fa segnare il secondo tempo a 6 decimi da Hamilton.

Ore 15:37 - Secondo tempo per Verstappen che si piazza tra le due Mercedes alle spalle di Hamilton.

Ore 15:35 - Torna in pista Vettel per migliorare il suo ottavo tempo. Attualmente gli esclusi dalla Q3 sono Sainz, Kvyat, Magnussen, Hulkenberg e Wehrlein.

Ore 15:34 - Continua a migliorarsi Hamilton che fa segnare 1'41"275 rifilando 8 decimi al compagno di squadra Bottas.

Ore 15:33 - In lotta per la Q3 ci sono Ocon, Sainz e Kvyat. Ottimo sesto tempo per Stroll.

Ore 15:31 - Sempre Hamilton davanti a tutti seguito da Bottas, Raikkonen, Perez, Verstappen e Vettel.

Ore 15:30 - Hamilton torna in testa con 1'41"992 seguito da Bottas, al momento Vettel è escluso dalla Q3.

Ore 15:29 - Super giro di Raikkonen con 1'42"114 seguito da Verstappen, Ricciardo e Stroll.

Ore 15:27 - In pista tutte le monoposto, molti piloti scelgono di fare 2 giri di riscaldamento.

Ore 15:25 - E'iniziata la Q2: in pista Bottas, subito seguito da Wehrlein.

Gp Azerbaijan Baku F1 2017: i tempi del Q1


gp-f1-azerbaijan-2017-q1.jpg

Ore 15:20 - Esclusi dalla Q2 sono Alonso, Grosjean, Ericsson, Vandoorne e Palmer, che non ha preso parte alle qualifiche per via dei problemi accusati dalla sua Renault nelle libere 3

Ore 15:18 - Si migliora Magnussen che fa segnare il 14esimo tempo davanti a Wehrlein.

Ore 15:15 - In lotta per la Q2 ci sono anche Stroll e Wehrlein, che però si migliora facendo segnare il 14° tempo

Ore 15:13 - Lottano per qualificarsi in Q2 Grosjean, Magnussen, Vandoorne, Ericsson e Palmer.

Ore 15:11 - Bel duello tra Raikkonen e Verstappen che si alternano al secondo posto dietro Hamilton, che migliora il suo tempo con 1'41"983.

Ore 15:09 - Vettel al primo tentativo fa segnare il quarto tempo, seguito da Perez e Ricciardo.

Ore 15:07 - Verstappen si prende la prima posizione subito superato da Hamilton con 1'42"384, nuovo record della pista

Ore 15:05 - Primo tempo per Raikkonen con 1'43"419 seguito da Perez ed Ocon

Ore 15:03 - Bandiera gialla per l'uscita di pista di Sainz, senza conseguenze per la macchina.

Ore 15:02 - In pista tutte le monoposto ad eccezione di Hamilton, Vandoorne e Palmer.

Ore 15:00 - Sono iniziate le prove ufficiali sul circuito di Baku, subito in pista le due Williams seguite dalle Sauber. Primo tra i big a scendere in pista è Raikkonen.

Ore 14:55 - Buon pomeriggio da Baku! Mancano 5 minuti all'inizio delle prove ufficiali: il cielo è sereno, la temperatura atmosferica è di 26 gradi mentre quella dell'asfalto è di 54 gradi.


Gp Azerbaijan Baku F1 2017, libere 3: Bottas primo, segue Raikkonen


gp-f1-azerbaijan-2017-bottas-2.jpg

Si è appena conclusa la terza sessione di prove libere del Gp Azerbaijan F1 2017 con Valtteri Bottas al comando davanti Kimi Raikkonen e Lewis Hamilton. Prove caratterizzate nella prima parte dal fuoco sulla Renault di Palmer e dai problemi sulla Ferrari di Sebastian Vettel che ha compiuto pochissimi giri a causa di una perdita d'acqua. Grande lavoro per i meccanici della Rossa che forse saranno costretti a sostituire la power unit in vista delle qualifiche ufficiali che inizieranno alle 15. Problemi, in questo caso di temperatura, che ha accusato anche la Mercedes di Hamilton, senza però impedirgli di concludere le prove. Dopo l'exploit di ieri anche Verstappen, apparso in ottima forma, è stato costretto a fermare la propria monoposto per problemi al volante. Diversi piloti hanno lasciato la propria firma sulle barriere dopo la curva 8: ieri è stato il turno di Perez, oggi di Grosjean, mentre Massa, settimo, è stato bravo a riprendere all'ultimo la sua monoposto prima di toccare il muretto. Qualifiche che si preannunciano molto combattute con Ferrari e Mercedes vicinissime e l'incognita Red Bull che sul giro secco potrebbe dire la sua. L'appuntamento è quindi per le 15, quando inizieranno le prove ufficiali del Gp Azerbaijan F1 2017, ottavo appuntamento del Mondiale di Formula 1.

Gp Azerbaijan Baku F1 2017: i tempi delle libere 3


gp-f1-azerbaijan-2017-libere-3.jpg

Gp Azerbaijan Baku F1 2017, libere 2: Verstappen primo, bene la Ferrari


Vettel a Baku

Lo schianto nei minuti finali è l’unica nota negativa di un venerdì superlativo per Max Verstappen. Dopo aver fatto segnare il miglior tempo in mattinata, l’olandese si è confermato anche nel pomeriggio, mostrando una Red Bull superlativa (almeno sul giro secco) di questo Gp Azerbaijan F1 2017. Il baby fenomeno ha chiuso in 1’43”362 il suo miglior giro pomeridiano, sopravanzando Valtteri Bottas di esattamente un decimo ed il compagno di squadra Daniel Ricciardo di 111 millesimi.

Le lattine volanti, dunque, paiono essere tornate ad essere competitive e saranno sicuramente da tenere d’occhio tra le possibili favorite per le qualifiche di domani. Ma, per quanto riguarda la gara, le simulazioni danno un netto vantaggio per la Ferrari: soprattutto Sebastian Vettel (5° nel giro secco), ma anche Kimi Raikkonen, hanno mostrato un passo irraggiungibile per tutte le altre monoposto.

In un venerdì con tanti errori e soprattutto molti lunghi, chi è apparso in grossa difficoltà è stato Lewis Hamilton. Il pilota inglese della Mercedes non è riuscito a completare nessuna simulazione della qualifica ed anche nel passo gara non è apparso eccellente, concludendo anche in anticipo la sessione di libere. Non un buon viatico per il weekend, ma c’è tempo per recuperare.

Gp Azerbaijan Baku 2017: tempi libere 2


Libere 2 Baku 2017

Gp Azerbaijan 2017: Verstappen guida le libere 1


Verstappen a Baku

Sorpresa Red Bull a Baku. Max Verstappen ha fatto segnare il miglior tempo, nella prima sessione di prove libere del Gp Azerbaijan F1 2017, ottava prova del Mondiale. Il pilota olandese ha chiuso il suo miglior giro in 1’44”410 ed ha mostrato un ottimo feeling con questo tracciato, dove appunto si è trovata bene tutta la sua scuderia. Alle spalle del baby fenomeno, infatti, troviamo Daniel Ricciardo, seppur staccato di quasi mezzo secondo dal compagno di squadra.

Le due Red Bull hanno fatto segnare il tempo con la gomma rossa, quella più performante, mentre il terzo posto di Sebastian Vettel è arrivato con la gomma gialla. I 557 millesimi dal leader, dunque, sono un buon distacco, considerando il vantaggio che avrà quando anche la Ferrari monterà le gomme supersoft. Lavoro diverso per Kimi Raikkonen (9°), che non ha cercato la prestazione.

Anche le Mercedes si sono un po’ nascoste ed hanno svolto un lavoro più rivolto alla gara di domenica, rispetto alle qualifiche, siglando anch’esse i propri tempi con la gomma gialla. Lewis Hamilton ha fissato il quinto tempo (a 1”087), mentre Valtteri Bottas è sesto. Alle 15 italiane la seconda sessione di libere, dove avremo sicuramente indicazioni più realistiche sui rapporti di forza.

Gp Azerbaijan Baku F1 2017: tempi libere 1


Libere 1 Baku 2017


Gp Azerbaijan F1 2017: gli orari TV


Gp Azerbaijan F1

Dopo la doppietta Mercedes in Canada, il Mondiale di F1 2017 torna da questa parte dell’oceano per affrontare il Gp di Azerbaijan, sul circuito di Baku. Nonostante si sia già corso su questo circuito nella passata stagione, è la prima volta che la gara viene denominata con il nome del paese ex sovietico, mentre lo scorso anno era il Gp d’Europa e fu Nico Rosberg ad imporsi con la Mercedes.

Quest’anno il tedesco non ci sarà, ma c’è il grande duello tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel a tenere banco nel circus, con una nuova tappa di una sfida destinata a durare fino al termine della stagione. La prova di Baku sarà in diretta televisiva solamente su Sky Sport F1 HD, mentre i telespettatori Rai dovranno accontentarsi della differita, che avrà inizio alle ore 21 su Rai 2.

Le previsioni meteo sono favorevoli e parlano di un weekend completamente asciutto e senza rischio di pioggia, da venerdì a domenica (ed anche nei giorni precedenti). Solo qualche nube sparsa nella giornata di sabato, mentre le temperature saranno piuttosto elevate, attorno ai 30 gradi per il Gp di domenica e con qualche grado in meno per le libere di venerdì e le qualifiche.

Gp Azerbaijan Baku F1 2017: orari e dirette tv


Venerdì 23 giugno
Ore 11.00 Prove libere 1 (diretta Sky Sport F1 HD, differita ore 15.30 Rai Sport 1)
Ore 15.00 Prove libere 2 (diretta Sky Sport F1 HD, differita ore 00.35 Rai Sport 1)

Sabato 24 giugno
Ore 12.00 Prove libere 3 (diretta Sky Sport F1 HD, differita ore 18.00 Rai Sport 1)
Ore 15.00 Qualifiche (diretta Sky Sport F1 HD, differita ore 19.30 Rai 2)

Domenica 25 giugno
Ore 15.00 Gara (diretta Sky Sport F1 HD, differita ore 21.00 Rai 2)

PROSEGUI LA LETTURA

Gp Azerbaijan F1 2017: trionfa Ricciardo, che tensione Vettel-Hamilton! é stato pubblicato su Autoblog.it alle 17:37 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
GP Azerbaijan F1 2017: vince Ricciardo, Vettel ed Hamilton quarto e quinto Sun, 25 Jun 2017 15:00:11 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/153547/gp-azerbaijan-f1-2017-vince-ricciardo-vettel-ed-hamilton-quarto-e-quinto http://www.motorsportblog.it/post/153547/gp-azerbaijan-f1-2017-vince-ricciardo-vettel-ed-hamilton-quarto-e-quinto Rosario Scelsi Rosario Scelsi

BAKU, AZERBAIJAN - JUNE 24: Daniel Ricciardo of Australia driving the (3) Red Bull Racing Red Bull-TAG Heuer RB13 TAG Heuer on track during qualifying for the Azerbaijan Formula One Grand Prix at Baku City Circuit on June 24, 2017 in Baku, Azerbaijan.  (Photo by Mark Thompson/Getty Images)

GP Azerbaijan F1 2017 - Vittoria a sorpresa per Daniel Ricciardo nella sfida di Baku. Il pilota australiano ha messo la sua Red Bull davanti alla Mercedes di Valtteri Bottas, in una sfida molto animata nelle sue dinamiche, con diversi colpi di scena. Gradino più basso del podio per Lance Stroll, su Williams, seguito da Sebastian Vettel con l'unica Ferrari rimasta in gara. Poi Lewis Hamilton, sull'altra "freccia d'argento", quinto al traguardo. Andiamo alla cronaca della corsa.

Al via Hamilton conserva la leadership guadagnata in prova. Nei primi metri d'azione, alle sue spalle, cambia la geografia della classifica, con Vettel e Perez dietro di lui, come inseguitori di prossimità. Ad incidere sullo scenario concorre in modo importante il contatto fra Bottas e Raikkonen. Entrambi perdono terreno, vedendo svanire i loro sogni di gloria. Passano pochi giri e il crash fra i due viene messo sotto investigazione dalla direzione gara.

Intanto, al vertice, Hamilton amministra le danze con circa quattro secondi di vantaggio su Vettel, che al decimo passaggio sigla il crono di riferimento. Qualche minuto dopo Verstappen, che è quarto alle spalle di Perez, accusa dei problemi intermittenti al motore: lo passano Raikkonen, Massa e Ocon, suoi diretti inseguitori. La sfida è ancora lunga e tante cose possono succedere.

Al tredicesimo giro i due di testa rientrano ai box, per il loro pit stop. Uguale scelta per la coppia a seguire. I quattro riprenderanno presto lo stesso ordine di classifica. Entra in azione la safety car, per consentire la rimozione dalla monoposto di Kvyat, bloccata in posizione pericolosa. Dopo poco tempo si ripete un analogo regime, per togliere i detriti lasciati dalla macchina di Raikkonen.

Terzo ingresso dell'auto di sicurezza nei minuti successivi, per sanare lo scenario agonistico dopo l'incidente fra Perez ed Ocon. I piloti si lamentano del passo troppo blando della safety car. Nel corso della sua permanenza in pista un vistoso rallentamento di Hamilton causa il tamponamento di Vettel, che reagisce con rabbia alla condotta del rivale. I due sono ai ferri corti. Il loro impatto viene messo sotto investigazione.

La gara è ferma, per la bandiera rossa causata dai tanti detriti in pista. Si ripartirà fra dieci minuti. Quando i motori riprendono a rombare, ciò accade dietro l'auto di sicurezza. Appena il nastro d'asfalto si sgombra della sua presenza, le posizioni al vertice non cambiano. Ricciardo si porta alle spalle di Vettel, ma il ferrarista non teme la sua presenza. Hamilton, intanto, perde l'ancoraggio con la protezione della testa. L'intervento riparatorio richiede un ingresso ai box, che giunge poco dopo. Dalla cabina di regia della gara viene inflitto uno stop and go di dieci secondi a Vettel, per guida pericolosa (fallo di reazione sull'asso di Stevenage). All'uscita, il tedesco del “cavallino rampante” si pone davanti al rivale della Mercedes.

In testa, quando siamo al trentaquattresimo passaggio, c'è Ricciardo, seguito da Stroll, Magnussen, Ocon, Bottas, Alonso, Vettel ed Hamilton. Questi ultimi sorpassano presto lo spagnolo della McLaren. Poi recuperano ulteriore terreno, portandosi al quarto e quinto posto. Il podio sembra una chimera, ma stiamo parlando di due grandi campioni, su auto molto performanti. Vedremo cosa accadrà. A tre giri dalla fine, Ricciardo controlla le danze con 6"2 di margine su Stroll e 8"6 su Bottas. Poi Vettel ed Hamilton, staccati rispettivamente di 11"6 e 12"7 dal leader. A questo punto lo scenario sembra destinato a non cambiare, ma nei secondi conclusivi Bottas supera Stroll, regalando alla Mercedes la piazza d'onore. Vince Ricciardo.

GP Azerbaijan F1 2017, ordine d'arrivo

01. Daniel Ricciardo Red Bull 2:03'55"570
02. Valtteri Bottas Mercedes + 3"904
03. Lance Stroll Williams + 4"009
04. Sebastian Vettel Ferrari + 5"976
05. Lewis Hamilton Mercedes + 6"188
06. Esteban Ocon Force India + 30"298
07. Kevin Magnussen Haas + 41"753
08. Carlos Sainz Toro Rosso + 49"400
09. Fernando Alonso McLaren + 59"551
10. Pascal Wehrlein Sauber + 89"093
11. Marcus Ericsson Sauber + 91"794
12. Stoffel Vandoorne McLaren + 92"160
13. Romain Grosjean Haas + 1 giro
14. Kimi Raikkonen Ferrari Ritirato
15. Sergio Perez Force India Ritirato
16. Felipe Massa Williams Ritirato
17. Nico Hulkenberg Renault Ritirato
18. Max Verstappen Red Bull Ritirato
19. Daniil Kvyat Toro Rosso Ritirato
20. Jolyon Palmer Renault Ritirato

GP Azerbaijan F1 2017: Hamilton in pole, Mercedes domina le qualifiche

Mercedes' British driver Lewis Hamilton steers his car during the qualifying session for the Formula One Azerbaijan Grand Prix at the Baku City Circuit in Baku on June 24, 2017. / AFP PHOTO / Alexander NEMENOV        (Photo credit should read ALEXANDER NEMENOV/AFP/Getty Images)

GP Azerbaijan F1 2017 – Prove di qualificazione da incorniciare per la Mercedes, che guadagna i due migliori tempi nel confronto per definire la griglia di partenza della gara di domani. Pole position per Lewis Hamilton, che stacca in modo deciso i rivali, girando in 1'40”593.

Supera i quattro decimi il ritardo del compagno di squadra Valtteri Bottas, giunto in piazza d'onore nel match più importante del sabato. Il divario cresce oltre quota undici decimi per le due Ferrari, che occupano la seconda fila, con Kimi Raikkonen davanti a Sebastian Vettel. Il pilota tedesco del “cavallino rampante”, prima delle qualifiche, è stato costretto a cambiare il motore della sua SF70H, a causa di una perdita al circuito idraulico.

Domani, per i due uomini in “rosso”, si annuncia una corsa in salita, ma nessun risultato è precluso, a dispetto del quadro cronometrico odierno. Tornando alla griglia, quinto posto per Max Verstappen, che ha messo la sua Red Bull davanti alle Force India di Sergio Perez ed Esteban Ocon. Poi Stroll, Massa e Ricciardo, che completano la top ten.

Giornata da dimenticare per la McLaren, costretta ad accontentarsi del sedicecimo posto di Fernando Alonso e del diciannovesimo di Stoffel Vandoorne. Riprendendo la trama dei piani alti, è doveroso sottolineare come quella di oggi sia stata la sessantaseiesima pole position per Hamilton: una cifra molto vicina al record di Michael Schumacher, che vanta 68 partenze al palo nella sua carriera.

qualifiche.jpg

GP Azerbaijan F1 2017: Red Bull in testa nelle libere del venerdì, Ferrari ok

Red Bull's Dutch driver Max Verstappen steers his car during the second practice session of the Formula One Azerbaijan Grand Prix at the Baku City Circuit on June 23, 2017. / AFP PHOTO / ANDREJ ISAKOVIC        (Photo credit should read ANDREJ ISAKOVIC/AFP/Getty Images)

GP Azerbaijan F1 2017 - Le prime due sessioni di prove libere della sfida di Baku hanno consegnato la leadership alla Red Bull, con Max Verstappen in cima alla lista dei tempi in entrambi i confronti di questo venerdì.

Nel match antimeridiano due monoposto del team di Milton Keynes hanno siglato i migliori riferimenti cronometrici, mentre in quello pomeridiano alle spalle del primatista si è insediata la Mercedes di Valtteri Bottas, con Daniel Ricciardo al terzo posto. Quarto e quinto tempo per le Ferrari, che hanno chiuso la giornata con Kimi Raikkonen davanti a Sebastian Vettel. Il ritardo delle "rosse" dal vertice è molto contenuto, ma ciò che più fa la gioia dei tifosi del "cavallino rampante" è il passo di gara delle SF70H, migliore di tutti gli altri.

Come sempre, le prove del venerdì vanno prese con le pinze, per la difficile lettura delle variabili. Domani si avranno indicazioni più precise sul potenziale reale dei diversi attori del Circus.

GP Azerbaijan F1 2017 Prove Libre 2

01. Max Verstappen Red Bull 1’43″362
02. Valtteri Bottas Mercedes 1’43″462
03. Daniel Ricciardo Red Bull 1’43″473
04. Kimi Raikkonen Ferrari 1’43″489
05. Sebastian Vettel Ferrari 1’43″615
06. Lance Stroll Williams 1’44″113
07. Sergio Perez Force India 1’44″306
08. Daniil Kvyat Toro Rosso 1’44″321
09. Esteban Ocon Force India 1’44″484
10. Lewis Hamilton Mercedes 1’44″525
11. Felipe Massa Williams 1’44″609
12. Fernando Alonso McLaren 1’45″515
13. Carlos Sainz Toro Rosso 1’45″733
14. Kevin Magnussen Haas 1’45″831
15. Nico Hulkenberg Renault 1’46″003
16. Jolyon Palmer Renault 1’46″061
17. Stoffel Vandoorne McLaren 1’46″174
18. Pascal Wehrlein Sauber 1’47″150
19. Marcus Ericsson Sauber 1’47″347
20. Romain Grosjean Haas 1’47″722

GP Azerbaijan F1 2017 Prove Libere 1

01. Max Verstappen Red Bull 1'44"410
02. Daniel Ricciardo Red Bull 1'44"880
03. Sebastian Vettel Ferrari 1'44"967
04. Sergio Perez Force India 1'45"398
05. Lewis Hamilton Mercedes 1'45"497
06. Valtteri Bottas Mercedes 1'45"737
07. Esteban Ocon Force India 1'45"752
08. Felipe Massa Williams 1'45"968
09. Kimi Raikkonen Ferrari 1'46"000
10. Daniil Kvyat Toro Rosso 1'46"617
11. Lance Stroll Williams 1'46"649
12. Kevin Magnussen Haas 1'46"721
13. Romain Grosjean Haas 1'46"837
14. Nico Hulkenberg Renault 1'47"217
15. Stoffel Vandoorne McLaren 1'47"446
16. Carlos Sainz Toro Rosso 1'47"501
17. Fernando Alonso McLaren 1'47"551
18. Jolyon Palmer Renault 1'48"525
19. Pascal Wehrlein Sauber 1'49"048
20. Marcus Ericsson Sauber 1'49"937

GP Azerbaijan F1 2017: orari tv della tappa di Baku

MONTREAL, QC - JUNE 11: Race winner Lewis Hamilton of Great Britain driving the (44) Mercedes AMG Petronas F1 Team Mercedes F1 WO8 waves to the crowd during the Canadian Formula One Grand Prix at Circuit Gilles Villeneuve on June 11, 2017 in Montreal, Canada.  (Photo by Clive Mason/Getty Images)

GP Azerbaijan F1 2017 - Ormai ci siamo: la sfida di Baku è dietro l'angolo. Poche ore ci separano dall'avvio delle danze. Lo start darà linfa a una nuova tappa del calendario sportivo. I bolidi del Circus sono pronti ad accendere i motori, per mettersi al servizio dei loro piloti.

L'appuntamento giunge dopo la gara di Montreal, vinta in modo autorevole dalla Marcedes, che ha piazzato le sue monoposto davanti a tutte la altre. Ora la Ferrari cercherà di rifarsi, per rafforzare la leadership in classifica piloti e per recuperarla in quella costruttori.

Il nastro d'asfalto nel centro della capitale dell'Azerbaijan farà da sfondo a un nuovo duello al vertice, con una prevedibile lotta fra "cavallini rampanti" e "frecce d'argento". In attesa di vedere come andrà a finire, ecco un quadro degli orari televisivi della tappa all'orizzonte.

Venerdì 23 giugno

Libere 1:
11:00-12:30 su Sky Sport F1 HD
16:45 Differita integrale su RaiSport/Rai Sport HD

Libere 2:
15:00-16:30 su Sky Sport F1 HD
19:45 Differita integrale su RaiSport/Rai Sport HD

Sabato 24 giugno

Libere 3:
12:00-13:00 su Sky Sport F1 HD
16:15 Differita integrale su RaiSport/Rai Sport HD

Qualifiche:
15:00 su Sky Sport F1 HD
19:30 Differita integrale su Rai 2

Domenica 25 giugno

Gara:
15:00 su Sky Sport F1 HD
21:10 Differita integrale su Rai 2

PROSEGUI LA LETTURA

GP Azerbaijan F1 2017: vince Ricciardo, Vettel ed Hamilton quarto e quinto é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 17:00 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
Assen MotoGP, lectio magistralis del “Dottor” Rossi. Che Petrux! Dovizioso (Ducati) leader Sun, 25 Jun 2017 12:46:37 +0000 http://www.motoblog.it/post/872015/assen-motogp-lectio-magistralis-del-dottor-rossi-che-petrux-dovizioso-ducati-leader http://www.motoblog.it/post/872015/assen-motogp-lectio-magistralis-del-dottor-rossi-che-petrux-dovizioso-ducati-leader Massimo Falcioni Massimo Falcioni


Assen non si smentisce proponendo una corsa da cornice adeguata alla sua migliore tradizione e così la MotoGP non si fa mancare niente, con la show, le quattro gocce d’acqua, le cadute, il raggio di sole con il trionfo finale di Valentino Rossi, il mondiale che s’incendia riaprendosi ad ogni prospettiva.

Che festa, ragazzi! Non solo per il “Dottore” che ritrova dopo un duro digiuno di oltre un anno, con una prova superba, la via (mai facile) del gradino più alto del podio segnando la sua 115esima vittoria.

Una festa anche per un altro italiano, il ternano di poche parole e dal sorriso umile Danilo Petrucci, considerato poco più di un “gregario” se pur di lusso, secondo a 63 millesimi dal 9 volte campione del Mondo di Tavullia.

Vale e Purux, piloti e personaggi diversi fra loro accumunati solo dalla stessa passione, hanno fermato lo straniero. Anzi, gli stranieri.

Alt a sua maestà Marquez, che sa metterci da par suo una “pezza”, gran terzo posto per i capelli perché la grinta e la classe non si smarriscono anche nelle giornate meno felici. Alt soprattutto al leader (adesso ex leader) della classifica Vinales, ruzzolato a terra a metà corsa nella foga di un recupero disperato dalle retrovie, uno zero che però lo ridimensiona come cannibale (mancato) anche nei valori interni della Yamaha dove, forse con eccessiva baldanza e sicumera, gli erano stati cuciti addosso i gradi di capitano, strappandoli al pesarese dato avventatamente in discesa, se non finito. Ciò non significa Vinales senza più smalto o fuori gioco. Significa che le ruote sono tonde, per tutti.E che nel motociclismo mai dire mai...

Già. Ma la festa non è finita. Non solo perché per gli smemorati Petrucci corre su Ducati e quindi la Casa di Borgo Panigale insiste nella sua riga da sogno fra ori, argenti, bronzi e medaglie di minor pregio ma non di minor valore, ma soprattutto perché chi si sente deluso per il … mancato tris (dopo la doppietta degli ultimi due round) di Dovizioso può rifarsi con la rimonta e il bel quinto posto odierno, bottino di gran sostanza per la classifica che adesso vede davanti a tutti proprio il pilota forlivese della Rossa, primo con 115 punti su Vinales (111 punti), Rossi (108), Marquez (104), Pedrosa (87), Zarco (77), Petrucci (62), Lorenzo (60).

Vietato illudersi ma questi sono i fatti. Il resto? Non fa testo. Iannone è nono (ma a oltre 37 secondi di distacco), Pedrosa, 13°, Lorenzo 15°. Che dire. Zitti e mosca. O no?

Il mondiale MotoGP fa ancora sognare. Il tricolore e l’inno di Mameli sono attesi ai nuovi appuntamenti. Tutto è possibile. Anche di più.

PROSEGUI LA LETTURA

Assen MotoGP, lectio magistralis del “Dottor” Rossi. Che Petrux! Dovizioso (Ducati) leader é stato pubblicato su Motoblog.it alle 14:46 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
MotoGP Assen 2017 LIVE| Valentino Rossi 1°, Petrucci 2°, Dovi leader in campionato! Sun, 25 Jun 2017 12:30:10 +0000 http://www.motoblog.it/post/871647/motogp-assen-2017-live-diretta-warm-up-e-gara http://www.motoblog.it/post/871647/motogp-assen-2017-live-diretta-warm-up-e-gara Flavio Atzori Flavio Atzori

ASSEN, NETHERLANDS - JUNE 23: Valentino Rossi of Italy and Movistar Yamaha MotoGP  heads down a straight  during the MotoGP Netherlands - Free Practice on June 23, 2017 in Assen, Netherlands.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Motomondiale 2017 - Una corsa al cardiopalma, letterlamente spettacolare in cui tutti son stati grandi ed eccelsi protagonisti di uno spettacolo che la cattedrale di Assen ha voluto regalare.

Valentino Rossi torna alla vittoria dopo più di un anno con una gara magistrale, battendo le condizioni atmosferiche mutevoli, ma anche avversari come Danilo Petrucci, splendido secondo oggi, Marc Marquez, un arrembante Cal Crutchlow, bravo a recuperare con le prime gocce di pioggia, ed Andrea Dovizioso, quinto al traguardo, ma primo nel mondiale. Già, perchè oggi il grande sconfitto è Maverick Vinales, caduto quando si trovava in lotta con Dovizioso all'ultima chicane.

Ora il mondiale è più aperto che mai: Dovizioso è primo con 115 punti, davanti a Vinales a 111, Rossi a 108 e Marquez a 104. Sarà un grande mondiale.

MotoGP Assen 2017 | Classifica gara


1 25 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 169.9 41'41.149
2 20 9 Danilo PETRUCCI ITA OCTO Pramac Racing Ducati 169.9 +0.063
3 16 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 169.6 +5.201
4 13 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 169.6 +5.243
5 11 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 169.6 +5.327
6 10 43 Jack MILLER AUS EG 0,0 Marc VDS Honda 168.3 +23.390
7 9 17 Karel ABRAHAM CZE Pull&Bear Aspar Team Ducati 167.4 +36.982
8 8 76 Loris BAZ FRA Reale Avintia Racing Ducati 167.4 +37.058
9 7 29 Andrea IANNONE ITA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 167.4 +37.166
10 6 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 165.8 +1'01.929
11 5 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 165.3 +1'09.384
12 4 53 Tito RABAT SPA EG 0,0 Marc VDS Honda 165.3 +1'10.121
13 3 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 165.3 +1'10.344
14 2 5 Johann ZARCO FRA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 163.7 +1'35.655
15 1 99 Jorge LORENZO SPA Ducati Team Ducati 163.2 1 Lap
16 8 Hector BARBERA SPA Reale Avintia Racing Ducati 162.4 1 Lap
17 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 162.1 1 Lap

MotoGP Assen 2017 | Live warm up e gara


[live_placement]

Motomondiale 2017 - E' stato l'uomo del giorno ed oggi partirà dal palo: Johann Zarco, primo nelle Fp4, primo sopratutto in qualifica. Il francese, mai banale in pista e fuori, ha tira fuori letteralmente gli artigli in condizioni miste tra umido e asciutto, con una pista che puntava sempre più ad una traiettoria sempre più pulita, e batte la concorrenza di Marquez e Petrucci, compagni domani in prima fila allo start di questo gran premio d'Olanda.

Il suo segreto risiede nello sfruttamento esiguo dei pneumatici, ed in queste condizioni tale prerogativa è stata enfatizzata. Attenzione però a catalogarlo come un caso: Zarco è forte e sempre più un protagonista di questo mondiale.

Una prima pole position per il portacolori Tech-3 che non fa altro che confermare la bravura di questo talento transalpino, due volte campione del mondo Moto2, divenuto in poche gare un vero e proprio protagonista di questo mondiale. Aggressivo, veloce, determinato, ha piazzato la zampata in 1'46.141, staccando di 65 millesimi proprio Marquez, e di 3 decimi pieni Danilo Petrucci, rallentato anche da un Daniel Pedrosa purtroppo in affanno con queste condizioni.

Bene anche Valentino Rossi, quarto davanti a Redding e Folger. Qualifiche da amaro in bocca invece per Andrea Dovizioso, autore di una caduta a metà turno, concluse in nona piazza. La consolazione è che l'alfiere Ducati si trova davanti ad un Maverick Vinales solo 11esimo, addirittura dietro anche ad un Sam Lowes positivo con Aprilia.

MotoGP Assen 2017 | Qualifiche 2


zarco-pole.jpg

1 5 Johann ZARCO FRA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 291.5 1'46.141
2 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 293.7 1'46.206 0.065 / 0.065
3 9 Danilo PETRUCCI ITA OCTO Pramac Racing Ducati 293.9 1'46.526 0.385 / 0.320
4 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 287.9 1'46.705 0.564 / 0.179
5 45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Racing Ducati 286.0 1'47.574 1.433 / 0.869
6 94 Jonas FOLGER GER Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 287.3 1'47.663 1.522 / 0.089
7 19 Alvaro BAUTISTA SPA Pull&Bear Aspar Team Ducati 291.6 1'47.812 1.671 / 0.149
8 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 289.3 1'48.042 1.901 / 0.230
9 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 292.6 1'48.079 1.938 / 0.037
10 22 Sam LOWES GBR Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 284.8 1'48.128 1.987 / 0.049
11 25 Maverick VIÑALES SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 289.3 1'48.266 2.125 / 0.138
12 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 280.1 1'49.623 3.482 / 1.357

MotoGP Assen 2017 | Qualifiche 1


redding-primo.jpg

1 45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Racing Ducati 284.5 1'46.926
2 22 Sam LOWES GBR Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 287.0 1'47.191 0.265 / 0.265
3 43 Jack MILLER AUS EG 0,0 Marc VDS Honda 291.2 1'47.217 0.291 / 0.026
4 76 Loris BAZ FRA Reale Avintia Racing Ducati 288.0 1'47.234 0.308 / 0.017
5 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 287.3 1'47.277 0.351 / 0.043
6 29 Andrea IANNONE ITA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 293.0 1'47.649 0.723 / 0.372
7 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 288.0 1'47.804 0.878 / 0.155
8 17 Karel ABRAHAM CZE Pull&Bear Aspar Team Ducati 288.6 1'47.947 1.021 / 0.143
9 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 295.7 1'47.957 1.031 / 0.010
10 8 Hector BARBERA SPA Reale Avintia Racing Ducati 290.7 1'48.080 1.154 / 0.123
11 99 Jorge LORENZO SPA Ducati Team Ducati 286.4 1'48.219 1.293 / 0.139
12 38 Bradley SMITH GBR Red Bull KTM Factory Racing KTM 289.6 1'48.448 1.522 / 0.229
13 53 Tito RABAT SPA EG 0,0 Marc VDS Honda 284.9 1'48.700 1.774 / 0.252

MotoGP Assen 2017 - Programma domenica 25 Giugno

08.40 | Warm up Moto3, Moto2, MotoGP
11.00 | Gara Moto3
12.30 | Grid
13.00 | Gara MotoGP
14.30 | Gara Moto2

Classifica Piloti MotoGP 2017

1 Maverick VIÑALES Yamaha SPA 111
2 Andrea DOVIZIOSO Ducati ITA 104
3 Marc MARQUEZ Honda SPA 88
4 Dani PEDROSA Honda SPA 84
5 Valentino ROSSI Yamaha ITA 83
6 Johann ZARCO Yamaha FRA 75
7 Jorge LORENZO Ducati SPA 59
8 Jonas FOLGER Yamaha GER 51
9 Cal CRUTCHLOW Honda GBR 45
10 Danilo PETRUCCI Ducati ITA 42
11 Alvaro BAUTISTA Ducati SPA 34
12 Scott REDDING Ducati GBR 33
13 Jack MILLER Honda AUS 30
14 Loris BAZ Ducati FRA 23
15 Andrea IANNONE Suzuki ITA 21
16 Hector BARBERA Ducati SPA 21
17 Tito RABAT Honda SPA 19
18 Aleix ESPARGARO Aprilia SPA 17
19 Karel ABRAHAM Ducati CZE 11
20 Michele PIRRO Ducati ITA 7
21 Alex RINS Suzuki SPA 7
22 Pol ESPARGARO KTM SPA 6
23 Bradley SMITH KTM GBR 6
24 Sam LOWES Aprilia GBR 2
25 Sylvain GUINTOLI Suzuki FRA 1

Classifica Costruttori MotoGP 2017

Ducati's rider Jorge Lorenzo competes during the Moto GP free practice session of the Italian Grand Prix at the Mugello track on June 2, 2017. / AFP PHOTO / Vincenzo PINTO        (Photo credit should read VINCENZO PINTO/AFP/Getty Images)

1 YAMAHA 139
2 HONDA 125
3 DUCATI 122
4 SUZUKI 28
5 APRILIA 19
6 KTM 8

Classifica Squadre MotoGP 2017

SCARPERIA, ITALY - JUNE 02:   Johann Zarco of France and Monster Yamaha Tech 3 and Sam Lowes of Great Britain and Aprilia Racing Team Gresini (up)  round the bend during the MotoGp of Italy - Free Practice at Mugello Circuit on June 2, 2017 in Scarperia, Italy.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

1 MOVISTAR YAMAHA MOTOGP 194
2 REPSOL HONDA TEAM 172
3 DUCATI TEAM 163
4 MONSTER YAMAHA TECH 3 126
5 OCTO PRAMAC RACING 75
6 EG 0,0 MARC VDS 49
7 LCR HONDA 45
8 PULL&BEAR ASPAR TEAM 45
9 REALE AVINTIA RACING 44
10 TEAM SUZUKI ECSTAR 29
11 APRILIA RACING TEAM GRESINI 19
12 RED BULL KTM FACTORY 12

Italian Movistar Yamaha rider Valentino Rossi prepares himself for a Moto GP free practice session of the Italian Grand Prix at the Mugello track on June 2, 2017.  / AFP PHOTO / Vincenzo PINTO        (Photo credit should read VINCENZO PINTO/AFP/Getty Images)

PROSEGUI LA LETTURA

MotoGP Assen 2017 LIVE| Valentino Rossi 1°, Petrucci 2°, Dovi leader in campionato! é stato pubblicato su Motoblog.it alle 14:30 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
Assen Moto3, Fenati 2° nella “morsa” fra Canet e McPhee. Bulega nella top ten Sun, 25 Jun 2017 10:34:30 +0000 http://www.motoblog.it/post/871965/assen-moto3-fenati-2-nella-morsa-fra-canet-e-mcphee-bulega-nella-top-ten http://www.motoblog.it/post/871965/assen-moto3-fenati-2-nella-morsa-fra-canet-e-mcphee-bulega-nella-top-ten Massimo Falcioni Massimo Falcioni


Italiani brava gente. Ma sono ancora gli altri a vincere, in questo caso lo spagnolo dal dente avvelenato e astuto come una volpe Aron Canet che sulla piana di Assen conquista la burrascosa Moto3 in una volatona da Tour de France.

Il “tricolore” è salvo, grazie a Romano Fenati, protagonista senza sbavature, splendido secondo per un capello (35 millesimi da Canet al suo secondo centro iridato), risultato che in ottica campionato vale il doppio (idem per Canet) grazie al risultato del capoclassifica Mir, per molti giri in testa all’indiavolato carosello ma solo nono sotto la bandiera per uno svarione nel finale.

L’ascolano della Honda (cinque moto dell’Ala dorata ai primi cinque posti!) stretto nella morsa fra lo spagnolo Canet e l’inglese McPhee. Tant’è. Insomma l’onore degli “azzurri” è salvo grazie al nostro rappresentante più “vecchio” e più esperto che esce dal GP d’Olanda rafforzando le proprie chances nella sua corsa al titolo.

Oltre a Fenati, nessun’altro italiano sale sul podio, nessun’altro italiano si è battuto per la vittoria, solo Bulega, dopo vicissitudini (specie degli avversari) s’infila nella top ten, agguantando il decimo posto pur se staccato di quasi 7 secondi (+6.972).

Caduto Di Giannnatonio, caduto Pagliani con invischiamento di Bezzecchi, caduto Bastianini, out Dalla Porta e Arbolino, costretto al forfait Antonelli per i postumi della botta al braccio, solo 14° Migno. Ecco, un casino o quasi. Poi, si sa, chi s’accontenta gode.

Viste le (ingigantite?) aspettative e le (troppe?) dichiarazioni, una (quasi) debacle. Tirare in ballo la sfortuna non ha senso perché le proprie disavventure dovute a propri errori si pagano e basta. Quando i risultati non arrivano si tratta, evidentemente, di altro, non sempre di sfortuna, e prima o poi bisognerà prenderne atto.

Per la cronaca, nella corrida di Assen 2016 ci fu “grande Italia”, con il trionfo di Bagnaia, con un podio tutto tricolore (exploit di Fabio Di Giannnatonio e zampata di Migno rispettivamente secondi e terzo per una manciata di millesimi), con lo stesso Fenati quarto e altri tre italiani nella top ten: Antonelli (quinto), Bulega (settimo), Dalla Porta (decimo). Insomma, si stava meglio quando si… stava peggio e nell’anno dei trionfi annunciati se non fosse per il “seniores” Fenati saremmo già con le orecchie a terra. Ci torneremo in una analisi senza coperture e senza infingimenti.

Ricapitoliamo con la classifica che dopo l’ottavo round vede sempre Mir in testa (140 punti) davanti a Canet (110) e a Fenati (108) in una battaglia aperta a ogni conclusione.Seguono Martin (89) e McPhee (83) su Di Giannnatonio 6° (80) e Migno 7° (78), poi Ramirez (63) e Guevara (54) davanti al 10° Bastianini (49) e all’11° Bulega (41). Gli altri italiani nelle retrovie: Antonelli 18° (16), Bezzecchi 26° (3), Dalla Porta 27° (2), Arbolino 28° (2) e Pagliani 31° (0).

Numeri come pietre, pesanti e taglienti. La controprova nel toboga del Sachsenring?

PROSEGUI LA LETTURA

Assen Moto3, Fenati 2° nella “morsa” fra Canet e McPhee. Bulega nella top ten é stato pubblicato su Motoblog.it alle 12:34 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
Moto3 Assen : Aron Canet in volata su Fenati Sun, 25 Jun 2017 10:28:48 +0000 http://www.motoblog.it/post/871883/moto3-assen-aron-canet-in-volata-su-fenati http://www.motoblog.it/post/871883/moto3-assen-aron-canet-in-volata-su-fenati Flavio Atzori Flavio Atzori

canet.jpg
Con il più classico dei finali tipici di Assen, la Moto3 ha mostrato il suo lato thrilling e spettacolare con gli ultimi giri al cardiopalma che hanno permesso però ad Aron Canet di conquistare la seconda vittoria in stagione (la prima a Jerez) avvicinandosi a Joan Mir, oggi nono. Una vittoria in volata su un Romano Fenati che aveva gestito al meglio la corsa e che all'ultimo giro ha provato l'affondo decisivo. Solo il giovane spagnolo è riuscito all'ultima staccata nel sorpasso. Per il pilota italiano, il tentativo di incrociare e prendere la scia poi non ha avuto successo. Un successo d'autore quello di Canet, chiamato a recuperare terreno dopo la caduta al secondo giro di Fabio di Giannantonio che aveva creato uno strappo tra due gruppi di piloti.

Un gruppo ricongiuntosi e autore di un grande duello, con protagonisti, oltre a Canet e Fenati, anche Martin - forse un po' troppo arrembante - Mir, Bendsneyder, Ramirez, Rodrigo, Danilo, McPhee.
Una vittoria dunque che riapre i discorsi mondiali. Canet è ora secondo a 30 punti da Mir - oggi nono - mentre Fenati è terzo a 32 punti. Un peccato per il portacolori del team Leopard, bravo a portarsi in vetta nelle battute finali, ma sprofondato poi proprio all'ultimo passaggio in nona piazza.

Curioso come il povero Bendsneyder sia stato squalificato. Il pilota Ajo KTM si è toccato proprio a pochi metri dal traguardo. Il pilota ha attraversato la linea d'arrivo staccato dalla propria moto, in piena scivolata. Per questo motivo non è stato classificato, visto che, come da regolamento, pilota e moto devono arrivare insieme.

Non pervenuto il team SKY VR46 con Bulega primo "degli altri" in decima piazza, e Migno 14esimo. C'è da sottolineare come nei primi cinque posti ci siano cinque Honda. KTM sembra in piena difficoltà con i due bravi Ramirez e Rodrigo oggi unici a tenerne alti i vessilli.

Moto3 Assen 2017 | Risultato gara


1 25 44 Aron CANET SPA Estrella Galicia 0,0 Honda 156.3 38'20.364
2 20 5 Romano FENATI ITA Marinelli Rivacold Snipers Honda 156.3 +0.035
3 16 17 John MCPHEE GBR British Talent Team Honda 156.3 +0.117
4 13 88 Jorge MARTIN SPA Del Conca Gresini Moto3 Honda 156.3 +0.310
5 11 95 Jules DANILO FRA Marinelli Rivacold Snipers Honda 156.3 +0.532
6 10 42 Marcos RAMIREZ SPA Platinum Bay Real Estate KTM 156.3 +0.594
7 9 19 Gabriel RODRIGO ARG RBA BOE Racing Team KTM 156.3 +0.651
8 8 24 Tatsuki SUZUKI JPN SIC58 Squadra Corse Honda 156.3 +0.679
9 7 36 Joan MIR SPA Leopard Racing Honda 156.3 +0.980
10 6 8 Nicolo BULEGA ITA SKY Racing Team VR46 KTM 155.9 +6.972
11 5 65 Philipp OETTL GER Südmetall Schedl GP Racing KTM 155.8 +8.196
12 4 58 Juanfran GUEVARA SPA RBA BOE Racing Team KTM 155.7 +9.200
13 3 40 Darryn BINDER RSA Platinum Bay Real Estate KTM 155.6 +10.746
14 2 16 Andrea MIGNO ITA SKY Racing Team VR46 KTM 155.6 +10.890
15 1 71 Ayumu SASAKI JPN SIC Racing Team Honda 155.6 +10.920
16 12 Marco BEZZECCHI ITA CIP Mahindra 155.2 +16.249
17 84 Jakub KORNFEIL CZE Peugeot MC Saxoprint Peugeot 155.2 +16.344
18 41 Nakarin ATIRATPHUVAPAT THA Honda Team Asia Honda 155.2 +16.479
19 27 Kaito TOBA JPN Honda Team Asia Honda 154.1 +33.845
20 6 Maria HERRERA SPA AGR Team KTM 154.0 +34.172
21 11 Livio LOI BEL Leopard Racing Honda 154.0 +34.338
22 4 Patrik PULKKINEN FIN Peugeot MC Saxoprint Peugeot 153.1 +48.171

PROSEGUI LA LETTURA

Moto3 Assen : Aron Canet in volata su Fenati é stato pubblicato su Motoblog.it alle 12:28 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
Lamborghini Supertrofeo Europa: live dal Paul Ricard Sun, 25 Jun 2017 08:45:48 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/153633/lamborghini-supertrofeo-europa-live-dal-paul-ricard http://www.motorsportblog.it/post/153633/lamborghini-supertrofeo-europa-live-dal-paul-ricard Lorenzo Baroni Lorenzo Baroni

Ci troviamo all'interno del paddock del Circuito Paul Ricard, ospiti di Lamborghini Automobili per assistere al terzo appuntamento del Lamborghini Supertrofeo Europa, trofeo che vede impegnata in prima persona la Casa del Toro, dove la Squadra Corse offre assistenza e supporto ai team che partecipano.

Nella giornata di ieri si è disputata Gara 1, dove hanno trionfato (per la terza volta di fila) il duo italo-venezuelano Postiglione e Cecotto. Grazie a questa vittoria, i piloti del team Imperiale Racing hanno potuto incrementare i loro vantaggio nella classe PRO su Raphael Abbate e Yuki Nemoto.

Al secondo posto si piazzano Mikaël Grenier e Loris Spinelli (partito dalla pole position) con la vettura del team Antonelli Motorsport. Rik Breukers e Axcil Jefferies (GDL Racing) hanno completato il podio. Gara molto combattuta, con Spinelli che ha mantenuto da subito la leadership controllando gli attacchi di Postiglione. Il sorpasso decisivo del pilota italiano è arrivato nel corso dell'ottavo giro, prima di lasciare il volante a Cecotto, autore a sua volta di un ottimo secondo "stint".

Doppietta della VS Racing, che ha festeggiato nella PRO-AM la prima vittoria di Christopher Dreyspring e Liang Jatong ed il quarto successo di classe di Andrej Lewandowski e Teodor Myszkowski, i quali hanno ulteriormente incrementato il loro vantaggio tra gli AM. Kikko Galbiati mantiene comunque la leadership della classifica.

L'olandese Gerard Van der Horst (Van der Horst Motorsport) ha invece replicato nella Lamborghini Cup la vittoria ottenuta durante il round di  Silverstone in Gara 1. Oggi in Gara 2 (prevista alle 13.35 e visibile in live streaming da questo link) sarà Yuki Nemoto a partire dalla pole con la vettura della VS Racing.

Vito Postiglione/Imperiale Racing (1. assoluto e PRO):

"Ho fatto un'ottima partenza, riuscendo a rimanere attaccato alla vettura di Spinelli. Nella variante prima della curva di Signes, l'unico posto dove potevo sferrare l'attacco, sono riuscito a sorpassarlo. Da lì in poi ho iniziato a guadagnare qualcosa e quando è salito al volante, Jonathan è stato bravo a mantenere il vantaggio fino all'arrivo. Questa vittoria è molto importante per noi anche nell'ottica del campionato".

Liang Jiatong/VS Racing (1. PRO-AM):

"È stata una gara molto difficile. Questa è la mia prima vittoria nel Lamborghini Super Trofeo Europa. Un risultato che mi rende anche fiducioso per il campionato, che adesso ci vede più vicini alla leadership".

Teodor Myszkowski/VS Racing (1. AM):

"Con il caldo di oggi è stato un inizio di weekend particolarmente duro. In qualifica eravamo solo quarti di classe e in gara siamo stati costretti a spingere fin dall'inizio. Una condotta premiata da questa quarta vittoria della stagione".

Gerard Van der Horst/Van der Horst Motorsport (1. Lamborghini Cup):

"Ho dato veramente il massimo. Gli ultimi dieci minuti sono stati veramente difficili, anche per il caldo. Va bene così".

Live del Paul Ricard: Emanuele Macaluso

PROSEGUI LA LETTURA

Lamborghini Supertrofeo Europa: live dal Paul Ricard é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 10:45 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
GP Azerbaijan F1 2017: qualifiche Ferrari viste da Vettel e Raikkonen Sun, 25 Jun 2017 07:09:00 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/153624/gp-azerbaijan-f1-2017-qualifiche-ferrari-viste-da-vettel-e-raikkonen http://www.motorsportblog.it/post/153624/gp-azerbaijan-f1-2017-qualifiche-ferrari-viste-da-vettel-e-raikkonen Rosario Scelsi Rosario Scelsi

Ferrari's Finnish driver Kimi Raikkonen steers his car during the qualifying session for the Formula One Azerbaijan Grand Prix at the Baku City Circuit in Baku on June 24, 2017. / AFP PHOTO / Alexander NEMENOV        (Photo credit should read ALEXANDER NEMENOV/AFP/Getty Images)

GP Azerbaijan F1 2017 - Le prove di qualificazione hanno consegnato la leadership alla Mercedes, relegando la Ferrari in seconda fila, con Kimi Raikkonen davanti a Sebastian Vettel. Non è un buon risultato, anche alla luce dei divari (pesanti) accusati sulla tabella cronometrica, ma gli uomini del "cavallino rampante" pensano che in gara le cose possano andare meglio. Ecco le parole di Raikkonen:

Il tema principale del weekend è stato quello di far funzionare bene le gomme. Nelle qualifiche abbiamo avuto qualche difficoltà in più rispetto al venerdì. Se riesci a farle lavorare al 100% su di un giro vai forte. Quando riuscivamo a farlo, la macchina andava bene, ma questa sensazione cambiava di giro in giro e da un set all’altro. Non mi sentivo sicuro a spingere nella prima curva. Era facile scivolare o commettere un piccolo errore. Ero sempre al limite della prestazione, ma all’ultimo passaggio è andata meglio. La terza posizione non è così male e la accetto con piacere. Credo che abbiamo fatto il massimo che potevamo. In gara, con più giri, le gomme dovrebbero lavorare meglio. Sono fiducioso sulla possibilità di essere più vicini ai nostri avversari.

Questo il resoconto delle qualifiche fatto da Vettel, che ostenta una certa dose di ottimismo per la corsa:

Non sono del tutto contento. Non ho scuse, avrei potuto fare di meglio in qualifica. Credo di aver preso il ritmo alla fine, ma non sono riuscito a fare tutto giusto. Non siamo stati abbastanza veloci ma domenica credo che avremo qualche buona chance. In gara la nostra macchina è forte. Vediamo come andrà. Ho iniziato la mia sessione un po’ a rilento, poi a partire dalla Q2 penso di aver avuto la macchina sotto controllo. Ma la Q3 non è andata benissimo. Sono stato costretto a fermarmi alla fine della pit-lane quando è uscita la bandiera rossa e le gomme si sono raffreddate. In corsa, comunque, potrebbe essere un’altra storia.

PROSEGUI LA LETTURA

GP Azerbaijan F1 2017: qualifiche Ferrari viste da Vettel e Raikkonen é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 09:09 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
Scott: nuova maschera Prospect 2018 Sun, 25 Jun 2017 06:30:39 +0000 http://www.motoblog.it/post/871569/scott-nuova-maschera-prospect-2018 http://www.motoblog.it/post/871569/scott-nuova-maschera-prospect-2018 Umberto Schiavella Umberto Schiavella

Scott

Svelata due giorni fa nel paddock di Ottobiano durante la tappa italiana di MXGP la nuova maschera Scott Prospect 2018.

La maschera Prospect 2018 adotta il nuovo sistema Lens Lock System con quattro sistemi di bloccaggio ideato da Scott e in grado di impedire la perdita della lente in caso di impatto, lente ancora più resistente grazie all’utilizzo di un materiale più spesso. Una lente più grande, aumentata in altezza con il nasello abbassato per garantire una maggiore visibilità.

La maschera Prospect dispone anche di due stabilizzatori articolati che si adattano a qualsiasi forma e taglia del casco e in grado di sigillare completamente e in maniera uniforme il viso del motociclista. Comfort e protezione sono garantiti da un’imbottitura a tre layer composta da due strati di spugna e uno di tessuto felpato che permettono la massima ritenzione del sudore, una vestibilità precisa e una barriera tra la maschera e il viso.

Scott

La maschera dispone anche dell’innovativo sistema roll-off WFS50 più largo e perfezionato per l’immediata pulizia della lente. Rivista anche la griglia antistick con paraspruzzi integrato grazie ad una pellicola più larga con un sottile linea verticale posizionata nel mezzo della griglia per assicurare che la pellicola non aderisca troppo alla lente. Il paraspruzzi è stato realizzato in un materiale trasparente per offrire un campo visivo maggiore, anche in condizioni estreme.

La Prospect è dotata di uno strap da 50 mm con al suo interno due linee di silicone per offrire la migliore stabilità sul casco indipendentemente dalle condizioni d’uso. Il nasello può essere rimosso e rimontato in maniera facile e veloce con tre perni che ne garantiscono l’ancoraggio alla montatura.

PROSEGUI LA LETTURA

Scott: nuova maschera Prospect 2018 é stato pubblicato su Motoblog.it alle 08:30 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
GP Azerbaijan F1 2017: foto delle qualifiche di Baku Sat, 24 Jun 2017 16:00:16 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/153572/gp-azerbaijan-f1-2017-foto-delle-qualifiche-di-baku http://www.motorsportblog.it/post/153572/gp-azerbaijan-f1-2017-foto-delle-qualifiche-di-baku Rosario Scelsi Rosario Scelsi

GP Azerbaijan F1 2017 – La "stella" brilla sul circuito urbano di Baku. Doppietta Mercedes nelle prove di qualificazione della sfida del Caucaso, con Lewis Hamilton davanti a tutti. L'asso di Stevenage porta a quota sessantasei il deposito personale di pole position: un risultato che lo colloca a ridosso del recordman Michael Schumacher.

Dietro di lui, nel confronto odierno, è giunto il compagno di squadra Valtteri Bottas. Poi le due Ferrari, con Kimi Raikkonen davanti a Sebastian Vettel. Per la cronaca del match per definire la griglia di partenza si rimanda al precedente post. Qui lo spazio è tutto per le foto, scelte fra le più belle della giornata. Buona visione!

PROSEGUI LA LETTURA

GP Azerbaijan F1 2017: foto delle qualifiche di Baku é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 18:00 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
MotoGP: Franco Morbidelli in Marc VDS nel 2018 Sat, 24 Jun 2017 15:24:11 +0000 http://www.motoblog.it/post/871609/motogp-franco-morbidelli-in-marc-vds-con-miller-nel-2018 http://www.motoblog.it/post/871609/motogp-franco-morbidelli-in-marc-vds-con-miller-nel-2018 Flavio Atzori Flavio Atzori

2017-franco-morbidelli-moto2.jpg
Motomondiale 2017 - La conferma ufficiale è alfine giunta: Franco Morbidelli il prossimo anno correrà nella classe regina. E' stato lo stesso Michel Bartholemy, team principal del team Marc VDS a parlarne all'emittente spagnola Movistar che l'italiano correrà in MotoGP con la stessa struttura che gli ha portato le prime vittorie ed ora la leadership in campionato.

Per il romano dunque, una promozione attesa e voluta con la stessa struttura, nonostante qualche tentativo di Lucio Cecchinello, grande estimatore di Morbidelli.

Per Franco Morbidelli dunque una promozione in una stagione iniziata nel migliore dei modi con quattro vittorie nelle prime cinque gare. A questo punto dunque, Alex Marquez dovrebbe rimanere anche il prossimo anno in Moto2, affiancando Joan Mir.

Chi sarà però il compagno di squadra del "Morbido"? Probabile Jack Miller, considerando anche che la pista di un sondaggio Pramac non convinceva del tutto. A questo punto, la vittima designata dovrebbe essere Tito Rabat, mai del tutto a suo agio nella classe regina del motomondiale.
morbidelli.jpg

PROSEGUI LA LETTURA

MotoGP: Franco Morbidelli in Marc VDS nel 2018 é stato pubblicato su Motoblog.it alle 17:24 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
MotoGP qualifiche, la “prima” di Zarco su Marquez, Petrucci, Rossi. Male le Ducati di Dovizioso e Lorenzo Sat, 24 Jun 2017 13:56:43 +0000 http://www.motoblog.it/post/871641/motogp-qualifiche-la-prima-di-zarco-su-marquez-petrucci-rossi-male-le-ducati-di-dovizioso-e-lorenzo http://www.motoblog.it/post/871641/motogp-qualifiche-la-prima-di-zarco-su-marquez-petrucci-rossi-male-le-ducati-di-dovizioso-e-lorenzo Massimo Falcioni Massimo Falcioni


Da sempre piste tecniche e da pelo come Assen “sparigliano”, cioè fanno saltare ogni previsione perché le condizioni meteo premiano e puniscono senza guardare in faccia nessuno.

Succede in gara e succede anche in qualifica, come oggi in MotoGP, dove davanti a tutti si pone per la prima volta con prepotenza Johann Zarco (1’46.141), non uno sconosciuto, già brillante iridato Moto2, ma non certo un asso consacrato della classe regina.

Dopo aver fatto sua la FP4, con una sberla finale da sembrare una carezza per come il 27enne rookie francese ha guidato sul velluto la Yamaha no factory, Zarco non solo si pone sotto i riflettori nella prima casella della prima fila ma, se anche domani i nuvoloni continuano a rincorrersi gonfi e a sputar pioggia tenendo la temperatura ben sotto i 19 gradi (20 gradi quella dell’asfalto), può giocarsi in una corsa-lotteria addirittura il podio e financo la vittoria.

Fra i big, oggi si salvano solamente Marquez, gran solido secondo tempo a un niente dalla pole del francese (+0.065) e Rossi, tostissimo quarto tempo a mezzo secondo (+0.564), a ridosso di Danilo Petrucci, sempre laborioso quanto umile, terza sonante casella (+0.385), salvatore delle Rosse, in forte difficoltà in queste condizioni sia con Dovizioso (poleman nel 2016, reduce da una stratosferica ma forse anche troppo illusoria doppietta negli ultimi due round, e oggi dopo una caduta nono tempo sotto il macigno di un gap di quasi due secondi: +1.938), sia soprattutto con Lorenzo, fuori misura, sprofondato nell’abisso del 21° tempo (1’48.219).

Non meglio Vinales undicesima casella ((+2.125), sorprendentemente deludente, seguito da Pedrosa, 12° tempo (+3.482), cui sono noti i limiti in queste condizioni: per entrambi una debacle, più o meno, superati in questa “corsa del gambero” da Iannone, 16° tempo (1’47.649) e dal già citato Lorenzo.

Ci ripetiamo: i tempi sono quelli ufficiali stabiliti dal cronometro ma non hanno lo stesso valore per tutti, perché non tutti i piloti hanno lo stesso palmares, le stesse moto, le stesse aspettative, lo stesso ingaggio …

Tanto di cappello, quindi, a due outsider come Zarco e Petrucci che fanno di tutto per inserirsi al vertice approfittando di ogni situazione “particolare”. E un “bravo!” sia a Marquez che a Rossi, ventre a terra nella ricerca del miglior equilibrio e girare più veloci possibile, perché poi domani, non si sa mai, e se il meteo concede il bis di oggi loro quanto meno su quei tempi già ci sono, e non è poco.

Come è evidente (ma non per tutti) il bello delle corse è che la ruota gira e basta poco per passare dagli altari (del Mugello e della Catalogna) alla polvere (o al fango di Assen se più aggrada).

Ogni riferimento alla Ducati (di Dovizioso e di Lorenzo) è puramente casuale ma i fatti sono questi, almeno oggi in qualifica. Il potenziale della squadra di Borgo Panigale non è secondo a quello di nessun’altra grande Casa della MotoGP ma questo potenziale spesso s’inceppa a dimostrazione che c’è qualcosa che non gira come dovrebbe.

Per fortuna la gara è domani e tutto può ancora accadere. Illudersi non è vietato. Ma, si sa, con le illusioni non si vincono i mondiali. Vedremo.

PROSEGUI LA LETTURA

MotoGP qualifiche, la “prima” di Zarco su Marquez, Petrucci, Rossi. Male le Ducati di Dovizioso e Lorenzo é stato pubblicato su Motoblog.it alle 15:56 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
MotoGP Assen 2017 LIVE| Johann Zarco conquista la Pole position Sat, 24 Jun 2017 13:00:58 +0000 http://www.motoblog.it/post/871540/motogp-assen-2017-live-diretta-libere-e-qualifiche http://www.motoblog.it/post/871540/motogp-assen-2017-live-diretta-libere-e-qualifiche Flavio Atzori Flavio Atzori