it_IT Motori Blogosfere.it - Ultime notizie della sezione Motori Mon, 23 Oct 2017 20:27:47 +0000 Mon, 23 Oct 2017 20:27:47 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogosfere.it/motori 2004-2014 Blogo.it Suzuki Rally Cup 2017: Simone Rivia vince a Como ed è il campione Mon, 23 Oct 2017 17:35:45 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/155789/suzuki-rally-cup-2017-simone-rivia-vince-a-como-ed-e-il-campione http://www.motorsportblog.it/post/155789/suzuki-rally-cup-2017-simone-rivia-vince-a-como-ed-e-il-campione Rosario Scelsi Rosario Scelsi

La Suzuki Rally Cup 2017, al Rally Trofeo ACI Como, ha laureato il suo campione: Simone Rivia. Il pilota parmense, sulla Swift Sport 1600 R1B del team "Movisport", si è imposto con uno strike vincente andato a segno nella sfida lombarda, settimo ed ultimo appuntamento del calendario agonistico.

Nel capoluogo lariano, Rivia ha ottenuto la sua terza affermazione stagionale, che gli ha permesso di alzare il trofeo della specialità.

Queste le sue parole sulla linea del traguardo: "Ce l'abbiamo fatta! Abbiamo scacciato iella e paure, tutto è filato liscio ed abbiamo vinto, combattendo fino alla fine con Giorgio Cogni; questa volta la sfortuna è toccata a lui, ma è stato un avversario fortissimo".

Cogni "junior", nonostante i tre punti di vantaggio in classifica assoluta prima della gara di Como, non ha potuto giocare il "match ball" come avrebbe voluto e saputo fare. Ecco il suo commento di fine corsa: "Come passo di gara è andata bene e sono contento, purtroppo siamo stati parecchio sfortunati con problemi all'idroguida sull'ultima prova di venerdì".

Sistemata la défaillance da parte dei tecnici, Cogni ha dimostrato di avere il ritmo giusto per rimontare l'esiguo ritardo di pochi secondi dalla testa del plotone, cosa che ha fatto prontamente, ma a giocare un'importanza capitale è stata, forse, la poca esperienza che non gli ha permesso di affrontare al meglio alcune situazioni: "Due volte su tre abbiamo dovuto fare manovra sull'inversione della prova di Alpe Grande e nella Power Stage abbiamo dovuto far passare Spataro".

Per lui un terzo posto finale nella tappa lariana del monomarca, a quattro secondi e un decimo da Corrado Peloso. L'aostano de "La Superba" ha confermato la sua stoffa, che gli ha permesso di chiudere in uguale posizione nella classifica di fine anno del trofeo Suzuki. Dietro di lui, a Como, è giunto Roberto Pellè, che occupa la quarta piazza anche nella graduatoria assoluta 2017.

Classifica Suzuki Rally Cup Rally Trofeo ACI Como

1. Rivia - Maini (Vimotorsport) in 1h34'05.5
2. Peloso - Iguera (La Superba) a 7.70
3. Cogni - Zanni (Meteco Corse) a 13.20
4. Pellè - Luraschi (Destra 4) a 23.80
5. Pollarolo - Pozzoni (Easy Races) a 4'35.40

I vincitori nelle gare Suzuki Rally Cup 2017

Simone Rivia Rally Isola d'Elba
Simone Rivia Rally 1000 Miglia
Giorgio Cogni Rally della Marca
Giorgio Cogni Rally del Friuli
Simone Rivia Rally Trofeo ACI Como

Classifiche finali Suzuki Rally Cup 2017

Conduttori:

1. RIVIA Simone punti 75
2. COGNI Giorgio 72
3. PELOSO Corrado 63
4. PELLE' Roberto 51
5. CENEDESE Massimo 27
6. POLLAROLO Andrea 26
7. PAROLARO Nicolas 22
8. VALDEZ VARGAS John 4

Navigatori:

1. IGUERA Massimo punti 63
2. LURASCHI Giulia 51
3. TUMAINI Andrea 43
4. SIMIONI Roberto 27
5. MARCHIONI Gianluca 22
6. BERTONASCO Marina 20
7. FAETTINI Nicolò 8

Under 25:

1. COGNI Giorgio punti 72
2. CENEDESE Massimo 27
3. PAROLARO Nicolas 22
4. VALDEZ VARGAS John 4

Albo d'Oro Suzuki Rally Cup

2008 Roberto Sordi
2009 Andrea Crugnola
2010 Milko Pini
2011 Claudio Gubertini
2012 Damiano Defilippi
2013 Paolo Amorisco
2014 Alessandro Uliana
2015 Marco Capello
2016 Corrado Peloso
2017 Simone Rivia, Under 25: Giorgio Cogni

PROSEGUI LA LETTURA

Suzuki Rally Cup 2017: Simone Rivia vince a Como ed è il campione é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 19:35 di Monday 23 October 2017

]]>
0
Nuova Skoda Fabia Twin Color con telecamera posteriore e Easy light Assist Mon, 23 Oct 2017 15:55:21 +0000 http://www.autoblog.it/post/894665/nuova-skoda-fabia-twin-color-con-telecamera-posteriore-e-easy-light-assist http://www.autoblog.it/post/894665/nuova-skoda-fabia-twin-color-con-telecamera-posteriore-e-easy-light-assist Peppe Croce Peppe Croce


Nuova Skoda Fabia Twin Color con telecamera posteriore e Easy light Assist
La Skoda Fabia Twin Color, lanciata sul mercato italiano ad aprile dell'anno scorso, è da sempre un'auto ricca di contenuti e con un rapporto prezzo-dotazioni assai interessante. Oggi lo è ancora di più grazie all'aggiunta di ulteriori optional che non modificano, però, il prezzo di listino.

Le due novità principali di questa Skoda sono la telecamera posteriore e il sistema Easy Light Assist. Quest'ultimo accende automaticamente le luci anabbaglianti quando un sensore avverte che la luce ambientale è insufficiente. Con le funzioni Coming Home e Leaving Home dell'Easy Light Assist i fari restano accesi per qualche secondo dopo che siamo scesi dall'auto, per raggiungere agevolmente la porta di casa, e si accendono non appena azioniamo il telecomando, per permetterci di raggiungere l'auto senza camminare al buio.

Oltre a queste due novità, rimangono confermate le precedenti dotazioni della Fabia Twin Color: radio Bolero con connessione Bluetooth, presa USB e lettore SD, impianto stereo surround e sistema SmartLink+ compatibile con AppleCarPlay, Android Auto e MirroLink.
Nuova Skoda Fabia Twin Color con telecamera posteriore e Easy light Assist
Grazie alla connettività di bordo della Fabia Twin Color abbiamo la possibilità di utilizzare sullo schermo touch da 6,5 pollici dell'auto le principali app del nostro smartphone personale, ascoltare la musica in streaming, utilizzare i sistemi di navigazione e utilizzare il sistema di lettura automatica dei messaggi ricevuti sullo smartphone. Alcune di queste funzioni sono anche attivabili con i comandi vocali.

Confermate anche le dotazioni di sicurezza attiva e passiva: 6 airbag, controllo elettronico di stabilità ESC, sistema di frenata automatica Front Assist, sistema anti-collisione multipla, sistema automatico di asciugatura freni e sensore della pressione dei pneumatici.

Come già accennato, anche con le nuove dotazioni non cambia il prezzo della nuova Skoda Fabia Twin Color: 10.900 euro (con il contributo dei concessionari), per la versione 1.0 MPI da 60 cavalli.

PROSEGUI LA LETTURA

Nuova Skoda Fabia Twin Color con telecamera posteriore e Easy light Assist é stato pubblicato su Autoblog.it alle 17:55 di Monday 23 October 2017

]]>
0
La rivalità tra Ford e Ferrari rinasce in una serie tv Mon, 23 Oct 2017 14:30:21 +0000 http://www.autoblog.it/post/894651/la-rivalita-tra-ford-e-ferrari-rinasce-in-una-serie-tv http://www.autoblog.it/post/894651/la-rivalita-tra-ford-e-ferrari-rinasce-in-una-serie-tv Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

Ford Ferrari

Tra gli eventi storici del mondo auto negli anni ’60, c’è stata sicuramente la grande rivalità tra Ford e Ferrari. Le due case si diedero battaglia dentro e fuori le piste, in particolare della 24 Ore di Le Mans, e questo duello segnò un’epoca del motorsport. Ora, secondo quanto riportato dal Malay Mail OnLine, questo duello verrà riproposto sugli schermi televisivi, con una serie tv.

Le notizie sono ancora frammentarie, ma si tratterebbe di un ‘drama’ di 10 puntate dal titolo “Driven”, con la produzione di Peter Dinklage e Channing Tatum. Il primo è salito alla ribalta nella celebre serie Il Trono di Spade, come Tyrion Lannister, mentre sono ancora da annunciare sia il cast che le date di trasmissione, di una serie tv realizzata in collaborazione tra la BBC e la Sony.

La rivalità tra Henry Ford II ed Enzo Ferrari scoppiò nel 1963, quando il presidente della casa americana decise di acquistare il marchio italiano per farne il ‘reparto corse’ della Ford. L’accordo fu praticamente raggiunto, quando Ferrari interruppe le trattative, pare per la mancanza di indipendenza nella condotta dell’attività sportiva. Dopo la rottura, iniziò un lungo duello tra i due, senza esclusione di colpi soprattutto fuori dalle piste, che durò per i successivi quattro anni.

PROSEGUI LA LETTURA

La rivalità tra Ford e Ferrari rinasce in una serie tv é stato pubblicato su Autoblog.it alle 16:30 di Monday 23 October 2017

]]>
0
TCS 2017: Brena e Liana vincono a Monza, Zucchi è campione Mon, 23 Oct 2017 13:34:45 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/155786/tcs-2017-brena-e-liana-vincono-a-monza-zucchi-e-campione http://www.motorsportblog.it/post/155786/tcs-2017-brena-e-liana-vincono-a-monza-zucchi-e-campione Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

Il tracciato di Monza ha chiuso anche la stagione del campionato TCS ed ha incoronato Matteo Zucchi. Il pilota bresciano conquista il quinto posto decisivo in gara 1 e si laurea campione italiano di questa categoria, rendendo così ininfluente il risultato della seconda prova. Si è dovuto accontentare del titolo di vicecampione Giovanni Altoè, le cui ultime chance sono svanite con il maggior handicap tempo scontato rispetto al capoclassifica che così lo ha preceduto sul traguardo.

La vittoria parziale è andata ad Alessandra Brena, capace di conquistare la seconda vittoria stagionale, al volante della Seat Leon Cupra ST. La bergamasca conquista la prima posizione in partenza e non la molla più fino alla bandiera a scacchi, mentre sono protagonisti della prima gara monzese anche Sandro Pelatti e Paolo Palanti, che conquistano i due restanti posti sul podio.

In gara 2, invece, vede sempre partire in testa la pilota bergamasca, ma la lotta per il vertice è subito molto serrata, con l’attacco vincente di Nicolò Liana al quarto giro, per portarsi al comando della prova. La bagarre prosegue nei giri successivi, fino alla sosta obbligatoria, dove i rivali del pilota veneto Brena ed Altoé sono costretti ai secondi di penalità, lasciando così via libera a Liana. Dietro, la battaglia premia il neo campione Zucchi e Guido Sciaguato, per i due posti sul podio.

TCS 2017: classifica finale

1) Zucchi Matteo, 147; 2) Altoè Giovanni, 111; 3) Brena Alessandra, 101; 4) Pelatti Sandro, 93; 5) Liana Nicolò, 84.

PROSEGUI LA LETTURA

TCS 2017: Brena e Liana vincono a Monza, Zucchi è campione é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 15:34 di Monday 23 October 2017

]]>
0
EnduroGP, Steve Holcombe e Beta Campioni del Mondo 2017 Mon, 23 Oct 2017 12:39:14 +0000 http://www.motoblog.it/post/890074/endurogp-steve-holcombe-e-beta-campioni-del-mondo-2017 http://www.motoblog.it/post/890074/endurogp-steve-holcombe-e-beta-campioni-del-mondo-2017 Gianluca Gianluca

Si è svolto ieri a Zschopau, cittadina tedesca a pochi chilometri da Lipsia, l'ultimo round del Campionato Mondiale Enduro 2017 che ha regalato alla Casa toscana tre titoli iridati. Grazie ad una splendida doppietta Steve Holcombe si è laureato Campione del Mondo Piloti EnduroGP e Beta ha ri-conquistato il Titolo di Campioni del Mondo Costruttori EnduroGP bissando il successo della passata stagione.

“Sono felicissimo del Titolo conquistato. - ha detto Steve Holcombe - Questa è stata una stagione incredibile ed entusiasmante ed il Mondiale conquistato con questa doppietta ha un sapore migliore”.

beta-endurogp-germania-2017-02.jpg

I due Titoli arrivano al culmine di una stagione spettacolare per l'inglese del Team Beta Factory: 11 podi – di cui 6 vittorie – su 16 gare. La prova di forza messa in campo già dal primo giorno di gara, con ben cinque migliori tempi nelle nove prove speciali disputate, gli ha permesso di conquistare anche il premio dedicato a Mika Ahola “Brave One”.

Nella seconda giornata, oltre alla matematica certezza della conquista del Titolo Costruttori EnduroGP, è arrivata per Beta anche la terza consacrazione grazie alla conquista del Titolo di Campione del Mondo Junior da parte di Brad Freeman. Il pilota del Team Beta Boano Racing ha infatti completato la sua rimonta su Davide Soreca grazie alla doppietta in terra tedesca ed alle 10 vittorie sulle 14 gare disputate. La stagione si è conclusa quindi come una delle più vittoriose per la grande famiglia Beta.

PROSEGUI LA LETTURA

EnduroGP, Steve Holcombe e Beta Campioni del Mondo 2017 é stato pubblicato su Motoblog.it alle 14:39 di Monday 23 October 2017

]]>
0
Auto elettriche, la Cina si prepara al record di vendite Mon, 23 Oct 2017 12:15:30 +0000 http://www.autoblog.it/post/894644/auto-elettriche-la-cina-si-prepara-al-record-di-vendite http://www.autoblog.it/post/894644/auto-elettriche-la-cina-si-prepara-al-record-di-vendite Peppe Croce Peppe Croce


Auto elettriche, la Cina si prepara al record di vendite
La Cina si conferma primo produttore e primo mercato mondiale per le auto elettriche. E rilancia, andando verso il record a fine 2017 sia per quanto riguarda la produzione, che per quanto riguarda le consegne.

I dati li ha forniti l'Associazione Cinese dei Produttori di Automobili e sono impressionanti, soprattutto guardando alla crescita dei numeri 2017 su quelli 2016. Nel solo mese di settembre in Cina sono stati prodotti 64 mila veicoli elettrici a batteria e ne sono stati venduti altrettanti. L'incremento anno su anno è del 85,2% e del 83,4%, rispettivamente.

Anche per quanto riguarda le ibride plug-in la Cina registra una crescita rispetto al 2016: quest'anno ne ha prodotte 13 mila e vendute 14 mila, rispettivamente +57,6% e +61,9%. In totale, tra ibride plug-in e auto elettriche, la Cina ha prodotto 77 mila auto e ne ha vendute 78 mila (+79,9% e +79,1%).

Nei primi nove mesi 2017, di conseguenza, produzione e vendite di queste due categorie di veicoli hanno toccato le 424 unità e le 398 unità. Per la precisione, la gran parte di questi numeri annuali si riferiscono alle full electric a batteria: 348 mila prodotte, 325 mila vendute. Le plug-in ibride si "fermano" a 76 mila e 73 mila.

La Cina, insomma, si avvia a superare il record di auto elettriche prodotte e vendute: l'anno scorso ha venduto "appena" 500.000 auto elettriche. Secondo l'associazione dei produttori si arriverà a 700 mila auto elettriche vendute, secondo il Governo addirittura a 800 mila, nonostante abbia ridotto del 20% gli incentivi alla vendita a inizio anno.

Sulla scia di questi numeri non stupisce la decisione di Chang'an Motors, una delle 5 sorelle dell'automobilismo cinese, di produrre solo auto elettriche dal 2025. Secondo quanto riporta Reuters, l'azienda cinese (che già produce auto elettriche, come la Benni EV in foto) ha in mente un piano di investimenti verdi da 100 miliardi di yuan (circa 15 miliardi di dollari).

PROSEGUI LA LETTURA

Auto elettriche, la Cina si prepara al record di vendite é stato pubblicato su Autoblog.it alle 14:15 di Monday 23 October 2017

]]>
0
Sconti Nissan: la Pulsar a 15.800 euro Mon, 23 Oct 2017 11:30:47 +0000 http://www.autoblog.it/post/894638/sconti-nissan-la-pulsar-a-15-800-euro http://www.autoblog.it/post/894638/sconti-nissan-la-pulsar-a-15-800-euro Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

PROSEGUI LA LETTURA

Sconti Nissan: la Pulsar a 15.800 euro é stato pubblicato su Autoblog.it alle 13:30 di Monday 23 October 2017

]]> 0 Michael Ruben Rinaldi Campione Europeo Superstock 1000 2017 Mon, 23 Oct 2017 11:07:35 +0000 http://www.motoblog.it/post/889838/superstock-1000-michael-ruben-rinaldi-campione-2017 http://www.motoblog.it/post/889838/superstock-1000-michael-ruben-rinaldi-campione-2017 Adriano Bestetti Adriano Bestetti

L’ultima gara stagionale della FIM Cup Superstock 1000 2017 a Jerez de La Frontera ha registrato il successo del tedesco Markus Reiterberger, scattato dalla pole position con la sua BMW e vincitore davanti all'ucraino Illia Mykhalchyk e al turco Toprak Razgatlioglu, ma il vero trionfatore di giornata è stato il 21enne italiano Michael Ruben Rinaldi, alfiere del Junior Team Aruba.it Racing - Junior Team, che con il 6° posto di oggi si è assicurato il titolo alla sua seconda stagione in questa categoria.

La gara di Jerez è iniziata con un colpo di scena: un'incidente metteva subito fuori gioco il contendente al titolo Florian Marino, che poi tornava in pasta per chiudere con un ormai inutile 20° posto. La lotta per il titolo si è così subito concentrata su Rinaldi e Razgatlioglu, appaiati per diversi giri dietro al gruppo di testa.

michael-ruben-rinaldi.jpg

Quando la situazione sembrava ormai sotto controllo per Rinaldi, l'italiano veniva sfiorato da Jeremy Guarnoni a 5 giri dalla fine, con il transalpino poi penalizzato per l’incidente. Rinaldi però riusciva a riprendersi per portare a casa un sesto posto che gli ha permesso di festeggiare il titolo STK1000, nonostante il 3° posto di Razgatlioglu.

Il riminese ha così vinto il prestigioso titolo della Superstock 1000 con 8 punti di vantaggio ed è il decimo italiano a riuscirci. In questa stagione ha centrato 3 vittorie e altri 4 podi oltre a 4 pole positions e 5 giri veloci in gara.


Ecco il commento di del pilota #12 (Aruba.it Racing - Junior Team):

“Sono felicissimo per questo titolo. Nelle ultime gare abbiamo faticato a trovare il giusto feeling, ma ieri abbiamo ritrovato la strada. Siamo partiti dalla quinta fila ma sono riuscito a portarmi nel primo gruppo abbastanza in fretta. Un contatto con un altro pilota ha danneggiato il freno anteriore ed ho perso un po’ di terreno, ma siamo riusciti comunque a centrare il nostro obiettivo. Ringrazio tutta la squadra, che ha lavorato duramente dietro le quinte per mettermi nelle condizioni di vincere, e le persone che mi vogliono bene. È stata una battaglia durissima, ed emergere vincitori rappresenta una soddisfazione enorme. Il mio obiettivo è correre in Superbike nel 2018 e questa vittoria è un tassello importante per il mio futuro. Ora però voglio godermi questo momento”.

Superstock 1000 Jerez 2017 - Classifica Finale

toprak-razgatlioglu.jpg

1 M. REITERBERGER | GER | BMW S 1000 RR 15 Laps
2 I. MYKHALCHYK | UKR | Kawasaki ZX-10RR +5.078
3 T. RAZGATLIOGLU | TUR | Kawasaki ZX-10RR +6.251
4 M. JONES | AUS | Ducati Panigale R +6.699
5 R. TAMBURINI | ITA | Yamaha YZF R1 +7.710
6 M. RINALDI | ITA | Ducati Panigale R +9.204
7 F. SANDI | ITA | BMW S 1000 RR +11.713
8 M. FACCANI | ITA | BMW S 1000 RR +15.149
9 A. MANTOVANI | ITA | Aprilia RSV4 RF +16.767
10 M. SCHEIB | CHI | Aprilia RSV4 RF +17.053
11 L. VITALI | ITA | Aprilia RSV4 RF +17.057
12 F. D'ANNUNZIO | ITA | BMW S 1000 RR +17.225
13 M. FRITZ | GER | Yamaha YZF R1 +17.494
14 S. SUCHET | SUI | BMW S 1000 RR +21.080
15 J. PUFFE | GER | BMW S 1000 RR +22.147
16 G. RUIU | ITA | Yamaha YZF R1 +29.048
17 W. TESSELS | NED | Kawasaki ZX-10RR+30.007
18 X. PINSACH | ESP | Kawasaki ZX-10RR +32.269
19 J. GUARNONI | FRA | Kawasaki ZX-10RR +36.084
20 F. MARINO | FRA | PATA Yamaha YZF R1 +39.410
21 A. SCHACHT | DEN | Ducati Panigale R +40.540
22 E. KUPARINEN | FIN | Kawasaki ZX-10RR +41.892
23 E. PUSCEDDU | ITA | BMW S 1000 RR +42.796
24 A. MEDINA MAYO | ESP | Yamaha YZF R1 +45.300
25 M. MOSER | GER | Kawasaki ZX-10RR +45.555
26 V. KRUGER | CHI | BMW S 1000 RR +51.136
27 A. BERNARDI | ITA | Yamaha YZF R1 +51.307
28 E. VIONNET | SUI | BMW S 1000 RR +54.460
29 M. CUDEVILLE | FRA | Kawasaki ZX-10RR +1'02.874
30 A. TERZIANI | ITA | Yamaha YZF R1 +1'08.088
31 L. DE ULACIA | ESP | Kawasaki ZX-10RR +1'08.224

Non Classificati:
T. FINSTERBUSCH | GER | Kawasaki ZX-10RR 10 5 Laps
F. ALT | GER | Yamaha YZF R1 4 11 Laps

Superstock 1000 5017 - Mondiale Piloti

florian-marino.jpg

1 MICHAEL RUBEN RINALDI 138
2 TOPRAK RAZGATLIOGLU 130
3 FLORIAN MARINO 120
4 ROBERTO TAMBURINI 106
5 MIKE JONES 85
6 JEREMY GUARNONI 84
7 MAXIMILIAN SCHEIB 70
8 MARCO FACCANI 69
9 ILLIA MYKHALCHYK 66
10 FEDERICO SANDI 65
11 LUCA VITALI 65
12 SEBASTIEN SUCHET 57
13 MARKUS REITERBERGER 25
14 JULIAN PUFFE 24
15 MARVIN FRITZ 24
16 ALEX SCHACHT 20
17 MATTEO FERRARI 14
18 DANNY DE BOER 13
19 FEDERICO D'ANNUNZIO 11
20 TONI FINSTERBUSCH 9
21 EMANUELE PUSCEDDU 9
22 LUCA MARCONI 8
23 ANDREA MANTOVANI 7
24 KEVIN CALIA 7
25 FEDERICO SANCHIONI 6
26 WAYNE TESSELS 6
27 RICCARDO CECCHINI 6
28 ERIC VIONNET 5
29 KEVIN MANFREDI 3
30 XAVIER PINSACH 2
31 FABIO MARCHIONNI 2
32 GLENN SCOTT 2
33 MARC MOSER 1
34 ANDREA TUCCI 1

michael-ruben-rinaldi-2.jpg

PROSEGUI LA LETTURA

Michael Ruben Rinaldi Campione Europeo Superstock 1000 2017 é stato pubblicato su Motoblog.it alle 13:07 di Monday 23 October 2017

]]>
0
F1, Verstappen: "commissari idioti". La Fia resta a guardare? Mon, 23 Oct 2017 10:45:20 +0000 http://www.autoblog.it/post/893963/formula-1-verstappen-commissari-idioti http://www.autoblog.it/post/893963/formula-1-verstappen-commissari-idioti Flavio Atzori Flavio Atzori

AUSTIN, TX - OCTOBER 22: Max Verstappen of Netherlands and Red Bull Racing on the grid before the United States Formula One Grand Prix at Circuit of The Americas on October 22, 2017 in Austin, Texas.  (Photo by Mark Thompson/Getty Images)

Formula 1 2017 - Che bella la gara di Max Verstappen ad Austin. Una di quelle prestazioni che qualsiasi appassionato di quattro ruote non può che apprezzare, tifare, assaporare. Il talento olandese, partito sedicesimo in griglia per la sostituzione del propulsore (con l'ultima specifica Renault, quella che sarà base per il 2018) è stato autore di una grande rimonta. Una furia. Sprazzi di talento cristallino, abbinati a quella giusta dose di aggressività, ed una guida da primo della classe. Il tutto a vent'anni, quando ancora tanti si trovano in categorie propedeutiche, quando gente come Vettel o Hamilton la vittoria la vedevano si, ma nella loro mente, tra i loro sogni.

Sesto dopo dieci giri, poi un ritmo infuocato. Gli ultimi giri? Una lezione di guida a Bottas ed alla Mercedes, mica roba da ridere. Ha forzato la staccata, si sono affiancati, ha atteso il rientro di Bottas da oltre la linea ma non ha fatto prigionieri. Mancava la ciliegina sulla torta, il podio. Ha tirato come un forsennato, poi all'ultimo giro l'occasione contro Raikkonen. Si è infilato alla 17 come nessuno era riuscito a fare. Ci aveva provato Vettel qualche giro prima contro Bottas, ma aveva dovuto alzare il piede. Aveva tentato Sainz su Ocon, rimanendo comunque all'interno dei confini del "cordolo".

Già, il cordolo, quell'elemento seghettato che delimita i circuiti. Charlie Withing era stato chiaro: l'importante è non oltrepassare con tutte le ruote il cordolo in qualsiasi manovra. Certo, andare lunghi perchè magari spinti fuori e rientrare non può esser presa in considerazione come eventualità.

during the United States Formula One Grand Prix at Circuit of The Americas on October 22, 2017 in Austin, Texas.

Inoltre, come ricorda bene Roberto Chinchero, c'è un regolamento che parla molto chiaro dal punto di vista sportivo. Articolo 27.3 "I piloti devono compiere ogni ragionevole sforzo per restare in pista. Non possono deliberatamente lasciarla senza un giustificato motivo".

Dove eravamo rimasti? Ah già, ultimo giro. Ecco, Max Verstappen ha le stimmati del fenomeno, e chi ha questo dono di Dio, spesse volte, per il suo talento, il coraggio, l'ascendente riesce in imprese che ad altri risultano impossibili. Max entra alla curva 17 e supera Raikkonen. A tre curve dalla fine, dopo una rimonta iniziata dalla 16esima casella. Una manovra da annali del motorsport, meravigliosa per il palato degli appassionati. Già, ma irregolare.

verstappen-on-board-austin.jpg

Inutile stare troppo a sindacare, confabulare, inutile indignarsi o sollevare in aria pugni. Max è passato con quattro ruote oltre i limiti del cordolo/riga bianca traendo vantaggio. Non è andato lungo, non ha tenuto anche mezza ruota sul cordolo come fatto da Vettel in quel bellissimo sorpasso alla prima curva.

Manovra stupenda lo ripetiamo, ma la penalità e la retrocessione è giusta a termini di regolamento. Un peccato per lo spettacolo certo, ma "così è se vi pare".

Certo, capiamo la furia di Max. Il ragazzo si è sfogato quando è stato fatto scendere dal retropalco per lasciare il posto a Raikkonen. Ha vent'anni, l'adrenalina ancora pompa forte. Eppure, servirebbe che qualcuno lo tenesse a freno nelle dichiarazioni ufficiali. Perchè il giovane fenomeno è stato graziato qualche volta (di troppo) in passato per sue manovre oltre il limite, e la constatazione di essere nell'olimpo dei fenomeni delle quattro ruote non lo autorizza a poter fare come vuole in barba ai regolamenti.

Ecco, al riguardo, risulta quantomeno "curiosa" la facilità con cui Max si prenda delle libertà che ad altri non vengono concesse.

verstappen-on-board-austin-2.jpg

"fra i commissari c'è un idiota che ce l'ha con me" ha riferito l'olandese. Il riferimento è semplice, ed è indirizzato a Mika Salo. L'ex pilota finlandese è nel collegio dei commissari e, guarda il caso, ha ancora diverse riserve con papà Jos. Chiaro per carità, ma qui non c'è da discutere sulla manovra. Perchè nel breifing in cui veniva spiegato che in alcune curve si poteva andare "oltre" ed in altre - come la 17 da prendere a oltre 250 orari - no, era presente anche il giovane Max.

L'alzata di scudi con accuse da parte di Horner o Lauda nei confronti dei commissari a sostegno di Verstappen suonano come un pericoloso campanello d'allarme. C'è l'arroganza di andare ad offendere chi ha semplicemenete messo in atto un regolamento accettato da tutti. La definizione arrogante di Verstappen - "idioti" - non può esser lasciata passare.

Anche perchè, Sebastian Vettel lo scorso anno è dovuto andare a scusarsi con lo stesso Charlie Withing con il capo cosparso di cenere dopo aver testualmente detto "dite a Charlie che può anche andare aff...." a margine di una lotta con - guarda un po' - proprio Max Verstappen, reo di non aver restituito la posizione dopo aver tagliato una chicane.

during final practice for the United States Formula One Grand Prix at Circuit of The Americas on October 21, 2017 in Austin, Texas.

Il tedesco subì una gogna mediatica da parte della Federazione, ligia alle regole. Ora? L'accusatore dei due pesi e delle due misure Verstappen verrà trattato con un occhio di riguardo? O sarà costretto a scusarsi? Sarebbe un bruttissimo precedente questo.

Certo è che probabilmente anche la gestione delle dichiarazioni di Verstappen andrebbe...gestita in maniera differente, perchè la mancanza di rispetto nel riferire che "Così uccidono lo sport, spero che ad Austin il prossimo anno non venga nessuno" quando invece lo sport, proprio per le sue regole, è stato rispettato fino in fondo, a scapito magari di una spettacolarizzazione data da una manovra meravigliosa, non fa onore a chi ha lavorato per anni, mesi e settimane per organizzare e tenere in piedi il gran premio di Austin, tra operai, commissari, volontari, meccanici, media e via dicendo. Difficile pensare ad una reprimenda. D'altronde, Helmut Marko e compagnia ci hanno abituato negli anni a qualche dichiarazione "fuori posto" di troppo.

Certo, è facile sghignazzare quando si è dalla ragione. Più difficile accettare di aver torto talvolta.

during the United States Formula One Grand Prix at Circuit of The Americas on October 22, 2017 in Austin, Texas.

PROSEGUI LA LETTURA

F1, Verstappen: "commissari idioti". La Fia resta a guardare? é stato pubblicato su Autoblog.it alle 12:45 di Monday 23 October 2017

]]>
0
Yamaha Challenge Enduro: le finali ad EICMA Motolive Mon, 23 Oct 2017 10:15:43 +0000 http://www.motoblog.it/post/890045/yamaha-challenge-enduro-le-finali-ad-eicma-motolive http://www.motoblog.it/post/890045/yamaha-challenge-enduro-le-finali-ad-eicma-motolive Umberto Schiavella Umberto Schiavella

WR250F EnduroGP
Giunti al termine i Challenge Yamaha riservati a tutti gli amanti del fuoristrada hanno gareggiato nelle competizioni Nazionali con i celebri colori Blu Racing. I piloti iscritti alle classi Enduro Challenge, MX Challenge e MX Junior 125 Challenge si sfideranno a novembre ad EICMA Motolive in un’attesissima finale per conquistare gli ambiti titoli 2017.

Vi sarà anche la possibilità, per tutti i piloti non professionisti, di accedere alla griglia di partenza in caso di disponibilità di posti sempre in sella ad un mezzo appartenente alla famiglia WR o YZ di Yamaha. Basta compilare una semplice domanda per prendere parte alla gara che si terrà all’interno di un circuito d’eccezione realizzato presso gli spazi esterni di Rho Fiera, appositamente modificati per creare impegnativi tracciati cross ed enduro.

Per i primi tre classificati di ogni Superfinale di EICMA 2017 è previsto un importante montepremi in denaro insieme agli accessori della linea d’abbigliamento Yamaha Blue Paddock. Inoltre i vincitori verranno premiati sul palco di MotoLive da due ospiti d’eccezione: la cinque volte Campionessa Mondiale della categoria WMX Kiara Fontanesi ed il rider Yamaha Alessandro Botturi.
 
Per partecipare alla Superfinale 2017 basta compilare la richiesta di partecipazione presso un Concessionario Ufficiale Yamaha Off-Road. I piloti non professionisti potranno prendere parte alla SuperFinale selezionata, ma non acquisiranno punti utili ai fini di classifica generale. Le iscrizioni di ogni classe verranno chiuse al raggiungimento del numero massimo di 20 piloti. Le finali avranno luogo venerdì 10 novembre con le classi MX Challenge, MXJ125, MX2, MX1 e sabato 11 novembre con le classi Enduro Challenge, Under 23, Senior, Major-Master/Expert e Major Veteran.

 

PROSEGUI LA LETTURA

Yamaha Challenge Enduro: le finali ad EICMA Motolive é stato pubblicato su Motoblog.it alle 12:15 di Monday 23 October 2017

]]>
0
Tesla-Liberty Mutual, l'assicurazione InsureMyTesla anche in USA e Canada Mon, 23 Oct 2017 10:00:23 +0000 http://www.autoblog.it/post/894566/tesla-liberty-mutual-lassicurazione-insuremytesla-anche-in-usa-e-canada http://www.autoblog.it/post/894566/tesla-liberty-mutual-lassicurazione-insuremytesla-anche-in-usa-e-canada Peppe Croce Peppe Croce


Accordo Tesla-Liberty Mutual, l'assicurazione InsureMyTesla anche in USA e Canada
InsureMyTesla è una polizza assicurativa dedicata alle auto elettriche Tesla con sistema di guida autonoma. Ad un prezzo ribassato offre una copertura premium ai clienti di venti paesi nel mondo, Italia compresa. Ma non Stati Uniti e Canada o, almeno, non fino a pochi giorni fa.

Secondo quanto riporta Electrek,  infatti, Tesla ha trovato l'accordo con il gigante assicurativo americano Liberty Mutual per portare anche in questi due paesi questa polizza assicurativa.

Il principio che sta alla base di una polizza dedicata alle Tesla è che, grazie alla guida autonoma, gli incidenti fatti a bordo di queste auto elettriche sono assai meno (fino al 40% in meno) rispetto alle auto non driverless. Le auto elettriche, inoltre, hanno assai meno problemi di manutenzione e, di conseguenza, per una compagnia assicurativa è più economico offrire la copertura anche in caso di problemi meccanici al mezzo. Ad esempio l'ormai diffusissimo carro attrezzi che ti viene a prendere se resti a piedi.

Una assicurazione che ti fa pagare meno se hai un'auto che fa meno incidenti, anche se potrebbe sembrare una cosa scontata, è una piccola rivoluzione. Sappiamo tutti benissimo quanto sia difficile avere dei vantaggi sulla polizza anche quando si ha dietro una storia di guida senza incidenti e con pochi danni al mezzo.

Il fatto che anche i grandi gruppi assicurativi stiano iniziando a erogare polizze personalizzate ai possessori di auto dotate di tecnologie in grado di ridurre gli incidenti (e quindi il rischio) è senza dubbio una buona notizia.

I dettagli di InsureMyTesla per il mercato americano sono appena stati pubblicati sul sito di Tesla USA:


  • Sostituzione dell'auto, entro il primo anno dall'acquisto, in caso di danno completo al mezzo

  • Tariffa fissa per un anno

  • Ricambi originali

  • Assistenza (facoltativa) 24 ore 24 su strada, oltre la garanzia di Tesla

  • Eventuale rimborso dei costi di noleggio in caso l'auto debba restare alcuni giorni in officina per riparazioni

  • Claim Valet Service: se il veicolo è danneggiato ma ancora guidabile, un assistente ti porta un'auto a noleggio e si incarica di guidare l'auto fino all'officina


Tesla prevede di rendere disponibile in breve tempo InsureMyTesla in tutti e 50 gli Stati americani. La polizza resterà un optional per il cliente e non sarà venduta direttamente dai dipendenti di Tesla che, al contrario, ove richiesto dal cliente non faranno altro che indirizzarlo a un agente assicurativo Liberty Mutual.

PROSEGUI LA LETTURA

Tesla-Liberty Mutual, l'assicurazione InsureMyTesla anche in USA e Canada é stato pubblicato su Autoblog.it alle 12:00 di Monday 23 October 2017

]]>
0
TCR 2017: Baldan è il campione, Ricci vola nel TCT Mon, 23 Oct 2017 09:37:57 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/155713/tcr-2017-baldan-e-il-campione-ricci-vola-nel-tct http://www.motorsportblog.it/post/155713/tcr-2017-baldan-e-il-campione-ricci-vola-nel-tct Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

Il campionato TCR 2017 ha chiuso i battenti nel weekend a Monza ed è stato il trionfo di Nicola Baldan. Il pilota veneto è stato incoronato campione italiano della categoria, grazie al secondo posto in Gara 1, per poi completare la festa per il titolo, conquistando anche il successo nella seconda prova, l’ultima di questa stagione. Per Eric Scalvini, il suo avversario lungo tutta la stagione, le ultime chance di lotta per vincere il campionato si fermano con il quinto posto di gara 1.

La prima prova era stata vinta da Giacomo Altoé, dominando dall’inizio alla fine e sfruttando al meglio la pole position conquistata nelle qualifiche. Secondo in pista alle spalle del giovanissimo vincitore, ma terzo sulla base delle penalizzazioni inflitte per taglio di chicane, Stefano Comini regala il primo podio stagionale alla Subaru Impreza di Top Run. Il podio di gara 2, invece, è completato ancora da Altoé (primo ma penalizzato di 5”) e da Max Mugelli.

Si è conclusa sul tracciato brianzolo anche la serie TCT, dove si era già laureato campione Raimondo Ricci nelle prove precedenti. Il tricolore ha comunque vinto anche gara 1 di quest’ultimo appuntamento per dare ancora una prova della sua superiorità con la Peugeot 308 Racing Cup, mentre nella gara conclusiva è stato Emiliano Perucca Orfei a conquistare la vittoria.

TCR 2017: classifica finale


1) Baldan Nicola (Seat Leon TCR Pit Lane Competizioni), 210 (213); 2) Scalvini Eric (Honda Civic TCR MM Motorsport), 158 (161); 3) Giacon Kevin (Opel Astra TCR Tecnodom Sport), 107; 4) Mugelli Max (Audi RS3 LMS TCR Pit Lane Competizioni), 97; 5) Kralev Plamen (Audi RS3 LMS TCR Kraf Racing), 63

TCT 2017: classifica finale


1) Ricci Raimondo (Peugeot 308 Racing Cup TCT Sport&Comunicazione by Autostar), 225; 2) Bernazzani Adriano (Peugeot 308 Racing Cup TCT Sport&Comunicazione by Autostar), 110; 3) Arduini Massimo (Peugeot 308 Racing Cup TCT Arduini Corse), 89; 4) Notarnicola Pasquale (Peugeot 308 Racing Cup TCT Sport&Comunicazione by Autostar), 75; 5) Perucca Orfei Emiliano (Peugeot 308 Racing Cup TCT Arduini Corse), 35.

PROSEGUI LA LETTURA

TCR 2017: Baldan è il campione, Ricci vola nel TCT é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 11:37 di Monday 23 October 2017

]]>
0
Porsche 911 Carrera T: informazioni, video e prezzo Mon, 23 Oct 2017 09:15:14 +0000 http://www.autoblog.it/post/894557/porsche-911-carrera-t-informazioni-video-e-prezzo http://www.autoblog.it/post/894557/porsche-911-carrera-t-informazioni-video-e-prezzo Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

La famiglia Porsche 911 si allarga ed accoglie la nuova Carrera T, un modello dedicato a chi vuole aumentare il carattere sportivo, richiamando la storica 911 T del 1968. Un’unica motorizzazione da 370 cavalli per una vettura già ordinabile ed in arrivo nelle concessionarie a partire dal prossimo mese di gennaio, con un prezzo per il mercato italiano pari a 111.586 euro (IVA inclusa).

A livello estetico, la Porsche 911 Carrera T è caratterizzata dallo spoiler anteriore, dagli specchietti retrovisori Sport Design e dai cerchi in lega Carrera S 20” con finitura Titan Grey. Passando al posteriore, notiamo l’impianto di scarico sportivo con terminali neri al centro, così come il logo ‘911 Carrera T’, presente anche sul profilo laterale della vettura. Uno degli elementi chiave è il telaio sportivo PASM di serie ribassato di 20 mm ed un peso minore di 20 kg rispetto alla 911 Carrera.

Entrando nell’abitacolo, troviamo sedili sportivi con regolazione elettrica a 4 vie di colore nero, con fascia centrale in tessuto Sport-Tex e poggiatesta con logo “911” ricamato in nero, ed il volante sportivo GT, con corona in pelle. La Porsche 911 Carrera T è spinta dal motore sei cilindri 3.0 litri da 370 CV e 450 Nm, abbinato alla trasmissione manuale (è disponibile anche il cambio PDK). La vettura accelera da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi e supera i 290 km/h di velocità massima.

PROSEGUI LA LETTURA

Porsche 911 Carrera T: informazioni, video e prezzo é stato pubblicato su Autoblog.it alle 11:15 di Monday 23 October 2017

]]>
0
Paddock Girls SBK Jerez 2017 Mon, 23 Oct 2017 09:00:34 +0000 http://www.motoblog.it/post/889978/paddock-girls-sbk-jerez-2017 http://www.motoblog.it/post/889978/paddock-girls-sbk-jerez-2017 Gianluca Gianluca