it_IT Motori Blogosfere.it - Ultime notizie della sezione Motori Tue, 16 Jan 2018 07:11:27 +0000 Tue, 16 Jan 2018 07:11:27 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogosfere.it/motori 2004-2014 Blogo.it ***Audi: con la gamma S in Val Gardena e Badia Sun, 31 Dec 2017 14:53:38 +0000 http://www.autoblog.it/post/902029/audi-con-la-gamma-s-in-val-gardena-e-badia http://www.autoblog.it/post/902029/audi-con-la-gamma-s-in-val-gardena-e-badia Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

Audi, sci, neve e lo splendido panorama delle Dolomiti: un weekend all’insegna di sport, motori e divertimento, quello trascorso tra Val Gardena ed Alta Badia. La casa dei quattro anelli è lo sponsor ufficiale della Coppa del Mondo di sci, così è stato naturale unire delle prove su strada delle vetture con la visione delle gare previste, una discesa e un gigante, nella tappa italiana del circus iridato.

Le auto a nostra disposizione per raggiungere le sedi delle gare erano della gamma S, quella più performante della casa tedesca. Dalla S4 Avant alla S5, per arrivare fino alla SQ7, ovviamente dotate di equipaggiamento invernale: io ho potuto provare la familiare nel tragitto da Milano ad Ortisei, mentre per il ritorno (dalla Gran Risa a Milano) mi sono messo al volante della S5.

Audi S4 Avant: da Milano a Ortisei

VOTO 9 Primo contatto
L’Audi S4 Avant è una familiare ‘inedita’. Ha lo spazio ed il comfort per portare tutta la famiglia, compreso un bagagliaio da una portata di 480 litri (con la possibilità di arrivare quasi a 1.000 con i sedili posteriori abbassati), ma le performance di una sportiva. E per rendersene conto, basta accendere e sentire il rombo del motore 3.0 TFSI da 354 CV e 500 Nm di coppia con cui è equipaggiata. Ma, non c’è solo questo: assetto ribassato di 24 mm rispetto all’A4, ruote da 19” e trazione integrale quattro con una taratura specifica.

Il risultato è una vettura molto divertente da guidare, anche se il rischio di andare oltre (e anche di molto) i limiti di velocità è piuttosto d’attualità, visto che appena si schiaccia un po’ sull’acceleratore ‘vola’, tanto che in autostrada ho deciso di utilizzare il cruise control, per non rischiare di prendere una multa con il tutor attivo. Il cambio S-Tronic ad 8 rapporti ha una taratura sportiva, con le prime marce più corte, per garantire uno scatto ancor più veloce.

Nonostante tutta questa sportività, gli oltre 300 chilometri fatti in autostrada sono stati confortevoli, arrivando facilmente a destinazione, grazie anche ad un navigatore preciso e puntuale nelle informazioni, come non sempre accade con i navigatori integrati nelle vetture. Il tratto finale, per raggiungere Ortisei, è su strade di montagna, con qualche tornante ed un fondo con un po’ di nevischio: l’Audi S4 Avant si guida come sull’asciutto, mantiene perfettamente la traiettoria e regala una sensazione di grande sicurezza.

Audi S5 Sportback: dall’Alta Badia a Milano

VOTO 8 Primo contatto
Il giorno successivo è dedicato allo sci, sulle spettacolari piste della zona, ed al trasferimento da Ortisei all’Alta Badia, per arrivare a domenica quando, dopo aver assistito al gigante, è tempo di rientrare a Milano. Questa volta al volante della S5 Sportback. Il motore è lo stesso della S4 Avant, cioè il 3.0 TFSI da 354 CV, lo spazio nell’abitacolo un po’ meno, visto che si tratta di una coupé 5 porta e non di una station: effettivamente, se un passeggero posteriore è alto, potrebbe essere meno comodo, sia con la testa che con le gambe.

Io non ho questo problema e, comunque, ero ovviamente al volante, quindi mi sono goduto un ambiente tecnologico e confortevole, con una strumentazione completa ed una posizione di guida ideale. Il primo tratto è sui tornanti del passo Gardena, fortunatamente senza traffico, così mi sono potuto davvero divertire, utilizzando la modalità Dynamic, sfruttando la potenza, la ripresa, uno sterzo preciso ed una stabilità di strada davvero ottima, nonostante l’asfalto viscido per la neve caduta nei giorni precedenti. Un piccolo appunto solo per il cambio ZF ad 8 rapporti, non sempre immediato nelle scalate, come ci si potrebbe attendere.

Arrivato a Bolzano, dopo un tratto di strada statale, è il momento di entrare in autostrada e percorrere nel senso inverso i 300 chilometri: in questo caso non ci sono grandi differenze, rispetto a quanto provato due giorni prima con la A4 Avant. Anche la S5 Sportback consente una guida confortevole e silenziosa, dovendo sempre stare attenti a non schiacciare troppo il pedale dell’acceleratore, per non incappare in infrazioni. Certo, fossimo stati in Germania, dove su alcuni tratti non ci sono i limiti, avrei potuto sprigionare tutta la potenza. Ma non si può avere tutto...

PROSEGUI LA LETTURA

***Audi: con la gamma S in Val Gardena e Badia é stato pubblicato su Autoblog.it alle 15:53 di Sunday 31 December 2017

]]>
0
***Renault Twingo R1A: la prova della vettura da rally Sun, 31 Dec 2017 10:03:05 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/150195/renault-twingo-r1a-la-prova-della-vettura-da-rally http://www.motorsportblog.it/post/150195/renault-twingo-r1a-la-prova-della-vettura-da-rally Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

Renault Twingo R1A – Il mondo delle corse è sempre stato caro a Renault, sia ai massimi livelli della Formula 1 che nel settore rally. Il marchio della Losanga, un anno fa, aveva deciso di sviluppare una vettura per la Classe R1: un modo per colmare il vuoto lasciato dall’uscita di scena della Twingo R2 e, nello stesso tempo, per poter avere costi di gestione accessibili, visto che le vetture di questa classe sono molto vicine ai modelli di serie. E’ nata così la Renault Twingo R1A.

La versione da rally è stata sviluppata, infatti, sulla base della versione stradale Twingo Energy TCe 90 cavalli. Ha debuttato sui campi di gara del Rally Sanremo 2016 come “gara-test” per poi dar vita al Trofeo espressamente dedicato a Twingo nell’ambito del Campionato Italiano Rally. Oltre alle 5 gare del C.I.R., sono stati ben 16 i rally che hanno visto la partecipazione di almeno una Twingo R1A. Un totale di 21 gare, in cui solo nella prova d’esordio c’è stato uno stop per motivi tecnici.

Ora la stagione è finita e la casa della Losanga ha fatto provare la Twingo R1A alla stampa e noi di Blogo Motori eravamo presenti. La prova si è svolta in un tratto di strada chiuso al traffico dell’appennino reggiano, della lunghezza di circa 1 chilometro, percorso all'andata a salire e al ritorno a scendere, per un totale di quattro tornate. C’era anche un navigatore d’eccezione per questo test, cioè il pilota locale Ivan Ferrarotti, plurivincitore proprio al volante di vetture Renault.

Il tracciato di circa 1 km è tutto al sole, le condizioni dell'asfalto sono buone, la strada è molto stretta e non è possibile andare troppo a corda per via delle cunette profonde. La vettura ha un motore vivace (103 CV e 185 Nm a 2200 giri), bisogna solo fare l'abitudine alla poca coppia che in fase di partenza che, soprattutto in salita, costringe a lavorare molto di frizione per evitare vuoti di erogazione. La tenuta è elevata, lo sterzo (servoassistito elettricamente) è sufficientemente preciso ma molto demoltiplicato e leggero (alla prima curva si resta spiazzati).

L'agilità della Renault Twingo R1A è eccellente, con un diametro di sterzata molto basso, così come appare buona la frenata, anche se non è stato possibile valutare la risposta al fading, visto il percorso breve. Il cambio manuale è rapido e preciso anche nelle scalate più impegnative. Insomma, ci siamo proprio divertiti e Renault è già pronta per la sfida per il 2017. Verrà realizzata una versione EVO, con prestazioni potenziate (128 CV e 215 Nm) e nuova elettronica Mektronic.

Renault Twingo R1A: scheda tecnica

Cilindrata 898 cc
Alesaggio 72,2 mm
Corsa 73,1 mm
Rapp. Compressione 9,5:1
Potenza 103 CV a 5800 giri/min
Coppia 185 Nm a 2200 giri/min
Elettronica Bosch Motronic
Impianto frenante Idraulico con ripartitore di frenata regolabile e freno a mano idraulico
Ammortizzatori Idraulici, regolabili
Altezza da terra Regolabile
Serbatoio Omologato FIA, 60 litri

PROSEGUI LA LETTURA

***Renault Twingo R1A: la prova della vettura da rally é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 11:03 di Sunday 31 December 2017

]]>
0
Porsche 911 GT3 on board allo Spa Rally 2017 [Video] Thu, 21 Dec 2017 15:47:01 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/156618/porsche-911-gt3-on-board-allo-spa-rally-2017-video http://www.motorsportblog.it/post/156618/porsche-911-gt3-on-board-allo-spa-rally-2017-video Rosario Scelsi Rosario Scelsi

Un video per gli amanti delle gare su strada ci porta a bordo di una Porsche 911 GT3 (serie 997) impegnata ad affrontare le insidie dello Spa Rally 2017. Le immagini raccontano l'intensità della sfida, condotta con ritmo brillante, in compagnia del rombo del motore dell'auto sportiva tedesca, che si dimostra molto versatile. Vedere il modo in cui il pilota interpreta il difficile scenario ambientale, al volante di un mezzo potente a trazione posteriore che richiede alta perizia sul piano del pilotaggio, mostra come in giro ci siano tante persone di mestiere, anche se poi sono in pochi a diventare campioni. Selezione naturale, anche fra le eccellenze.

PROSEGUI LA LETTURA

Porsche 911 GT3 on board allo Spa Rally 2017 [Video] é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 16:47 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Range Rover Evoque contro la madre di tutti i dossi artificiali Thu, 21 Dec 2017 14:45:53 +0000 http://www.autoblog.it/post/902228/range-rover-evoque-contro-la-madre-di-tutti-i-dossi-artificiali http://www.autoblog.it/post/902228/range-rover-evoque-contro-la-madre-di-tutti-i-dossi-artificiali Peppe Croce Peppe Croce



Una volta era difficile vedere una Range Rover che non fosse sporca di fango e non avesse abbondante ghiaia e terra tra i tasselli dei copertoni. Oggi la Range Rover Evoque è il modello più apprezzato della gamma ed è talmente lontano dall'immaginario dell'off road che ne esiste persino una versione convertible per non passare inosservati mentre si guarda il panorama percorrendo le litoranee.


Ma questo non vuol dire che, sotto sotto, l'Evoque non abbia un cuore fuoristradista. Per dimostrarlo arriva questo video promozionale di Land Rover, che tramite l'uso del paradosso mette in luce le doti tecniche del suo SUV. Senza fango, senza terra, senza pietre ma con un dosso artificiale.

Un enorme dosso artificiale, il dosso artificiale più grande di sempre o, come lo chiamano loro, "la madre di tutti i dossi artificiali". E' stato piazzato a centro di strada, in Inghilterra, e se lo sono trovato davanti molti automobilisti a bordo dello loro auto "normali".

La maggior parte di loro ha preferito fare inversione e cambiare strada. Qualcuno ha tentato di aggirarlo salendo sul marciapiede, ma un solerte vigile urbano ha impedito la manovra. Qualcun altro ci ha lasciato mezzo paraurti anteriore. Nel frattempo qualche ciclista si è divertito e un paio di runner ne hanno approfittato per scaldare i quadricipiti femorali.

Poi è arrivato uno stuntman a bordo di una Evoque e, magia, ha scavalcato il dosso senza troppa fatica. Missione compiuta, ma con un particolare: il dosso l'ha tagliato in diagonale, scatenando i dubbi dei commentatori su YouTube.

Commentatori ai quali Land Rover si è sentita in dovere di rispondere: "Altri piloti hanno sfidato il dosso mentre stavamo girando, ma nessuno è riuscito a superarlo fino all'arrivo del pilota sulla Range Rover Evoque! Per quanto riguarda l'angolo di avvicinamento diagonale - sospettiamo che in parte sia dovuto alla voglia del pilota di 'mettersi in mostra' di fronte alla folla andando su tre ruote sopra il dosso, e in parte sia stato fatto per evitare il traffico e i veicoli parcheggiati sulla strada".

A dirla tutta il driver dell'Evoque non aveva un granché di traffico da evitare ma, secondo altri commentatori su YouTube, senza un differenziale autobloccante o elettronico un dosso del genere non si passa. Né in diagonale né attaccandolo frontalmente.

PROSEGUI LA LETTURA

Range Rover Evoque contro la madre di tutti i dossi artificiali é stato pubblicato su Autoblog.it alle 15:45 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Mercedes Classe E All-Terrain Club House: dedicata ai golfisti Thu, 21 Dec 2017 14:00:17 +0000 http://www.autoblog.it/post/902219/mercedes-classe-e-all-terrain-club-house-dedicata-ai-golfisti http://www.autoblog.it/post/902219/mercedes-classe-e-all-terrain-club-house-dedicata-ai-golfisti Alessandro Pinto Alessandro Pinto

Da anni Mercedes compare al fianco dei golfisti nei Mayor di golf, ed è proprio a loro che viene dedicata la Mercedes Classe E All-Terrain Club House, nata con la collaborazione di Ascanio Pacelli e Focaccia Group di Cervia, già protagonista nell’allestimento della Smart forfood.

La Mercedes E All-Terrain Club House si distingue per le dotazioni che la rendono una vera club house mobile, grazie all'allestimento creato ad arte da Focaccia Group. Tra le novità c'è la possibilità di interagire con i suoi equipaggiamenti tramite l'app Club House dedicata.

Queste le principali caratteristiche che la distinguono dalla Classe E All-Terrain standard: un piano scorrevole con comando remoto via app, studiato per ospitare le sacche da golf; due vani per mantenere in ordine e avere sempre a portata di mano abbigliamento e calzature per il green, con vano di asciugatura per indumenti.

C'è anche un supporto per palline, tee e alza pitch; un vano portasciugamani; luci a led integrate lungo il profilo del piano; vano portaombrelli; Cassetto a scomparsa con movimento automatizzato; Frigobar con apertura frontale a cassetto; Vano alloggiamento del tablet con supporto per consultazione e ricarica; Power bank per smartphone, pc e tablet.

Fa parte dell’allestimento l’App Club House dedicata, curata da Samsung, che consente il movimento automatico del piano di alloggio delle sacche e del cassetto a scomparsa. Con un clic è possibile muovere il piano dove alloggiano le sacche da golf, il cassetto a scomparsa e trasformare il tablet in uno specchio.

L’App propone anche la sezione Golf Club dedicata al circolo Terre dei Consoli di Monterosi. I golfisti possono in questo modo controllare la conformazione del terreno, visualizzare le buche del percorso e ottenere tutte le informazioni utili sul campo.

PROSEGUI LA LETTURA

Mercedes Classe E All-Terrain Club House: dedicata ai golfisti é stato pubblicato su Autoblog.it alle 15:00 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
F1 in tv: Rai verso la rinuncia, Mondiale 2018 solo su Sky Thu, 21 Dec 2017 13:15:32 +0000 http://www.autoblog.it/post/902220/f1-in-tv-rai-verso-la-rinuncia-mondiale-2018-solo-su-sky http://www.autoblog.it/post/902220/f1-in-tv-rai-verso-la-rinuncia-mondiale-2018-solo-su-sky Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

Partenza Brasile 2017

Un brutto regalo di Natale arriva per una parte degli appassionati di Formula 1 italiani. Non c’è l’ufficialità, ma appare molto probabile la rinuncia della Rai al Mondiale 2018. Già nelle passate settimane si era parlato di una possibile riduzione dell’impegno, con sole quattro gare live e tutte le altre in differita, ma pare sia tramontata anche questa ipotesi, con un addio completo al circus.

Il motivo è legato alla decisione della tv di Stato di trattare i diritti della Champions League di calcio con Sky, dove ci saranno quattro squadre italiane dalla prossima stagione, oltre all’acquisizione dei diritti delle Olimpiadi invernali di Pyeongchang, già ufficializzata qualche giorno fa. Si vocifera anche dell’idea di Liberty Media della volontà di creare una propria piattaforma streaming, rendendo così meno appetibili per le televisioni l’acquisto dei diritti.

Ma resta una decisione che fa storcere il naso agli appassionati che non avranno quasi sicuramente il Mondiale in chiaro, proprio nell’anno in cui la Ferrari dovrebbe essere pronta per contendere il titolo alla Mercedes fino all’ultima gara. Se la rinuncia sarà ufficializzata (si parla di metà gennaio), la stagione si vedrà solamente su Sky, con l’ipotesi di qualche gara live su TV8 come per le moto.

PROSEGUI LA LETTURA

F1 in tv: Rai verso la rinuncia, Mondiale 2018 solo su Sky é stato pubblicato su Autoblog.it alle 14:15 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Nuova Nissan Leaf: 10 mila ordini in due mesi Thu, 21 Dec 2017 12:30:15 +0000 http://www.autoblog.it/post/902223/nuova-nissan-leaf-10-mila-ordini-in-due-mesi http://www.autoblog.it/post/902223/nuova-nissan-leaf-10-mila-ordini-in-due-mesi Peppe Croce Peppe Croce


nuova nissan leaf
Nuova Nissan Leaf: nessuno l'ha ancora vista ma in molti la vogliono. E' quanto sembrerebbe dai dati ufficiali sulle prenotazioni di questa auto elettrica a emissioni zero: 10.000 prenotazioni dalla presentazione europea dello scorso ottobre.

Un dato notevole considerato il fatto che la Nissan Leaf 2018 non è ancora arrivata fisicamente nelle concessionarie (ci arriverà a febbraio 2018), né è iniziata la campagna pubblicitaria. Per fare un raffronto su come e quanto siano cambiati i tempi dal 2010, anno di lancio della prima Leaf, all'epoca in due mesi le prenotazioni erano poche centinaia.


Nel frattempo, però, la Leaf è diventata una delle auto elettriche più vendute in europa, con 83.000 vetture consegnate ai clienti sino ad oggi. E negli stessi sette anni tutto il mercato dell'automobile è stato investito dalla rivoluzione delle motorizzazioni elettrificate. Oggi un'auto elettrica o ibrida non è più un veicolo per pochi ecologisti duri e puri.

Gareth Dunsmore, Direttore Veicoli Elettrici Nissan Europe, ha commentato: "Siamo felici dell'interesse dimostrato dai clienti in Europa nei confronti della nuova LEAF. Questo conferma il ruolo di leader di Nissan nella mobilità elettrica. La nuova Nissan LEAF non è solamente la seconda generazione dell’auto 100% elettrica più venduta al mondo, ma è anche l'icona della Nissan Intelligent Mobility". La produzione della nuova LEAF è iniziata a metà dicembre nello stabilimento Nissan di Sunderland, nel Regno Unito, ed è prevista una accelerazione delle attività per soddisfare la domanda dei clienti.

PROSEGUI LA LETTURA

Nuova Nissan Leaf: 10 mila ordini in due mesi é stato pubblicato su Autoblog.it alle 13:30 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Mercedes Classe A ibrida o elettrica: prime fotospia Thu, 21 Dec 2017 11:45:21 +0000 http://www.autoblog.it/post/902202/mercedes-classe-a-ibrida-o-elettrica-prime-fotospia http://www.autoblog.it/post/902202/mercedes-classe-a-ibrida-o-elettrica-prime-fotospia Peppe Croce Peppe Croce



Che Mercedes abbia tra i suoi piani industriali una progressiva, ma massiccia, adozione di motorizzazioni elettrificate è noto ormai da tempo e ve lo abbiamo già raccontato. Che la prossima Classe A 2018 possa avere anche una versione ibrida o elettrica è quindi assai probabile, ma non ci sono dichiarazioni ufficiali dalla casa di Stoccarda.

Ora però arrivano in redazione delle fotografie che lasciano proprio pensare a una versione elettrificata della nuova Mercedes Classe A, anche se non è chiaro se si tratti di una Classe A elettrica o di una Classe A ibrida plug in. Dalle foto sembra una normale Classe A 2018, di quelle che vi abbiamo già mostrato in passato più o meno camuffate. Ma l'elettrico sta nei dettagli.


Dettagli come l'adesivo "Hybrid" sul parabrezza, ma non solo: c'è anche un vistoso segnale "Caution! High Voltage" appoggiato sul sedile posteriore. Questo muletto ha, inoltre, due sportellini del serbatoio: quello normale sulla fiancata sinistra, comune a tutte le Classe A, e uno aggiuntivo sulla fiancata destra che lascia pensare a un connettore per la ricarica elettrica.

Quindi tutti i dettagli portano a una Classe A ibrida plug in. Tranne uno, che lascia ipotizzare una versione full electric: non c'è scarico sotto il pianale dell'auto. O, almeno, non è visibile. Quindi o si tratta di una Classe A elettrica o la futura Classe A ibrida plug in avrà lo scarico coperto dal paraurti posteriore. Terza ipotesi: lo scarico c'è, ma trattandosi di un prototipo non molto avanzato è ancora molto corto e vicino ai collettori.

La nuova Classe A farà il suo debutto nel 2018. Questo muletto lascia pensare che non passerà molto tempo tra il lancio ufficiale del modello e l'introduzione in gamma di una versione elettrificata: ibrida plug in, elettrica o, perché no, entrambe le versioni.

PROSEGUI LA LETTURA

Mercedes Classe A ibrida o elettrica: prime fotospia é stato pubblicato su Autoblog.it alle 12:45 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Uber perde la causa UE: UberPop deve chiudere Thu, 21 Dec 2017 11:00:42 +0000 http://www.autoblog.it/post/902192/uber-perde-la-causa-ue-uberpop-deve-chiudere http://www.autoblog.it/post/902192/uber-perde-la-causa-ue-uberpop-deve-chiudere Peppe Croce Peppe Croce


uberpop
La Corte di Giustizia Europea dà ragione ai tassisti spagnoli, tirando l'ennesima tegola sulla testa di Uber: la società non è un servizio di transazioni economiche tra clienti e autisti, ma un vero e proprio servizio di trasporto pubblico.

Di conseguenza tutti i suoi autisti devono essere figure professionali con tutti i requisiti previsti dalle normative europee e nazionali dei singoli Stati Membri. Conseguenza della conseguenza: addio UberPop, la versione popolare di Uber dove i tassisti sono gente normale, che ci mette la propria auto privata.


La vertenza tra i tassisti professionali e Uber in Spagna era sfociata nella Causa C‑434/15 (Asociación Profesional Elite Taxi contro Uber Systems Spain SL) alla Corte Europea di Giustizia. Causa che si è conclusa con l'accoglimento da parte della Corte di gran parte delle richieste di Elite Taxi.

La teoria di Uber era che la società si limitava a fornire una interfaccia per le prenotazioni e le transazioni economiche delle corse in taxi e, quindi, non poteva essere considerata una società di trasporto pubblico a tutti gli effetti. I tassisti spagnoli, e la Corte ha dato loro ragione, affermavano esattamente l'opposto.


Nella pratica ciò vuol dire che tutti i tassisti di Uber devono essere reclutati secondo la normativa europea sui servizi di trasporto pubblico, alla quale si aggiungono le rispettive normative nazionali dei singoli Stati dell'Unione. Tradotto: stop ai tassisti amatoriali di UberPop, gente comune che trasporta a pagamento passeggeri sulla propria auto privata.

Uber, dal canto suo, non si preoccupa più di tanto per questa sconfitta perché UberPop è sempre stato un business marginale rispetto a UberBlack, i taxi neri con scritta "Uber" guidati da tassisti professionisti.

PROSEGUI LA LETTURA

Uber perde la causa UE: UberPop deve chiudere é stato pubblicato su Autoblog.it alle 12:00 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Rally: incidente scenografico di un'Opel Astra [Video] Thu, 21 Dec 2017 10:18:59 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/156567/rally-incidente-scenografico-di-unopel-astra-video http://www.motorsportblog.it/post/156567/rally-incidente-scenografico-di-unopel-astra-video Rosario Scelsi Rosario Scelsi

Il video odierno ci mostra un singolare incidente occorso a una vecchia Opel Astra durante lo svolgimento di una prova speciale di un rally. Durante l'azione il pilota sbaglia i suoi calcoli e non riesce a tenere la traiettoria in curva, tagliando per la scarpata. Il recupero della strada giusta sembra dietro l'angolo, con il vantaggio di una scorciatoia, ma per la connessione bisogna superare una specie di gradino naturale che, combinato con l'angolo di percorrenza e con la velocità dell'auto, genera un ulteriore salto con cappottamento del mezzo, che va a fuoco. Per fortuna il pilota e il navigatore riescono ad uscire in tempo, scongiurando il peggio.

PROSEGUI LA LETTURA

Rally: incidente scenografico di un'Opel Astra [Video] é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 11:18 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Fiat 500: si aggiorna l'edizione Mirror Thu, 21 Dec 2017 10:15:24 +0000 http://www.autoblog.it/post/902159/fiat-500-si-aggiorna-ledizione-mirror http://www.autoblog.it/post/902159/fiat-500-si-aggiorna-ledizione-mirror Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

La Fiat 500 Mirror, dopo il successo della versione lanciata lo scorso aprile, si aggiorna ed ora è disponibile anche sulla 500L e 500X. Una serie dedicata agli amanti della tecnologia con il sistema Uconnect 7" HD Live, con integrazione con Apple CarPlay e compatibilità con Android Auto, e, su richiesta, la Mopar Connect, che coniuga i servizi di assistenza a distanza con i servizi di controllo.

Quest’ultimi permettono lo scambio di informazioni in tempo reale, come la localizzazione del veicolo, sia in caso di furto che per visualizzare la posizione dell’auto parcheggiata, bloccare o sbloccare le portiere da remoto e vedere le informazioni sullo stato della vetture. Oltre a questo, i servizi comprendono l’assistenza stradale ed il soccorso immediato in caso di incidente.

L’edizione Mirror si caratterizza anche per alcuni elementi estetici. La 500 propone gli specchietti retrovisori cromati, i fendinebbia, il paraurti anteriore con dettagli cromati, il badge "Mirror" sul montante e l'esclusiva livrea Azzurro Italia (optional). La 500X, invece, è caratterizzata dalla nuova livrea Blue Jeans (su richiesta), i dettagli cromo-satinati, il badge “Mirror” sul montante, i cerchi in lega da 17" nero opaco diamantato ed i proiettori anteriori Bi-Xenon. Chiudiamo con la 500L, con la livrea bicolore Blu Venezia con tetto Grigio Maestro, elementi cromati, il logo “Mirror” ed i cerchi in lega diamantati da 17”. Il prezzo dell'edizione Mirror partirà da 11.700 euro, con porte aperte di lancio il 13 e 14 gennaio 2018.

PROSEGUI LA LETTURA

Fiat 500: si aggiorna l'edizione Mirror é stato pubblicato su Autoblog.it alle 11:15 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Hyundai i30 Wagon: prova consumi di 1.200 km Thu, 21 Dec 2017 09:30:04 +0000 http://www.autoblog.it/post/901920/hyundai-i30-wagon-prova-consumi-di-1-200-km http://www.autoblog.it/post/901920/hyundai-i30-wagon-prova-consumi-di-1-200-km Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

La Hyundai i30 Wagon è arrivata sul mercato lo scorso mese di giugno, dopo la presentazione al Salone di Ginevra 2017. Ora abbiamo avuto l’opportunità di tenere la vettura per un paio di settimane, in cui ho potuto testare con accortezza la familiare coreana, con anche una prova di consumi reale su oltre 1.200 chilometri, sempre con la nostra classica formula da pieno a pieno, suddivisa in vari viaggi.

La vettura su cui ho effettuato il test è la i30 Wagon Style 1.6 CRDi da 136 CV, abbinata al cambio automatico DCT a sette rapporti, con i pacchetti Safety e Leather Pack, tetto panoramico e DAB. E’ la versione top di gamma e full optional: il prezzo di listino è di 29.200 euro e, con l’aggiunta degli optional previsti sul modello in prova, il costo della vettura di cui vi parliamo è pari a 33.200 euro.

COMFORT 9
L’interno dell’abitacolo è, così, fornito di tutti gli accessori per poter effettuare un viaggio confortevole, come richiede il cliente tipico di questo modello, cioè una famiglia, con figli al seguito. I sedili in pelle ed il volante regolabile garantiscono una posizione di guida decisamente comoda, così come il comfort viene aumentato dalla possibilità di riscaldare (o raffreddare) i sedili anteriori ed il volante. Un’opzione molto utile in questo periodo invernale, soprattutto quando si parte, dopo che la vettura è rimasta ferma all’aperto per un po’ di ore.

Il passo di 2.650 mm consente di trasportare tre passeggeri posteriori con adeguato spazio, sia per le spalle che per le gambe, anche se si tratta di tre adulti, così come il bagagliaio è davvero grande, con i suoi 602 litri di capacità, che possono arrivare a 1.650 litri, abbattendo i sedili posteriori, con sole due persone a bordo. C’è anche la possibilità di abbattere solo uno o due sedili, guadagnando spazio, ma consentendo il trasporto di una o due persone, oltre ai due anteriori.

MOTORE 7
Girando la chiave ed accendendo il motore 1.6 diesel da 136 CV, posso notare un propulsore senza un particolare spunto, nonostante i 300 Nm di coppia massima non siano così pochi. Tuttavia, nonostante un minimo di abbrivio in più non sarebbe stato comunque male, non è questo il motivo per cui un cliente acquista solitamente una station wagon.

Una familiare deve permettere un viaggio sicuro e comodo e, su questo, la vettura coreana è sicuramente promossa. Il motore consente una marcia fluida sia su strada che su autostrada, con un cambio preciso ed una cambiata che non si sente quasi nemmeno, così come la silenziosità è molto buona su tutti i tipi di strada, anche quando si tengono velocità più elevate.

SU STRADA 7.5
Complessivamente, le due settimane al volante della Hyundai i30 Wagon mi hanno fornito delle sensazioni molto positive su questa vettura, sempre in relazione al tipo di auto che stavo guidando. Il comfort è di alto livello e permette anche di effettuare viaggi lunghi, senza risentire particolarmente della stanchezza, vista la comodità e lo spazio sia per chi è al volante che per i passeggeri.

Come dicevamo, chi si attende una vettura grintosa, rimarrà un po’ deluso, visto appunto un motore non così brillante, anche se mettendolo in modalità sport sicuramente guadagna un po’ di sprint, ma per il resto la marcia scorre fluida e scorrevole, con buoni ammortizzatori quando ci sono da superare dossi o un asfalto un po’ dissestato e con uno sterzo preciso. In città gli oltre quattro metri e mezzo di lunghezza (4.585 mm per la precisione) fanno perdere un po’ di agilità e rendono un po’ più complicata la ricerca di un parcheggio, ma non il comfort.

Hyundai i30 Wagon: prova consumi

Hyundai i30 Wagon consumi

La prova consumi, come dicevo, l’ho effettuata su poco più di 1.200 chilometri, esattamente 1.235 km, con la formula da pieno a pieno ed affrontando un percorso misto, anche se la maggior parte in autostrada. Rispetto ai 4.3 l/100 km dichiarati dalla casa coreana, prendendo i dati ufficiali del percorso misto, i consumi si alzano un po’, visto che la media reale sul nostro percorso è di 6,39 l/100 chilometri.

In particolare, il primo tratto è quello in cui ho guidato principalmente in città, a Milano, facendo così salire il consumo a quasi 7 litri per 100 chilometri, mentre quando ho effettuato un tragitto esclusivamente in autostrada (il terzo), seppur con un po’ di traffico lungo il percorso, il consumo è sceso a meno di 6 l/100 km.

Voto Finale
7.5

Hyundai i30 Wagon: listino prezzi

Hyundai i30 Wagon: listino prezzi by Blogo Motori on Scribd

PROSEGUI LA LETTURA

Hyundai i30 Wagon: prova consumi di 1.200 km é stato pubblicato su Autoblog.it alle 10:30 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Bentley Flying Spur 2018: foto spia sulla neve Thu, 21 Dec 2017 08:45:49 +0000 http://www.autoblog.it/post/902158/bentley-flyng-spur-2018-foto-spia-sulla-neve http://www.autoblog.it/post/902158/bentley-flyng-spur-2018-foto-spia-sulla-neve Alessandro Pinto Alessandro Pinto

Dopo le recenti apparizioni su strada, la nuova Bentley Flying Spur è stata nuovamente pizzicata dalle nostre foto spia durante un test sulla neve, come dimostrano le immagini provenienti dalla Svezia che ci mostrano un muletto con le sembianze del modello attuale.

Al debutto manca infatti ancora un anno, Bentley però non perde tempo testando le nuove soluzioni meccaniche, messe duramente alla prova sulle strade innevate. La nuova Bentley Flying Spur sarà basata sulla piattaforma MSB-F condivisa con la Porsche Panamera e riprenderà nel frontale i tratti della Continental GT svelata nell'ultima edizione del Salone di Francoforte.

La nuova piattaforma, compatibile sia con la trazione posteriore che la trazione integrale, porterà in dote qualche cm in più di lunghezza ed un gran risparmio in termini di peso, oltre ad essere predisposta per ospitare sistemi di guida autonoma sempre più evoluti.

Oltre alla piattaforma, anche una parte della gamma di motori verranno ereditati dalla Panamera. Parliamo dei propulsori diesel e ibridi plug-in, ma è probabile che resti in gamma anche il 6.0 W12 twin turbo. Per vedere la nuova Bentley Flying Spur dovremo attendere ancora un anno: debutterà tra la fine del 2018 e l'inizio del 2019.

PROSEGUI LA LETTURA

Bentley Flying Spur 2018: foto spia sulla neve é stato pubblicato su Autoblog.it alle 09:45 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
SBK 2018, new look per Donington Park Thu, 21 Dec 2017 07:44:03 +0000 http://www.motoblog.it/post/901117/sbk-2018-new-look-per-donington-park http://www.motoblog.it/post/901117/sbk-2018-new-look-per-donington-park Gianluca Gianluca

Dopo il passaggio di proprietà durante l’inverno il circuito di Donington Park sarà sottoposto ad un'importante trasformazione con miglioramenti che saranno terminati in tempo per il round inglese del Mondiale Superbike, in programma a dal 25 al 27 maggio 2018. I lavori sono già iniziati e la struttura sarà rinnovata sia per quanto riguarda il tracciato sia per quanto riguarda gli spalti, verrà infatti aumentata la capienza degli spettatori e quindi un maggior numero di tifosi britannici potrà vivere e godersi dal vivo le derivate dalla serie.

donington-park-02.jpg

Uno dei più grandi cambiamenti nel circuito riguarderà lo sviluppo di un nuovo ristorante, bar e caffetteria nel cuore della struttura, nonché un nuovo ufficio che sarà adiacente al complesso della Formula E che si affaccia sul paddock, all'ingresso. Una nuova tribuna verrà eretta all'esterno della curva Hollywood, offrendo panorami ininterrotti che si estendono da prima della curva Redgate fino a quella di Craner e oltre, passando per le curve Starkeys e Schwantz.

donington-park-04.jpg

Oltre ai cambiamenti nell’immagine del circuito, l'ingresso del paddock attuale diventerà l'ingresso principale del circuito. Il principale accesso per i pedoni e i veicoli in quell'area verrà riadattato con miglioramenti che si estenderanno anche al tunnel stradale tra McLeans e Coppice, consentendo un accesso più facilitato al centro del circuito, specialmente per i campeggiatori. Altre ristrutturazioni saranno effettuate nel paddock ed ai blocchi di servizi igienici esistenti nelle aree più frequentate dagli spettatori che saranno completamente demoliti e sostituiti con strutture più grandi e moderne, che includeranno anche migliori servizi per cambiare i bambini e per l’accesso ai disabili.

“Non vediamo l'ora di lanciare la stagione 2018 di Donington Park con strutture notevolmente migliorate per tutti i nostri clienti, che si tratti di spettatori, concorrenti o partecipanti”, - ha dichiarato Giles Butterfield, Group Operations Manager di MSV. - “I lavori già in corso a Donington Park garantiranno che questo fantastico circuito sia in linea con le altre sedi in tutto il Regno Unito”.

PROSEGUI LA LETTURA

SBK 2018, new look per Donington Park é stato pubblicato su Motoblog.it alle 08:44 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Harley-Davidson Bronx: un nuovo modello da Milwaukee? Thu, 21 Dec 2017 07:00:00 +0000 http://www.motoblog.it/post/901108/harley-davidson-bronx-un-nuovo-modello-da-milwaukee http://www.motoblog.it/post/901108/harley-davidson-bronx-un-nuovo-modello-da-milwaukee Lorenzo Rinaldi Lorenzo Rinaldi

harley-davidson.jpg

Secondo quanto riportato dal sito trademarkia, lo scorso 8 dicembre Harley-Davidson ha depositato presso l’ufficio brevetti americano (US Patent and Trademark Office) i marchi “Bronx”, con il numero di registrazione 87713291, e “Harley-Davidson Bronx”, con numero di serie 87713759. Entrambi sono stati inseriti nella categoria “Vehicles and Products for locomotion by land, air or water” nell’ambito “Motorcycles and structural parts therefor” (motocicli e relative parti strutturali), il che lascerebbe supporre a un utilizzo per un nuovo modello di moto.

Modello che, visto il nome, potrebbe essere una urban cruiser in stile bobber con penumatici larghi dal fascino tenebroso come il distretto di New York da cui prende il nome. È solo un’ipotesi non confermata dall’azienda, che ovviamente non lascia trapelare nulla.

Tra i modelli più richiesti dagli appassionati ci sarebbe anche uno Sportster in versione scrambler, anche se in questo caso il nome Bronx non sarebbe tra i più appropriati, vista la destinazione d’uso. Secondo le normative americane in merito ai brevetti e ai marchi depositati, il nome può essere utilizzato entro la sua scadenza di 36 mesi, dunque potrebbe passare ancora parecchio tempo prima che l’arrivo di una Harley-Davidson Bronx diventi realtà.

PROSEGUI LA LETTURA

Harley-Davidson Bronx: un nuovo modello da Milwaukee? é stato pubblicato su Motoblog.it alle 08:00 di Thursday 21 December 2017

]]>
0
Suzuki: consegnata una Vitara XT ad Andrea Iannone [Video] Wed, 20 Dec 2017 17:00:44 +0000 http://www.autoblog.it/post/902091/suzuki-consegnata-una-vitara-xt-ad-andrea-iannone-video http://www.autoblog.it/post/902091/suzuki-consegnata-una-vitara-xt-ad-andrea-iannone-video Alessandro Pinto Alessandro Pinto

Con il Motomondiale 2017 appena concluso Andrea Iannone lascia ai box la sua Suzuki GSX-RR per salire su una Suzuki VITARA XT con tecnologia 4WD AllGrip, consegnatagli a Bologna nell'edizione del MotorShow apppena conclusa.

Durante la stagione invernale Andrea Iannone potrà quindi godere del sistema a trazione integrale AllGrip di cui è dotata la Vitara XT, la serie speciale a tiratura limitata che rappresenta la più recente novità della gamma, equipaggiata con il motore 1.4 BoosterJet da 140 CV.

Durante l’evento, Iannone ha mostrato di avere confidenza anche con le quattro ruote guidando una Suzuki Swift 1.0 Boosterjet Hybrid S in livrea MotoGP nel circuito allestito nell'Area 48 ed ha ringraziato Suzuki dichiarando: "Ho scelto Vitara XT con motore 1.4 Boosterjet e cambio automatico, perché la trovo perfetta sia per muoversi ogni giorno nel traffico senza stress sia per divertirmi nella guida off-road, ogni volta che voglio. Apprezzo le comodità, ma voglio avere sempre la giusta riserva di potenza e libertà a disposizione”.

La Suzuki Vitara XT è sviluppata sulla base dell’allestimento S dal quale eredita cerchi in lega da 17” Nero lucido, griglia anteriore sportiva, sistemi di sicurezza attiva di ultima generazione, fari anabbaglianti a LED, navigatore con mappe 3D, Bluetooth, sedili riscaldabili in pelle e microfibra con cuciture rosse.

L'anima offroad della Vitara XT è sottolineata dai fascioni paracolpi laterali, protezione sottoscocca anteriore rinforzato, passaruota maggiorati e sticker con motivo a ‘giraffa’ sul profilo laterale. Completano il quadro climatizzatore automatico, Radar Brake Support con funzione “attentofrena”, Adaptive Cruise Control e Rear Camera con sensori anteriori e posteriori.

Il prezzo di Suzuki Vitara XT è di € 28.900 per la versione con cambio manuale e di € 30.400 per la versione con cambio automatico 6 A/T.

PROSEGUI LA LETTURA

Suzuki: consegnata una Vitara XT ad Andrea Iannone [Video] é stato pubblicato su Autoblog.it alle 18:00 di Wednesday 20 December 2017

]]>
0
Bmw M1 gruppo 5, on board sul circuito di Hockenheim [Video] Wed, 20 Dec 2017 15:41:13 +0000 http://www.motorsportblog.it/post/156602/bmw-m1-gruppo-5-on-board-sul-circuito-di-hockenheim-video http://www.motorsportblog.it/post/156602/bmw-m1-gruppo-5-on-board-sul-circuito-di-hockenheim-video Rosario Scelsi Rosario Scelsi

Il video odierno ci porta idealmente a bordo di una Bmw M1 gruppo 5, sul circuito di Hockenheim, facendoci vivere le emozioni di un'automobilismo d'altri tempi, ricco di fascino genuino e sonoro.

Questa granturismo a motore centrale, spinta da un melodioso 6 cilindri in linea di 3.4 litri con lubrificazione a carter secco, poteva contare nella versione stradale su una riserva energetica di 277 cavalli, abbinata a una coppia massima di 330 Nm a 5000 giri al minuto. La potenza cresceva a quota 470 cavalli per la versione destinata al campionato monomarca ProCar, dove fu condotta anche da grandi nomi della Formula 1, come Nelson Piquet e Niki Lauda.

Oggi, che siamo ad oltre 35 anni da quegli eventi, fa sempre piacere vederla all'opera, per le sensazioni regalate dal modello, in questo caso spinto da un cuore con 540 cavalli all'attivo. Lasciamo la parola alle immagini. Buona visione e buon ascolto delle riprese on board.

PROSEGUI LA LETTURA

Bmw M1 gruppo 5, on board sul circuito di Hockenheim [Video] é stato pubblicato su Motorsportblog.it alle 16:41 di Wednesday 20 December 2017

]]>
0
Opel: dopo un 2017 da record, ora il "futuro appartiene a tutti" Wed, 20 Dec 2017 14:00:49 +0000 http://www.autoblog.it/post/902040/opel-dopo-un-2017-da-record-ora-il-futuro-appartiene-a-tutti http://www.autoblog.it/post/902040/opel-dopo-un-2017-da-record-ora-il-futuro-appartiene-a-tutti Alessandro Pinto Alessandro Pinto

opel-grandland-2017.jpg

L'anno che sta per chiudersi passerà alla storia per il Marchio Opel, che non aveva mai lanciato tanti nuovi modelli come negli ultimi 12 mesi, i primi dopo lo storico matrimonio con il Gruppo PSA.

Nel corso del 2017 da Russelsheim sono infatti usciti Crossland XGrandland XKarl Rocks, Insignia Grand SportInsignia Sports Tourer e Insignia Country Tourer per rinnovare la gamma.

Il momento topico dell'anno è stato il Salone di Francoforte dove Michael Lohscheller, CEO di Opel, ha presentato tre anteprime mondiali: “Insieme a Groupe PSA stiamo creando un grande gruppo europeo. Daremo il nostro contributo continuando a realizzare tecnologia ‘made in Germany’ accessibile per il maggior numero di clienti possibile, in linea con la promessa del nostro marchio: 'il futuro appartiene a tutti'”. 

Un anticipazione del futuro Opel ce l'ha già fornita con l'Ampera-e, prima anticipazione del percorso della Casa del Fulmine verso l'elettrico, con l'obiettivo di avere in gamma entro il 2024 solo modelli offerti anche in versione elettrica o ibrida plug-in.

Nel frattempo, entro il 2020 usciranno quattro nuovi modelli elettrici o elettrificati, tra cui Grandland X Phev e la prossima generazione di Corsa che includerà anche una versione 100% elettrica.

PROSEGUI LA LETTURA

Opel: dopo un 2017 da record, ora il "futuro appartiene a tutti" é stato pubblicato su Autoblog.it alle 15:00 di Wednesday 20 December 2017

]]>
0
Mazzanti Evantra Millecavalli: l'hypercar italiana più potente [Video] Wed, 20 Dec 2017 13:15:31 +0000 http://www.autoblog.it/post/902031/mazzanti-evantra-millecavalli-lhypercar-italiana-piu-potente-video http://www.autoblog.it/post/902031/mazzanti-evantra-millecavalli-lhypercar-italiana-piu-potente-video Alessandro Pinto Alessandro Pinto

Sta per vedere finalmente la luce l'ultima creatura artigianale di Luca Mazzanti, titolare dell'omonima azienda che sta sviluppando l'hypercar Mazzanti Evantra Millecavalli, prima auto italiana a raggiungere i 1000 cv senza l’ausilio di propulsori elettrici.

L'azienda di Pontedera ha infatti diffuso un video che mostra le fasi finali dello sviluppo della Evantra Millecavalli, il cui numero evoca la potenza proprio come avviene per la Evantra 771, che va a sostituire.

Verrà realizzata in soli 25 esemplari ed è spinta da un motore un V8 da 7.2 litri, lo stesso della Corvette Z06, a cui sono state aggiunte due turbine che ne hanno incrementato la potenza a 1000 cv, con una coppia di ben 1.200 Nm. Le prestazioni sono da record: accelerazione da 0 a 100 in 2,7 secondi e 400 km/h di velocità massima.

La vettura poggia su cerchi OZ Racing gommati con pneumatici Pirelli Pzero Trofeo R, mentre è griffato Brembo l'impianto frenante carboceramico  in grado di fermare la Millecavalli, lanciata a 300 km/h, in 7 secondi.

L'ultimo video pubblicato da Mazzanti Automobili anticipa un filmato che vedremo nel 2018, dove verranno mostrate le fasi finali dello sviluppo della Millecavalli. Seguito personalmente da Loris Bicocchi, affidabile collaudatore di Bugatti, Koenigsegg, Lamborghini e Pagani. Una garanzia per i facoltosi appassionati che l'acquisteranno.

PROSEGUI LA LETTURA

Mazzanti Evantra Millecavalli: l'hypercar italiana più potente [Video] é stato pubblicato su Autoblog.it alle 14:15 di Wednesday 20 December 2017

]]>
0
Jeep Cherokee 2019: prima immagine ufficiale Wed, 20 Dec 2017 11:45:20 +0000 http://www.autoblog.it/post/901908/jeep-cherokee-2019-prima-immagine-ufficiale http://www.autoblog.it/post/901908/jeep-cherokee-2019-prima-immagine-ufficiale Fabio Cavagnera Fabio Cavagnera

Jeep Cherokee 2019

Il Salone di Detroit 2018 vedrà il debutto della rinnovata Jeep Cherokee, con il Model Year 2019, ed il marchio del gruppo FCA ha rilasciato la prima immagine ufficiale del restyling, in attesa di fornire tutte le altre informazioni il prossimo 16 gennaio. In quella data, infatti, ci sarà l’anteprima mondiale all’appuntamento statunitense e verranno svelati tutti i dettagli di questo modello.

Dalla foto fornita, possiamo notare un design rinnovato, pur sempre fedele al DNA Jeep, che riprende in alcuni aspetti quello della Jeep Compass, ma andando più verso una caratteristica premium. Tra le novità principali possiamo vedere l’addio alla soluzione dei gruppi ottici anteriori sdoppiati, per una proposta più elegante e tradizionale.

Per quanto riguarda la parte tecnica, non sono stati forniti i dettagli sulle motorizzazioni, ma la vettura verrà abbinata ai sistemi di propulsione ormai collaudati sia a benzina che diesel. La Jeep Cherokee 2019 sarà la seconda novità in pochi mesi per il gruppo, visto che al Salone di Los Angeles di meno di un mese fa, aveva portato al debutto la nuova Jeep Wrangler.

PROSEGUI LA LETTURA

Jeep Cherokee 2019: prima immagine ufficiale é stato pubblicato su Autoblog.it alle 12:45 di Wednesday 20 December 2017

]]>
0